Il look da portiere: come è cambiato da fine anni '80 ad oggi


Chiacchierando con l'amico Miki Moz, mi è venuta l'idea di questo post. Come è cambiato il look dei portieri da fine anni '80 (quando ho iniziato a seguire il calcio) a oggi?

Tantissimo.

A fine anni '80 il portiere indossava maglioni prevalentemente di colore grigio, giallo o verde con inserti neri, con imbottitura ai gomiti. I calzoncini erano a loro volta imbottiti sui fianchi. Di norma il portiere sotto i calzettoni indossa sempre parastinchi e un altro paio di calze.

Foto dal sito Storie di calcio: Walter Zenga nell'Inter 1987-88

Non mancava qualche soluzione stilistica "più ardita", ad esempio il pantaloncino diverso dal colore nero.

Foto da tuttocalciatori: il portiere del Belgio Pfaff

Di inverno era consuetudine per i portieri indossare il pantalone lungo (sempre imbottito ai fianchi). Il calzettone veniva indossato successivamente e copriva parte della gamba (poco sopra la caviglia).



Ogni portiere aveva un proprio sponsor tecnico che gli forniva la divisa, i guanti e le scarpe. In genere i due marchi di eccellenza erano Uhlsport e Reusch. Il marchio dello sponsor tecnico personale del portiere veniva in pratica coperto dallo sponsor tecnico della squadra in cui giocava il portiere. L'esempio è la foto qui sotto: maglia Uhlsport di Zenga ai tempi della Sampdoria, con il logo coperto dal logo dell'Asics, l'azienda che produceva le magliette della Sampdoria.

Zenga alla Sampdoria

Negli anni '90 i creatori di maglie da portiere si sbizzarriscono, con geometrie sempre più particolari. La prima inversione di tendenza arriva nell'Europeo del 1996, quando alcuni portieri indossano divise molto più tradizionali.
Kopke, portiere Germania

Nel contempo gli arbitri iniziano a vestire maglie di colore diverso dal tradizionale nero e questo permette ad alcune squadre di indossare divise completamente nere, oppure ai portieri di tornare al colore della tradizione. Guardiamo ad esempio in casa Milan.

Maglia portiere Milan 1997-98 (dalla mia collezione)
Maglia da portiere Milan 1997-98 con grafica fantasiosa (dalla mia collezione)

Dal sito del collezionista Andrea Ronchi: terza maglia Milan 1996-97

A fine anni '90 alcuni portieri iniziano a giocare a maniche corte. In pratica i magazzinieri tagliano con le forbici le maniche: questo perché il portiere si sente più libero nei movimenti, senza essere "ingombrato" dalle protezione dei gomiti. Ovviamente, rispetto al passato, i campi su cui giocano i portieri hanno il terreno d'erba in migliori condizioni e questo facilita chi si tuffa a braccia seminude.

Il precursore fu il portiere messicano Jorge Campos, che ai mondiali del 1994 sfoggiava divise dai colori sgargianti che egli stesso disegnava.



Uno dei primi portieri a giocare a maniche corte fu Barthez della Francia, ma anche il nostro Gigi Buffon.



Negli anni 2000 le aziende produttrici di maglie da calcio preparano tessuti sempre più leggeri e traspiranti e presto eliminano le protezioni nei gomiti. Anche i portieri che giocano a manica lunga trovano dunque una maggior comodità senza quelle protezioni, che spariscono anche dai calzoncini.
Per i portieri che preferiscono giocare "protetti", nascono sottomaglie e sottocalzoncini con queste protezioni, in materiali sempre più moderni. Parere personale, oggi alcuni portieri prediligono le maniche corte per ragioni di look, magari per mostrare i tatuaggi sulle braccia...
Dal sito di Andrea Ronchi: maglia da portiere del Milan Adidas ancora con le protezione ai gomiti
Dal sito di Andrea Ronchi: maglia da portiere dl Milan Adidas senza protezioni ai gomiti



Verso la fine del primo decennio del 2000, viene introdotta una sostanziale novità per il look invernale. I portieri abbandonano il vecchio pantalone lungo (con le imbottiture) e indossano sotto il calzoncino la calzamaglia. La maggioranza dei portieri indossa maglie a maniche corte, mentre di inverno sotto di essa vestono una sottomaglia termica, in tessuto tecnico, con maniche lunghe.

Diego Lopez al Milan: calzamaglia sotto il calzoncino e maglia termica sotto la maglia da gioco


Particolare è il caso della Puma, che negli ultimi tempi produce solo maglie a maniche corte da portiere (salvo quelle maniche lunghe del catalogo teamwear, le maglie in pratica che possono comperare anche le società dilettantistiche)

Nella foto da Sky Sport il portiere dell'Arsenal Cech

Con il passare del tempo vengono introdotte per regolamento delle limitazioni: la sottomaglia deve essere sempre del colore predominante della maglia, il sottopantalone deve essere dello stesso colore di calzoncini e calzettoni.
Nella foto dal sito della Gazzetta, Donnarumma in grigio


In realtà è capitato che gli arbitri facessero indossare al portiere la calzamaglia o la sottomaglia nera, purché maglia, calzoncini e calzettoni fossero dello stesso colore.

LA MODA OGGI DA PORTIERE: concludiamo questa rassegna con una breve panoramica sulla situazione attuale. Oggi vanno di moda le tonalità fluo: giallo, arancione, verde. I portieri hanno generalmente abbandonato il mitico pantaloncino nero e oggi è difficile vedere una divisa "spezzata": calzoncini e calzettoni sono sempre dello stesso colore della maglietta. Infine una particolarità: sempre più i portieri indossano come maglia quelle dei giocatori di movimento, ovviamente se i compagni indossano la prima maglia, lui avrà la seconda e così via..In questo il precursore fu Buffon, a fine anni '90 con il Parma e anche nella Juventus (nel 2003-04 si giocò un Lazio-Juventus, i giocatori ospiti in maglia rosa e  Buffon con la maglia a strisce verticali bianconere).


