Berlusconi patron del Monza: via capelli lunghi, barbe, orecchini e tatuaggi!

Foto dal twitter di Silvio Berlusconi

Dal 28 settembre scorso il Monza, squadra militante nel girone B della Serie C, è di proprietà di Fininvest e di Silvio Berlusconi. Sono 2,9 i milioni di euro scuciti dall'ex patron del Milan per il suo ritorno nel calcio. L'amministratore delegato è il fido Adriano Galliani, per ora non ci sono stati cambiamenti nello staff tecnico.

Berlusconi ha parlato per la prima volta da presidente del Monza durante un evento organizzato da Forza Italia.

Non ha promesso la Serie A in due anni, mercato faraonico o gli elicotteri per la presentazione dei giocatori.

Non ha parlato di tattica, anche perché  l'allenatore del Monza, Zaffaroni, schiera già l'attacco con due punte, come piace a lui.

Berlusconi ha tirato fuori dal cassetto la sua idea di una squadra "di giuovani italiani", senza stranieri; sicuramente un progetto più valido a Monza che al Milan. Ma questi "giuovani italiani", ha spiegato l'ex Presidente del Consiglio, dovranno "dare un contributo alla prossima nazionale italiana".

La parte più interessante del discorso di Silvio Berlusconi è stata quella relativa ai "comandamenti" per i suoi giocatori.

Fairplay in campo, con strette di mano agli avversari a fine della partita, scuse in caso di fallo, rispetto dell'arbitro (e qui nulla di strano).

Look non trasandato: abbigliamento sobrioal bando capelli lunghi, barbe lunghe, addirittura tatuaggi e orecchini (ma chi è già tatuato dovrà mettere sempre la sottomaglia per coprire le braccia? Oppure sarà messo sul mercato?).

Relativamente alle capigliature, Berlusconi ha detto di essere già d'accordo con il parrucchiere n.1 di Monza che si è offerto di tagliare i capelli gratis.

Il parrucchiere non dovrebbe perdere troppi soldi.

I giocatori del Monza infatti, ad occhio, mi sembrano tutti a posto con il look, tranne il neo acquisto Iocolano, che dovrà sfoltire il suo "cespuglio" di ricci, e l'attaccante Cori, uno dei giocatori più rappresentativi, che anche ai tempi del Santarcangelo sfoggiava capelli lunghi legati e barba lunga.

Cori in maglia gialloblu del Santarcangelo

Infine gli autografi: Berlusconi ha detto che i giocatori non dovranno firmare con uno schizzo, ma con nome e cognome.

Cioè i calciatori mettono le X al posto di scrivere il loro nome e cognome?

Ma voi, cosa ne pensate delle regole di Silvio Berlusconi?

A me fanno sorridere, perché il suo ultimo Milan era pieno di giocatori anti sobrietà, iper-tatuati e barbuti, che pensavano più al look che al pallone...

Commenti

  1. Quindi le tue anticipazioni erano esatte..
    Non ho capito sinceramente queste regole..
    Manco fossimo al militare.
    Poi, dettate da lui, fanno un po' specie.. Per via della sua condotta non esattamente impeccabile.
    Ma vabbè, chi è senza peccato......... 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui ha avuto sempre la fissa, almeno a parole, per questa cosa del look. Poi Maldini da giovane aveva i capelli lunghi, Simone pure..ma non è mai stato detto nulla. Hai detto bene: regole da Militare. Ma tanto non saranno applicate ahahah

      Elimina
  2. Risposte
    1. Diciamo la verità, Pirk. E' un giocattolino costoso. Giusto per permettersi il gusto di fare ogni tanto "sparate" come queste XD. Ma non si sono resi conto, in Fininvest, che già arrivare in Serie B non sarà una passeggiata di salute. Ad ogni modo la visibilità c'è anche adesso in C, quindi questo preoccupa meno, a quanto pare :D

