Napoli Fiorentina, il 'volo' di Ferrara e un Maradona in tono minore



Napoli - Fiorentina è stata la grande sfida tra i n.10 Diego Armando Maradona e Roberto Baggio.

Il 28 ottobre del 1990 invece il n.10 della squadra viola era Diego Fuser, arrivato in prestito dal Milan. Baggio infatti si era trasferito alla Juventus. Borgonovo, tornato dal Milan, era infortunato: così davanti giovavano il rumeno Lacatus e Nappi, due attaccanti veloci, ma che non avrebbero mai garantito il numero di reti segnate dalla B2 due anni prima: Baggio 15, Borgonovo 14.

Maradona scese in campo in quel 28 ottobre, alle spalle di due attaccanti Silenzi e Incocciati, ma la sua prestazione fu insufficiente. Mimmo Carratelli, nel suo resoconto pubblicato sul Guerin Sportivo, inserì il "Pibe de Oro" tra le cose che non avevano funzionato, scrivendo: "Un Maradona in tono minore".

Qualche giorno dopo il Napoli si giocava la qualificazione al turno successivo di Coppa dei Campioni, nell'insidiosa trasferta in Russia sul campo dello Spartak Mosca, ma il campione argentino non viaggiò con i suoi compagni. Arrivò in ritardo, dopo aver noleggiato un volo privato. Partì dalla panchina, entrò a gara in corso, ma i partenopei bissarono lo 0-0 dell'andata. Ai rigori vinse lo Spartak.

Quel Napoli - Fiorentina fu deciso invece da Ciro Ferrara, generoso difensore napoletano, che dopo 45 secondi (cinquanta la Rai) fu protagonista di un volo d'angelo che incenerì il portiere Landucci, "uccellato" (come si diceva ai tempi) nell'uscita, ma comunque assolto nelle pagelle sportive, perché probabilmente si decise che era stata una prodezza del difensore e non un errore dell'estremo difensore.

La moviola di Paolo Sabellucci con il gol di Ferrara

Un mio compaesano, compagno di classe alle superiori e tifoso della Juventus, atletico, ma non dotato tecnicamente, quando giocava a calcetto lo faceva nel ruolo di difensore, emulando le gesta di Ferrara, colonna della difesa bianconera.

Non vide mai quel gol in tuffo.

Altrimenti nelle incursioni offensive avrebbe tentato di imitare quel volo d'angelo e non le rovesciate di un altro suo beniamino, Antonio Conte.



Commenti

  1. Baggio è stato un giocatore molto talentuoso ma non può accostarsi minimamente a Maradona, unico e irripetibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Però ricordo bene il gol meraviglioso che Baggio fece nel 1989 al Napoli di Maradona ;)

      Elimina
    2. Ciao 👋 ho visto che hai aperto questo nuovo blog, ti seguo! E buona fortuna per questa tua nuova avventura!😊

      Elimina
    3. Grazie Vane! Mi fanno molto piacere i tuoi auguri :)

      Elimina
  2. Sembra un pò il gol di Aldo in "Tre Uomini e una Gamba", quando esce dalla sabbia ^^
    Ciro Ferrara l'ho sempre poco amato, essendo stato a lungo alla Juventus. Ma a livello umano sembra anche simpatico, o almeno, "Danette, Danone!" gli veniva bene ^^ Da allenatore ha avuto l'occasione della vita, perchè allenare la Juve è quasi sempre una garanzia, purtroppo per lui ha steccato e si è bruciato, insomma ha fatto la fine di Gigi Maifredi, ma lui a inizio carriera. Ho però visto che è molto presente in tv come opinionista, e penso gli vada bene così.
    La partita ovviamente non la ricordo, come detto io vado dal '93 in poi come ricordi "chiari" nella mente, ma i nomi citati qui e là nel tuo post li conosco bene. Menzione particolare epr Diego Fuser, detto "l'ex" ai tempi del breve ritorno nella Capitale, sulla sponda però "giusta" del tevere: Capello lo apprezzava tanto, la tifoseria ovviamente meno, anche se comunque si comportò secondo me molto professionalmente, ma con un passato di quel tipo... difficile entrare nei cuori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche io ho pensato a quel gol :D. "Danette, Danone", ahhaha che tormentone! Ferrara a me è sempre stato simpatico,lo ritengo simpatico anche da opinionista (da ex compagno di Maradona, è sempre molto pro Messi e meno per Cristiano Ronaldo).
      Diciamo che da allenatore Maifredi è stato un "meteorone"; ma diversamente da Ferrara ha scritto una pagina importantissima del calcio bolognese.
      Fuser è uno di quei gregari che oggi sarebbero d'oro un po' in tutte le squadre :)

      Elimina
  3. A livello calcistico, stando a quanto mi raccontava papà, Maradona non è assolutamente equiparabile al Codino.
    Ma io voglio dare a Baggio una medaglia umana, sebbene quasi chiunque la riceverebbe sfidando l'Argentino.. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaro, Maradona è stato uno dei tre giocatori più forti al mondo con Pele', Cruyff (presto entreranno nella graduatoria anche Messi e Cristiano Ronaldo, credo). Ma Baggio è un mito!