Commenti

  1. Bene bene.
    Complimenti al Milan per la vittoria quarti Coppa TIM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ieri sera mi sono divertito.
      Spero che il pistolero continui così!

      Elimina
  2. Ti prego scrivi "calzini".
    Quel "calzetti" mi crea strani movimenti intestinali.. 😜

    RispondiElimina
  3. Mi ha sempre affascinato l’idea del portiere, uno che scende in campo come se fosse stato invitato ad una festa a tema piratesco, vestito da Dracula. Da ragazzetto, ero proprio piccolo, il mio allenatore di basket (che mi odiava, ma nessuno mi credeva, anche se poi si sono ricreduti) per far fronte allo scarso numero di divise, al suo “preferito” aveva appioppato una divisa completamente diversa nelle taglie e nei colori, che creava anche dei dubbi agli arbitri. Mi sono sempre sentito un cretino, cioè anche più del solito, quindi enorme stima per i portieri e il loro look anticonformista ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo bruttissimo non avere il numero di divise sufficienti :D, nel calcio al massimo ho visto una squadra con la maglia di un colore e uno dei giocatori che aveva la maglia dello stesso colore, ma del modello dell'anno prima...ahahah!
      Io ho sempre amato il ruolo del portiere, soprattutto per questa differenza di look :)

      Elimina
  4. E' un excursus interessante, bravo Riccardo :)
    Carino che era Walter Zenga, me lo ricordo più grande che in queste foto.
    Comunque io sono per i colori fluo per i portieri, mi piacciono di più.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Walter Zenga era figo, mediaticamente al top ed era un grande portiere.
      "fa la barba" a tanti fenomeni calcistici del giorno d'oggi :D.
      Davvero ti piacciono i colori fluo? Mi sento primitivo, ahaha, io adoro il grigio e il rosso, al massimo il giallo :D.

      Elimina
    2. Non mi piacciono in senso lato. Ad esempio non li indosserei mai.
      Mi piacciono sulle divise da portiere.

      Elimina
    3. Ah ecco, perché adesso vanno anche fuori dal calcio :D.
      Ho visto diverse t-shirt da donna o felpe da uomo con inserti giallofluo, rosa shocking ecc :D

      Elimina
  5. Più che look è cambiato anche il ruolo, però post interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Il ruolo è cambiato molto, magari in futuro approfondirò il tema con qualche esperto :)

      Elimina
  6. Ogni periodo ha il suo look.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho paura di pensare al look futuro dei portieri :D
      Ciao Cav!

      Elimina
  7. Eccoloooo, lo aspettavo davvero, questo post **
    Grande panoramica... mamma mia quanto amo le divise di una volta, avevano più senso di calcio, di radioline, di domeniche, di sport.
    Grandissimo il portiere che si disegnava la divisa coi colori sgargianti^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi gasi con la prima frase :).
      La mia golden age per le maglie va dal 1995 al 1999 praticamente...lì c'è stato di tutto, la modernità e anche un pizzico di ritorno alla tradizione.
      Marchi che oggi sono in crisi creativa e che in quel periodo furoreggiavano ^_^

      Elimina
  8. Potevi inserire una foto del mitico Higuita, ci sarebbe stata bene.
    Comunque Campos non aveva manco il fisico per fare il portiere, ed è diventato portiere della sua nazionale, complimenti a lui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Campos era anche un attaccante! Bellissimo che in Pc Calcio aveva entrambi i ruoli (portiere e attaccante), inoltre era il giocatore che non invecchiava mai, mi sembra..diventava più giovane, una sorta di benjamin Button!
      Campos è stato celebrato anche in Capitan Tsubasa, ispirando il personaggio di Ricardo Espadas, portiere del Messico.

      Elimina
  9. Ricordo ci fu sempre una diatriba fra chi sosteneva che il portiere dovesse "mimetizzarsi" e fra chi invece dovesse risaltare per incutere timore in chi attaccava e per farsi vedere dai suoi difensori..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi va di moda il fluo anche perché si dice che il tiratore tenda ad essere distratto da quei colori e a tirare addosso al portiere...

      Elimina
  10. Di portieri ricordo il balletto di Grobbelaar in Roma Liverpool

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con la mitica maglia adidas verde e i calzoncini\calzettoni rossi :)

      Elimina
  11. Le divise evolvono di continuo e non solo quelle dei portieri.
    Saluti a presto.

    A parte gli scherzi, mitico Campos!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Campos è un idolo :D, chissà se mangia l'aglio :D

      Elimina
    2. 😂
      Dipende, se è in perfetta salute e puzza, allora sì!

      Elimina
    3. Mi viene voglia di mangiare aglio tutti i giorni! :D

      Elimina
  12. Bello questo post! E Campos?! Mamma mia, sembrava un carro allegorico del carnevale di Rio in confronto ai suoi colleghi, tutti un po' seri e severi nei soliti colori scuri... Ma possiamo ricordare quanto stava bene un certo Canizares in azzurro?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Canizares, quando la Nike faceva ancora belle maglie da portiere, non quegli obbrobri stile evidenziatore di oggi! :D

      Elimina
    2. https://images2.gazzettaobjects.it/methode_image/2018/03/23/Calcio/Foto%20Calcio%20-%20Trattate/23cal01fd-097-kTjE-U25011351309496iG-620x349@Gazzetta-Web_articolo.JPG?v=201803231706

      eccola :D

      Elimina

Posta un commento