      Elimina
  3. Ho sempre tifato Monza, dopo il Milan... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io divenni sostenitore del Monza nel 1997, quando divennero la nostra seconda squadra. Da allora non mi ha mai abbandonato la simpatia per loro

      Elimina
  4. Risposte
    1. Direi Cribbio :D, per usare un'espressione cara a Berlusconi XD

      Elimina
  5. Risposte
    1. Infatti sai perché? Perché alla fine i giocatori faranno come cavolo gli pare :D.
      Magari si presteranno alla prima "tosata" poi saluteranno il parrucchiere. Per non parlare dei tatuaggi...mandano via i giocatori con i tatuaggi? ahahah

      Elimina
  6. Una volta c'erano anche alla Juve delle regole simili, ricordo Rui Barros appena arrivato e subito mandato a "tosare" :D Ora se ne fregano abbastanza...direi che come capelli e tatuaggi siamo un po' fuori tempo, per il resto sono d'accordo, rispetto per l'arbitro, avversari e tifosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti le regole del rispetto dovrebbero (e credo valgano in teoria) per tutte le squadre. Proprio oggi se ne parla sul magazine della gazzetta, citando lo splendido esempio dell'ex capitano del Barca Puyol, che in una partita prese un ceffone, ma il suo pensiero fu quello di allontanare i compagni infuriati che volevano vendicare l'offesa presa dallo stesso Puyol :D

      Elimina
  7. E giusto la maglia numero 1 poteva accettare...
    Mi sembrano sproporzionate queste richieste. Parliamo di calciatori mica di chierichetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah, sì, la maglia n.1 non manca mai :D. Sproporzionate, in effetti come detto, alla fine verranno seguite all'inizio (per i capelli)

      Elimina
  8. Giuro, finché non ho letto che sono effettivamente dichiarazioni reali, ho riso come un matto. E quando ho capito che era tutto vero... ho riso ancora di più ahahahahah
    Sono parole talmente tanto assurde da far tenerezza, dico davvero ahahahah povero Berlusconi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando era presidente del Milan e diceva del "Milan giuovane e italiano" mi veniva male, tanto più che Gallani continuava a prendere stranieri vecchi e bidoni a parametro zero :D

      Adesso mi fa veramente sorridere :D

      Elimina
  9. Posso accettare tutto e dico tutto, orecchini, capelli lunghi, pure, pure i tatuaggi...ma non toccatemi la barbaaaaa!
    Ma che cosa ne dicono i calciatori di tutto questo? Firmeranno un contratto apposito in cui se non rispettano le regole verranno cacciati? Ma soprattutto, invece di pensare al look, non sarebbe stato meglio che so, offrire una scuola di portamento e bonton che ogni volta che vedo un calciatore sputacchiare sul campo vomito pure gli occhi?xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, sulla barba immagino non sia concessa quella lunghissima e folta XD, una barba di 3 mm non credo sconvolga il fegato di Berlusconi. O no?

      Il discorso è che al giocatore capelluto perdoneranno la cosa se segnerà tanti gol, altrimenti lo manderanno via (ma non per i capelli, credici :D).

      Comunque gli sputi a terra sono concessi dal regolamento berlusconiano XD

      Elimina
  10. Solo la copertina vale il post! 😁
    Interessante il volere giocatori sobri anche se sa un po' di dittatura.

    RispondiElimina
  11. Ma il senso di queste regole? Ok, posso capire i piercing da non tenere durante una partita per una questione di praticità, ma niente tatuaggi, niente barba? Benvenuto Medioevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaa, benvenuto Medioevo è uno slogan che sentiremo presto, anche fuori dal calcio XD.

      Elimina
  12. Eccomi, finalmente riesco a commentare...! :)
    Meno male che Silvio c'èèèèèè! XD
    Che dire, secondo me le sue regole sono più una battuta che altro, forse una frecciatina...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto...alla fine rimarranno barbe e capelli...ahahah..tatuaggi e orecchini. Però lontano dal Milan ammetto che il suo folklore diverte ahahga

      Elimina

Posta un commento