Il pagellone della 13esima giornata: Higuain e Piatek, mondi capovolti


Il top: Higuain (Juventus) 8. Una doppietta pesantissima, che trasforma una sconfitta, sul difficile campo dei Bergamo, in una vittoria d'oro in chiave scudetto. Continuiamo a ripetere: una fantastica seconda giovinezza.

Il flop: Piatek (Milan) 4. Un anno fa Higuain faticava nel Milan, mentre lui faceva faville nell'attacco del Genoa. Ora la situazione si è capovolta. Il polacco è un fantasma. Passi il non segnare (in carriera è normale per gli attaccanti avere anche momenti in cui la palla non entra neppure pregando), ma è il resto che preoccupa: molle nei contrasti, non tiene un pallone, tira quando deve passare la palla e passa la palla quando deve tirare. Fa sempre la cosa sbagliata. Un'impressionante involuzione tecnica.

Lukaku - Martinez (Inter) 7.5: la coppia d'oro dell'attacco interista è ancora protagonista dell'ottimo campionato nerazzurro. Un gol a testa per superare l'ostacolo Torino e continuare l'inseguimento alla Juventus.

Smalling (Roma) 7: uno dei migliori acquisti stagionali. L'inglese, arrivato in prestito dal Manchester United, ha stupito per l'alto rendimento. Contro il Brescia è stato anche uomo gol (1) e uomo assist (2).

Ancelotti (all. Napoli) 5. Due attaccanti esterni a formare la coppia d'attacco. Vero, Insigne tira e Lozano segna sulla ribattuta, ma è un caso. A nostro modo di vedere schiera i suoi giocatori con una tattica sbagliata. Oramai il suo (breve) ciclo al Napoli sembra terminato.

Chi dice che Ibra è superfluo al Milan: 5. Va bene, anche Petagna e Cornelius farebbero meglio di questo Piatek...ma con il 38enne Ibra il Milan avrebbe vinto senza problemi contro (questo) Napoli.

Commenti

  1. Piatek ha limiti tecnici notevoli. Non è un top player come Higuain.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente imparagonabili..e pensare che sognavo Piatek come nuovo Lewandoswski, ahahha

      Elimina
  2. Non lo conoscevo Smalling ma a pelle sentivo che era stato un buon acquisto/prestito! Bravo anche Mancini. Speriamo non si rompano perché non abbiamo alternative!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smalling è nel giro nella nazionale inglese, è stato un bel colpo, così come Mancini.. il problema della Roma è che scovano spesso il top player a poco ma poi lo rivendono, chissà che sia passata per voi quell'epoca

      Elimina
    2. Smalling a Manchester non aveva fatto un granché. La nazionale inglese non ha mai avuto grandi difensori nella sua storia recente.
      Ecco perché pensavo, sbagliando, che fosse un acquisto flop :D

      Elimina
  3. Sicuramente Piatek ci sta mettendo del suo, ma è anche il contesto a non aiutarlo.
    Il Milan deve rinunciare a qualche centrocampista leggero e mettere in pianta stabile qualcuno davanti.
    Non capisco l'ostracismo verso Leao, per esempio, che in ripartenza può essere pericolosissimo.
    Comunque un bentornato a Bonaventura, giocatore sottovalutatissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Piatek dovrebbe stare in area e raccogliere palloni.
      Esattamente, deve stare in pianta stabile.
      Leao è un giocatore un po' anarchico...talvolta indolente...poi tende a non rientrare in fase difensiva. Ma sono convinto che con Ibra davanti possa fare molto bene (Infatti l'arrivo di Ibra è più "pericoloso" per Piatek che per Leao).
      Bonaventura spero che si confermi quello visto con il Napoli. Se fosse così, sarebbe un giocatore recuperato alla causa.

      Elimina
  4. Ecco, l'anno scorso al Milan la squadra non funzionava, e quest'anno sta rovinando Piatek..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi con Pioli stiamo anche giocando benino, ma niente, i punti latitano...

      Elimina

Posta un commento