La sorpresa Joao Mario, il ritorno del 'Gallo'

Foto Zimbio/Getty Images

Undicesima giornata di campionato con larghe vittorie di Inter e Napoli, ma la Juventus non fallisce l'appuntamento con i tre punti contro un coriaceo Cagliari. Cuore Milan, i rossoneri conquistano tre punti in pieno recupero ad Udine, continuando con la Lazio il duello per il quarto posto. Di seguito il "top" e "flop".

1) JOAO MARIO (INTER): il vero valore aggiunto dell'Inter è Spalletti. Il tecnico ha raccolto i frutti del lavoro dell'anno passato ed è passato "all'incasso", complice anche un mercato ricco. Ma i neroazzurri hanno riscoperto anche giocatori deludenti nella passata stagione: Dalbert, Gagliardini, ma soprattutto il centrocampista portoghese, che con Lazio e Genoa ha sfoggiato due prestazioni di alto livello, ritrovando anche il gol, non facendo rimpiangere Nainggolan.

2) ANDREA BELOTTI (TORINO): lo avevo criticato, una settimana fa. Gli ho portato fortuna! Contro la Sampdoria una doppietta che lo rilancia in chiave nazionale. C'è anche da dire che nelle precedenti partite gli erano mancati i rifornimenti, mentre nell'ultima gara il Torino ha ritrovato il gioco e un ottimo De Silvestri sulla fascia destra.

3) ALESSIO ROMAGNOLI (MILAN): tre vittorie in sette giorni per il Milan, due arrivate nel recupero grazie ad altrettanti gol del suo capitano. Contro l'Udinese prestazione sicura in difesa, poi ruba palla nella metà campo dell'Udinese in tackle e avvia l'azione che finalizza lui stesso con un potente sinistro.

DIETRO LA LAVAGNA: UNDER (ROMA). La Roma fatica per agguantare il pareggio in casa della Fiorentina. Particolarmente negativa la prestazione dell'esterno offensivo turco, che alterna partite da fuoriclasse a recite "mute" come quella di Firenze. Crescerà (se Monchi non lo venderà prima..)

Commenti

  1. Ma la statua per Romagnoli l'hanno già realizzata?

    RispondiElimina
  2. Joao Mario sembra essere tornato ai livelli del 2016, non dimentichiamo che l'Inter l'ha pagato 40 milioni + bonus.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, non è un giocatore che mi ha fatto esaltare anche ai tempi, ma era un buon giocatore, non quel bidone visto finora.
      Comunque questo calciomercato ha dei prezzi veramente gonfiati!

      Elimina
  3. Nainggolan è in fase calante e Joao Mario è maturato. Il Gallo è incostante e Under
    di buono ha solo il tiro forte.
    Mi piace Romagnoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che un mio caro amico, milanista, considera Under un fuoriclasse e ha speso un puttanaio di soldi al fantacalcio per prenderlo.
      Per me è un incostante (e poi sì, alla fine ha solo un tiro forte).

      Elimina
  4. Questi giocatori ora hanno una sola prerogativa: continuità!
    Joao Mario deve ancora dimostrare tanto.
    Belotti deve fare di tutto per tornare ai suoi livelli perché questo è l'unico modo per trovare un club disposto a pagare l'esagerata clausola che pende sulla sua testa.
    Romagnoli invece è uno che sbaglia sempre dai proprio errori e si sta facendo da solo. Visti i soggetti con i quali ha giocato e continua a giocare, penso che tutto quello che ora sta mostrando sia farina del suo sacco.
    La Roma di questo passo non agguanterà nemmeno l'Europa League.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuità è una parola che frega molti calciatori :D
      Belotti è stato esageratamente valutato, 100 milioni, ahahha, se ne incassava 60 Cairo doveva stappare una bottiglia buona.
      Romagnoli ha deficit in marcatura e ogni tanto commette grosse leggerezze. Ma sta crescendo molto e sicuramente in passato, Bonucci a parte, ha sempre giocato con compagni scarsi (Musacchio è bravino però).

      Elimina
    2. Il Bonucci dell'anno scorso per me è stato disastroso e credo abbia penalizzato molto il giovane Romagnoli. Musacchio è bravino ma sai meglio di me che, per far crescere un giovane, gli devi dare prima di tutto una logica e metterlo in un contesto che possa aiutarlo. Aver giocato nel tempo gente come Paletta, Zapata e un Bonucci disastroso non hanno certo aiutato l'ex Roma e Samp, ma i miglioramenti ci sono stati e contro l'Udinese ha dimostrato di meritare quella fascia!

      Elimina
    3. Ricordati Alex, il brasiliano ex Psg, arrivato bollito (grazie Galliani) :D. Giocare con Zapata e Paletta praticamente trasformerebbe anche un Nesta e un Cannavaro in un bidone :D.
      Su Bonucci secondo me non ha avuto un rendimento esaltante al Milan, ma anche alla Juventus commette degli sbagli. Passa in secondo piano in una squadra top e soprattutto in considerazione del fatto che è praticamente un regista arretrato.

      Elimina
  5. Adesso per Milan e Inter c'è l'esame Juventus... vedremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bell'esame :D.
      Ma al Milan basta arrivare a gennaio a un tiro di schioppo dal quarto posto.
      Poi se con Paquetà dovessero arrivare Ibra, un centrocampista e un difensore ci potremo divertire!

      Elimina
  6. Col finale ti meriti un applauso anche se, come ripeto sempre, la plusvalenza è una colpa di quella merda di Pallotta, non dei DS!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, a Pallotta piacciono tanto le plusvalenze XD.
      Deve fare come l'Inter: primavera venduti a 7-8 milioni euro l'uno!

      Elimina
  7. Contento per la ripresa del giocatore del Torino **
    Gli saranno arrivate le tue parole!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente le parole di biasimo di mezza tifoseria del Torino :D

      Elimina
  8. Sono felice per come si sta muovendo il Napoli e spero davvero che continui così.
    Certo occorrerebbe anche qualche colpo di sfortuna per la capolista :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri un'altra grande prova del Napoli, 1-1 con il fortissimo Psg :)

      Elimina

Posta un commento