      Elimina
  4. Baggio è stato segnato da diversi infortuni patiti da giovane.. non oso pensare se fosse stato integro fisicamente fin da subito. Ricordo che se avessimo vinto quei maledetti rigori del 1994 saremmo noi i "pentacampeon" e il Brasile sotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, fisicamente non ha avuto tregua. Nei mondiali del '94 però ci fece davvero esaltare, dopo le prime difficoltà estrasse dal cilindro prestazioni eccezionali.

      Elimina
  5. Diego Fuser lo ricordo per il coro che gli avevano dedicato i pigiamati, sulle note di Ufo Robot.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, figurati se mi ricordo le parole di un loro coro... il ritornello era "ma chi è? Ma chi è? Diego Fuser, Diego Fuser!".

      Elimina
    2. Leggo da un forum di tifosi della Lazio: "Si trasforma in un raggio missile dai circuiti da mille valvole sulla fascia sprinta e va, ma chi è, ma chi è Diego Fuser Diego Fuser..."

      Elimina
  6. Questi giocatori me li ricordo tutti persino io.
    Vedi che alla fine non sono poi tanto male :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi anche il danette danone cantato da Ferrara nello spot tv? :D
      Bene, ma domani leggerai un post di ricordo che potrebbe piacerti :D

      Elimina
  7. Ecco, questi sono tra i nomi i giocatori che ricordo così bene e che mi aprono finestre nel cuore... Come sai io tifavo e tifo Milan, ma mio papà era un tifoso sfegatato del Napoli.
    Poi al di là di tutto avevo un posto speciale nel cuore per la B2... Baggio-Borgonovo mi emozionavano, non so perchè.
    E apro parentesi: che dolore per il tragico destino di Stefano Borgonovo poi :(
    Tornando alla partita di cui parli nel post: grande Ciruzzo Ferrara :) un giocatore bravo e una bella persona secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baggio è stato un grande campione, Borgonovo era un talento che purtroppo ha brillato poco. Ma si è fatto sempre apprezzare, era un bravo ragazzo :/.
      Ferrara mi è sempre stato simpatico!

      Elimina
  8. Torno sempre sulle maglie: ho una bellissima NR Mars in lanetta dell'anno prima dello scudetto 😊 naturalmente col numero 10 cucito! Di Maradona ho anche una Le Coq Sportif dell'argentina dell'86...quella in trama leggermente "retata"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pardon, la NR del Napoli è quella dell'anno in cui conquistarono il secondo scudetto...non so se si era capito dal commento di prima, mi sembrava scritto male! 😉

      Elimina
    2. P.P.S. Non è la "Retrofootball", il logo Mars è serigrafato, più piccolino e leggermente "consumato" visto da vicino 😊

      Elimina
    3. Fantastiche maglie entrambe...ma dove le avevi prese?

      Elimina
    4. Tramite un ragazzo di un negozio che non esiste più, per lo più vendeva maglie e merchandising "attuale" con alcune aggiunte di Toffs di importazione dall'Inghilterra: belle belle! Ed erano le prime che si potevano vedere in giro!

      Così parlando gli chiesi se aveva una Toffs del West Ham a magazzino (periodo Moore/Hurst/Peters per intenderci) che in caso, qualora non disponibile, avrei ordinato...una chiacchiera tira l'altra e insomma mi rimediò invece una Pony del centenario, molto gradita peraltro (e carina con le "bubbles" in trama 😊)

      Da lì mi disse che aveva qualche canale di scambio attendibile e così trovai questi due pezzi...quasi sicuramente la Le Coq è una replica di qualche anno dopo, non dico che sia proprio dell'86, ma è molto molto bella!

      Elimina
    5. Non mi far pensare ai negozi che non esistono più..quando non avevo fondi personali, c'erano negozi pieni di maglie XD. Ricordo un negozio grande (in un capannone industriale) sulla Superstrada per San Marino, si chiamava Giacomelli Sport, aveva una parete solo di maglie..era il 2002-03...C'era anche la maglia di Bazzani della Sampdoria che giocava in B.
      Roba che oggi, se esistesse, ci andrei e farei fuori lo stipendio di un mese in un dieci minuti :D

      Elimina
    6. Giacomelli Sport era anche qui a Perugia! 😁 ma più che altro qui aveva roba "tecnica", casual e attrezzature da palestra, tempo libero....una specie di zio di Decathlon!

      Elimina
    7. Esatto un precursore del decathlon! Infatti aveva una parete piena di maglie, le altre tre e tutti gli scaffali erano roba tecnica e attrezzature da palestra!

      Elimina

Posta un commento