Tango argentino a Milano, Ancelotti superstar

Foto Zimbio/Getty Images

Il campionato si ferma per la sosta in nazionale lasciando alcuni interessanti temi di discussione: lo strapotere juventino, l'efficace turnover di Ancelotti al Napoli, il buon momento di Inter e Milan, il ritorno della Roma. Ecco "top" e "flop" dell'ottava giornata.

1) ICARDI (INTER) e HIGUAIN (MILAN). A Milano si balla il tango argentino: Higuain ha segnato 6 reti in 7 partite (il precedessore Kalinic ne fece 6 in un anno), la doppietta di Icardi salva una brutta Inter a Ferrara. I nero-azzurri sono la terza forza del campionato e sono destinati a lottare con il Napoli per il secondo posto.

2) ANCELOTTI (NAPOLI). Lascia fuori Insigne, Milik, Callejon, Hamsik e Allan, ma vince e convince contro il Sassuolo, dopo lo strepitoso successo in Champions League con il Liverpool. De Laurentis gli aveva chiesto un Napoli competitivo anche in Europa e un ampio turnover. Ancelotti non sta sbagliando un colpo.

3) SILIGARDI (PARMA). In estate, sugli esterni offensivi, oltre a Gervinho c'erano Ciciretti, Biabiany, Del Gaudio e Sprocati. In pratica Siligardi era ai margini, da fuori lista. Siligardi è sempre stato un talento inespresso, ma il suo "sinistro" non va sottovalutato. Contro il Genoa segna una rete pregevole e offre un'ottima prestazione, ripagando la fiducia di mister D'Aversa.

DIETRO LA LAVAGNA: Locatelli (Sassuolo). Ai tempi della primavera del Milan giganteggiava nel centrocampo rossonero, all'esordio in prima squadra fece benissimo segnando anche due reti pesanti (contro Sassuolo e Juventus). Dopo i brillanti esordi, si è involuto. A Sassuolo doveva ritrovarsi, invece contro il Napoli dopo tre minuti ha regalato il gol ai partenopei con uno sciagurato passaggio. Ciò che preoccupa è la svogliatezza in campo: anche contro il Milan era stato tra i peggiori. Forse solo Gasperini all'Atalanta può farlo ritrovare.

Commenti

  1. Higuain e Icardi hanno sempre fatto gol, quindi a fine campionato andranno in doppia cifra.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tifoso Milanista spero..in doppia doppia cifra :D. Ciao Cav

      Elimina
  2. Ancelotti mi parla di papà per molte ragioni, quindi mi piace e confido sempre in un suo ritorno al Milan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che il Napoli se lo terrà stretto, se continua così :)

      Elimina
  3. Napoli, Napoli, Napoli...forza Napoli, Napoli, Napoli.
    Eh si. Il calcio non lo seguo, ma tifo Napoli senza se e senza mai. Dita incrociate, per me. Contenta che ci sia Ancelotti, di lui mi fido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha, anti juventina XD? Oppure simpatia per la squadra partenopea? :)

      Elimina
    2. Alla Juve non penso proprio :D
      Sono simpatizzante del Napoli, da sempre.

      Elimina
  4. Ieri ho sentito che l'Inter ad un certo punto era presa a pallettoni dalla SPAL, ma poi si è salvata col solito Icardi..la prossima giornata c'è il derby di Milano, vedremo chi prevarrà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Inter ieri ha giocato male, la Spal invece si è confermata una bella realtà che però è "spendacciona": concretizza poco e sbaglia troppo dietro

      Elimina
  5. L'Inter farà come ogni anno, per primavera la vedremo molto più in basso.
    Porcellotti, come sai, mi sta sul cazzo per le sua promessa che va avanti da circa un ventennio di tornare a Roma prima o poi... è un uomo piccolo piccolo che va solo dove c'è una squadra competitiva, gli piace vincere facile (e ti dico che quando era al Milan lo stimavo!). Sperò che il suo Napoli si perda e faccia il peggio possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Inter arriva in carrozza tra secondo e terzo posto, per il quarto forse se la gioca anche l'ultimo Milan, con Roma, Lazio e chissà, una sorpresa (Fiorentina? Sampdoria?). Ora: Ancelotti al Milan non mi ha mai entusiasmato ,lo ritengo anche responsabile di pesanti sconfitte. Ma riconosco che è un ottimo gestore di un gruppo, una persona molto intelligente e mi sembra che le tante esperienze in club di primo livello ne abbiamo migliorato le competenze tattiche, che poi, in realtà, non gli sono mai mancate essendo della scuola di Sacchi.

      Elimina
    2. Naaa, per me quarto o quinto, hanno la mentalità delle pippe e poi li allena Spalletti...
      Sulla Roma non mi pronuncio, se arriva tra il terzo e il sesto è per demerito degli altri!

      Elimina
    3. Per me la Roma è da quarto\quinto posto...

      Elimina
  6. Ma in tutto questo, Ronaldo? Che è quella cosa che ho letto sui giornali?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una brutta storia..ma dovresti leggere un libro del compianto Carlo Petrini. Lì si parla molto di certe imprese extracalcistiche di CR7...

      Elimina
  7. Ho visto Gonzalo senza un filo di pancia. Non durerà molto e tornerà il ciccione cacciato da Torino.
    Icardi è l'anticalcio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirmi così su Higuain, mi sgonfi l'entusiasmo da tifoso XD. Vedremo. Secondo me continuerà a fare bene. Il Milan invece non so. Icardi non mi piace per atteggiamenti extrasportivi, non è il tipo di attaccante che mi fa innamorare con il suo gioco (ecco, sì, l'anticalcio), ma purtroppo o per fortuna segna anche starnutendo.

      Elimina
  8. Io sono abituato alle polke dell'est, continuo ad amare Cutrovic, ma mi sto affezionando sempre più al traditore per antonomasia, Higuain, un po' come successe con l'arrivo dello straodiato Superpippo, da peste a idolo nel giro di una decina di gol... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Higuain e Cutrone sono una grande coppia..sull'odio tramutato in amore..normale. Anche se Higuain non è mai stato in squadre concorrenti del Milan, negli ultimi anni XD

      Elimina

Posta un commento