Il 2018 si chiude nel segno dei bomber

Foto Zimbio/Getty Images

Il 2018 della Serie A va in archivio con l'ultima giornata del girone d'andata. Vincono tutte le big, tranne la Lazio, bloccata 1-1 sul pari dal Torino. Ecco il top di giornata.

1) CRISTIANO RONALDO (Juventus). Dopo Bergamo, la Juve non brilla neppure in casa con la Sampdoria, ma vince legittimamente perché davanti ha "la bestia". Quattordici gol in 19 partite, uno in più di Piatek. E' lui il re dei bomber.

2) MILIK (Napoli). L'attaccante polacco ha raggiunto quota 10 in classifica marcatori grazie alla doppietta siglata al San Paolo con il Bologna. Il Napoli ha sofferto più del previsto la squadra di Inzaghi, anche se l'assenza di squalifica per Koulibaly è stata una colossale ingiustizia. La difesa ha sofferto, ma ci ha pensato l'attacco.

3) HIGUAIN (Milan). Nella squadra rossonera brillano Donnarumma (parata decisiva al 92'), Bakayoko (un gigante a centrocampo) e Calhanoglu (assist vincente e grande partita da mezzala), ma la menzione va all'attaccante argentino, che finalmente rompe il digiuno del gol scaraventando di potenza la palla della vittoria contro la Spal. Romantico il suo pianto liberatorio ed emozionante l'abbraccio con Gattuso.

4) ILICIC (Atalanta). Atalanta travolgente (2-6 al Sassuolo), altra seria candidata al quarto posto. Nel girone d'andata è stato record personale per la squadra neroazzurra: 39 reti in 19 gare. Zapata conferma il suo eccezionale momento di forma con una rete, ma è lo sloveno Ilicic a recitare la parte del gigante con la terza tripletta stagionale.

5) UNDER (Roma). Il gioiello turco è letteralmente devastante negli spazi aperti. La Roma supera 2-0 il Parma con il suo zampino: assist per il vantaggio di Cristante e rete del raddoppio.

Commenti

  1. Se Gigio non ci salvava con un miracolo dei suoi, non staremmo qui a celebrare il bomber... questo è poco, ma sicuro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Gigio, ammetto che senza l'errore con la Fiorentina sarebbe stato un mese da vero top player del ruolo. Ha fatto grandi partite con Torino, Frosinone e Spal.

      Elimina
  2. lo scudetto verrà assegnato matematicamente a marzo :-) però, non sto dicendo che sia una schiappa, ma a Ronaldo manca qualcosa. non so mettere a fuoco cosa sia, è come un'incompiuta. segna, certo, e quindi fa il suo sporco lavoro, serve i compagni e quindi fa più del suo sporco lavoro, ma manca ancora qualcosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è tutta la Juventus che non gioca al 100%, si risparmia per la Champions League.

      Elimina
    2. ...ed è proprio in C.L. che voglio ricevere uno dei più bei regali del 2019... ahahah

      Elimina
    3. Quest'anno gufare sarà davvero difficile, ahhaahah

      Elimina
    4. Ma noi lo sappiamo fare bene (io soprattutto). Quindi lunga vita alle gufate. Solo alla Juve, però .. 😉

      Elimina
    5. ahhaah, ok sei la nostra top player delle gufate :D

      Elimina
  3. La notizia del giorno è il ritorno al goal di Higuain.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
  4. Ricky son passato x salutarti e augurarti un 2019 ricco di soddisfazioni. Spero che tu possa realizzare tutti i tuoi progetti, te lo meriti.
    Filippo
    @franco battaglia vogliamo lo stesso regalo magari in finale, al 120°, gol in fuorigioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Filippo (bellissimo nome, mi richiama sempre uno dei miei più cari amici).
      Auguri di cuore a te e famiglia e grazie per il pensiero, ma anche per le visite frequenti al mio blog :)

      Elimina
  5. Sono contento per Gonzalo.
    La Juve sconta la assenze di Cuadrado e Cancelo che costringe la squadra
    a giocare senza gli esterni e sacrificare Dybala in un ruolo non suo.
    Costa non è più affidabile.
    Ronaldo non ha lo scatto e la corsa di quando era giovane. Solo la classe immensa gli permette di essere ancora un grande attaccante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costa è sempre stato un po' discontinuo, ma è un gran bel giocatore...Dybala mi sembra che sia molto arretrato...è un po' l'altra faccia della medaglia dell'avere un grande giocatore come Ronaldo, che in questa fase finale della sua carriera è un onnivoro centravanti che reclama (giustamente) tutto lo spazio per se' negli ultimi sedici metri.

      Elimina
  6. Noiose le giornate di campionato in cui vincono tutte le big. Qui ci vuole un bello scossone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purché non perda il Milan..ahahah..comunque la Serie A torna il 20 gennaio, bene così, ci voleva una pausetta :D

      Elimina
  7. Lotta per il quarto posto molto aguerrita: dalla Lazio in giù ci sono 9 squadre in 7 punti, tutte potenzialmente in lizza per la qualificazione in Champions (o Europa League)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero: ne rimarrà una sola, le altre si attaccheranno al tram (e saranno dolori per Milan o Roma, qualora dovessero rimanere fuori dal treno Champions..)

      Elimina
  8. E dicevano che non avrebbe segnato tanti gol.. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici di Milik, perché di Cr7 il dubbio era tra 20,25 e 30 gol...

      Elimina
  9. Auguri Riccardo, auguri...calcistici 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille :). Per ciò che concerne il calcio spero in una rinascita dei miei colori rossoneri, ahha!

      Elimina

Posta un commento