Dialoghi con il campionato: Serie A nel segno della continuità


Callejon festeggia a Firenze

Tralasciando le polemiche sul Var e in attesa dell'Inter, cosa ha detto questa prima giornata del campionato di Serie A?
"Le squadre che hanno dato continuità al lavoro dello scorso anno sono state subito protagoniste. Mi riferisco ad Atalanta e Lazio. Pochi ritocchi, ma di qualità. Le due squadre sono andate subito a mille. L'Atalanta ha subito due reti, ma ha prodotto una quantità stratosferica di palle gol. D'altro canto è nel Dna di Gasperini concedere qualcosa, ma creare tantissimo. Atalanta e Lazio sono le candidate più papabili al quarto posto, questo ha detto il campo. Venendo al Napoli, Callejon è stato decisivo: dà equilibrio, ha fatto gol e un assist. Sarà difficile metterlo in panchina".

Sarri ha schierato una Juventus molto "allegriana": nessun nuovo acquisto in campo, tranne il rientrante Higuain. 
"Mi ha sorpreso la panchina di Rabiot, non il ripescaggio di Khedira, un giocatore sempre utile e per me congeniale al gioco di Sarri. Mi ha colpito positivamente Higuain, più trequartista che attaccante centrale, pur partendo dalla posizione di terminale offensivo. Cristiano Ronaldo ne ha beneficiato, tutte le occasioni bianconere sono passate dai suoi piedi. Il portoghese aggiusterà la mira e farà una stagione strepitosa. Su Rabiot o Ramsey ho qualche remora. Vedremo. De Ligt invece giocherà presto. E farà benissimo".

Che succede al Milan?
"Presentarsi a Udine con Borini e Calhanoglu (e per fortuna Biglia era infortunato) era una sorta di segnale di resa. I centrocampisti del Milan sono Kessie, Bennacer e Paquetà, le riserve sono Krunic, Biglia e Bonaventura. I due sopracitati sono le riserve delle riserve. Un Kessie con cinque allenamenti è superiore a Borini con cinquanta allenamenti, anche perché parliamo di Borini, un mediocre attaccante che ha fatto anche il terzino ed è diventato una mezzala. Suso non ha digerito il nuovo ruolo di trequartista e Giampaolo ha fatto intendere di voler cambiare qualcosa a livello tattico, forse riproporrà il 4-3-3. D'altra parte anche Sarri a Napoli fece lo stesso. Cambiare con tempismo è sempre sinonimo di intelligenza. E il precampionato serve anche per capire e fare esperimenti. Piatek è in crisi, ma è normale: non c'è uno straccio di cross e il giocatore non riceve un mezzo pallone in profondità".

Cosa farà il Milan sul mercato?
"Deve decidere in fretta. Per preservare Suso, bisogna tornare al 4-3-3 e comprare un esterno offensivo di piede destro che giochi a sinistra e abbia un minimo di senso del gioco in profondità. In attesa di Leao, che può essere una piacevole sorpresa in quel ruolo. Se dovesse decidere di proseguire con il 4-3-1-2, c'è questa possibilità: Correa trequartista e Schick in prestito dalla Roma, in cambio del prestito di Andrè Silva. O magari uno scambio alla pari con Suso (che alla Roma farebbe panchina all'ottimo Under). Sanguinosa la scelta di Maldini e di Boban relativa a Praet: il trequartista-mezzala belga della Sampdoria, oggi al Leicester City, era il giocatore per dare profondità al gioco. Altroché Sensi e Veretout, il vero rimpianto è Praet (mai trattato peraltro: e il giocatore a Milano sarebbe venuto a piedi)". 

Hai citato la Roma, che impressione ti ha fatto la squadra giallorossa, bloccata sul pari per 3-3 all'Olimpico dal Genoa?
"Squadra che ha un potenziale offensivo eccezionale (che giocatore Dzeko!), ma sbilanciata in avanti. Gioca con il 4-2-3-1, ma manca il mediano: c'è solo Diawara con quelle caratteristiche, Veretout infatti io lo vedo meglio come mezzala in un centrocampo a tre. Alla Roma sarebbe servito..un giovane De Rossi. La partenza di Manolas è stata sottovalutata. Divertirà i suo tifosi, ma al momento la vedo nettamente dietro Juventus, Inter, Napoli, Atalanta e Lazio". 

La top 11 di giornata (senza i giocatori di Inter e Lecce)?
"Joronen del Brescia tra i pali, Becao (Udinese), Acerbi (Lazio) e Chiellini (Juventus) in difesa; Callejon (Napoli), Amrabat (Verona), Luis Alberto (Lazio) e Sottil (Fiorentina) a centrocampo; in attacco Muriel (Atalanta), Dzeko (Roma) e Immobile (Lazio)".

Commenti

  1. Ho visto un po' di difese...allegre, ma siamo appena ad agosto, è normale! La juve l'ho vista molto solida, la partita poteva benissimo finire anche 2-0 o 3-0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto quella della Roma molto allegra!
      Juve solidissima, nonostante De Ligt fosse solo in panchina!

      Elimina
  2. Siamo solo all'inizio, ma sorprese non ne vedo, si sa chi giocherà per la Champions e chi per la salvezza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Inter è partita a razzo...Conte sa dare motivazione in modo incredibile.

      Elimina
  3. Ricky! Dovrai fare la rubrica del "Chi lascio nella cripta"😉😉 della giornata...una alternativa agli ormai inflazionati up⬆ e down⬇ del weekend 😄

    Il Perugia ha vinto al debutto con due gol su rigore....tira via!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iemmello show! Bella squadra il Perugia ma serve una seconda punta.
      La cripta muahhahaaahah "io non scendo eh".

      Elimina
    2. Boh...non scendo manco io! 🤣🤣 Non gli sto dietro, tutti gli anni cambiano giocatori...
      Mi fido della tua esperienza! 😄

      Elimina
    3. Sicuramente dal mago Gabriel a Vicario in porta, c'è già stato un cambiamento in meglio!

      Elimina
    4. IL MAGO GABRIEL ahahaha 😂😂😂😂😂😂 grante potente suppremo

      Elimina
    5. Per fare gol a mago Gabriel basta tirare nell'angolino, anche ai due all'ora!

      Elimina
  4. Quindi il campionato è già iniziato. Sto indietro, credevo cominciasse a settembre :D
    Buon pomeriggio Riccardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' già partito a razzo, tranne che per il Milan (perdente) :D

      Elimina
  5. Per noi non è cambiato nulla: ne' formazione, ne' risultati... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerchiamo di ravanare i tre punti con il Brescia..
      Poi sarà un Milan diverso :)

      Elimina

Posta un commento