Io sto con Vettel



Oggi si concluderà il mondiale di Formula 1.

Lewis Hamilton, a quota cinque titoli, punta a superare il record della leggenda Michael Schumacher.

Sgombriamo il campo dagli equivoci: l'affermazione secondo la quale Hamilton abbia vinto gli ultimi campionati "perché ha la macchina migliore" è ingenerosa nei confronti del bravissimo pilota inglese.

Tuttavia per me Schumi resta il migliore, perché, come mi ha confermato chi lo ha conosciuto e ha lavorato in Ferrari, il campione tedesco era un eccezionale collaudatore, un ingegnere pilota.

Hamilton è un pilota eccezionale, però alle sue spalle ha una squadra eccezionale. Oggi i piloti sono "telecomandati" dai box, salvo rarissime eccezioni, in particolar modo per gestire gli pneumatici (ma questo non è colpa di piloti,  è colpa delle regole che danno troppa importanza agli pneumatici).

Al contempo, Sebastian Vettel, pur essendo inferiore al suo principale rivale, è un pilota di altissimo livello, nonostante gli errori delle ultime due stagioni.

Quest'anno Vettel ha commesso molte imprecisioni, ma credo che sia fisiologico. La pressione che aleggia su ogni  pilota della Ferrari (il team più glorioso della Formula 1, sempre presente in tutti i campionati) non può essere paragonabile a quella degli altri team; ma a essa, si è unita la pressione che "schiaccia" chi si trova ad inseguire.

La Ferrari è partita meglio, ma la Mercedes non era inferiore, semplicemente lavorava meno bene con gli pneumatici. Nel momento clou della stagione, in estate, la Ferrari è stata anche sfortunata. La pioggia in Germania e nelle prove del gp di Ungheria ha scombinato le carte in tavola, altrimenti Vettel avrebbe vinto facilmente entrambe le corse.

Ma il tempo fa parte del gioco.

Dopo l'estate la Mercedes è tornata assoluta protagonista, tanto più che dal gp di Italia in poi la Mercedes ha avuto eccellenti prestazioni. Il "famoso" errore di Vettel a Monza è stato criticato con l'argomentazione: "Vettel doveva aspettare ad attaccare Hamilton". Ma Vettel avrebbe potuto passare Hamilton in un secondo momento? Secondo me no, perché la Mercedes aveva prestazioni praticamente simili, se non superiori, alla Ferrari.

Vettel aveva tantissimo da perdere, Hamilton no. E Vettel ha perso.

La differenza di pressione è stata enorme e credo che molti errori successivi ai due gran premi decisivi (quelli della Germania e dell'Ungheria), su quali ha influito il meteo, siano dovuti semplicemente alla "foga" (giustificabile) del pilota Ferrari di fronte a un avversario che da anni sbaglia pochissimo perché sorretto da una squadra perfetta (quanti errori di strategia ha fatto la Ferrari negli ultimi 10 anni? Vi ricordate i "siete dei geni?", il famoso team radio di Alonso?), da un secondo pilota "maggiordomo" (non è reato averlo, se il maggiordomo è contento, perchè no?) e da una macchina che da anni domina le gare (questo è un dato di fatto).

Il problema per la Ferrari non è Vettel, ma costruire una squadra coesa, ridurre gli errori sulla strategia e confermare la competitività della monoposto, che in altre stagioni è incredibilmente mancata. Serve inoltre un personaggio di carisma che guidi la squadra. In Ferrari c'è l'impressione che non comandi nessuno.

La Ferrari quest'anno, in conclusione, ha perso non per colpa di Vettel, anche se Vettel ha avuto le sue responsabilità.

E ben venga il giovane Leclerc: alla Ferrari serve un po' di freschezza e quella spensieratezza che può avere un pilota forte, ma senza troppi assilli.

Kimi? Mi mancherà, è un personaggio formidabile. E sicuramente le difficoltà della Ferrari non lo hanno aiutato. Vettel spesso ha guidato con foga, Kimi altre volte ha fatto l'opposto, guidando "da taxista". Ma facendo poche volte il maggiordomo per il compagno.

Normale, come detto,  il problema della Ferrari è la squadra Ferrari nel suo complesso, non i suoi piloti.

Commenti

  1. Hamilton è un pilota che guida la macchina, Vettel è un pilota che si fa guidare dalla macchina.
    Hamilton è inferiore solo a Schumi per la grinta e a Senna per la classe.
    Hamilton capisce che gomma montare, Vettel lo fa decidere dal team che è anche professionalmente scarso.
    Vettel è intorpidito e commette moltissimi errori. Il fatto di subire la pressione dell'ambiente è un'aggravante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo sulla sfumatura della prima frase, non sul fatto che Hamilton capisca così tanto che gomma montare e che strategia adottare.
      Hamilton si è giovato spesso di una strategia perfetta di squadra e non credo che sia lui a comandare Bottas.
      Hamilton in Ferrari farebbe meglio di Vettel, ma perderebbe contro Vettel in Mercedes.
      Vettel alla Red Bull era un orologio svizzero.
      Il mio rammarico è Fernando Alonso, per me è il miglior pilota in circolazione, ma la Ferrari l'ha fatto fuori perché stava antipatico alla squadra (che invece voleva giustamente spronare).

      Elimina
  2. Si è partiti bene, ma ancora una volta ci sono stati errori. Si perde e si vince insieme, quindi va fatta un'attenta analisi, per partire la prossima stagione con il piede giusto.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me alla Ferrari manca un leader, non necessariamente un leader al volante..serve una persona di spicco che guidi il team e prenda le decisioni, talvolta anche impopolari. E che abbia una visione un po' su tutto, dalle strategie di corsa al meteo (per il cambio pneumatici in caso di pioggia).

      Elimina
  3. Il lungo di Baku negli ultimi giri
    Ma quello di Hockenheim è stato solo l’ultimo svarione di Sebastian: come dimenticare il dritto alla ripartenza di Baku nei giri finali, quando sperava di contendere a Bottas una posizione che poteva valere un successo, con Lewis Hamilton alle spalle? Grazie al lungo del ferrarista e alla successiva foratura di Bottas a vincere è stato proprio l’inglese. Che ha ringraziato di gusto.
    La tamponata a Bottas in Francia
    In Francia Seb è stato autore di una partenza eccellente dalla seconda fila e alla prima curva ha colpito, con le gomme anteriori bloccate, la posteriore sinistra della Mercedes di Valtteri Bottas: la Rossa ci ha rimesso l’ala anteriore e, una volta tornato ai box per la sostituzione del muso, ha dovuto pagare una penalità di 5 secondi che non gli ha impedito di fare una bella rimonta fino al quinto posto. Quello del Castellet è stato un incidente di gara e tale va archiviato.
    Il bloccaggio di Sainz al Red Bull Ring
    La settimana dopo la trasferta al Paul Ricard il Circus è tornato in pista al Red Bull Ring: nelle qualifiche Sebastian ha bloccato alla curva 1 la Renault di Carlos Sainz che era nel suo giro lanciato. Lo spagnolo era già qualificato per la Q3, per cui non ha subito alcun danno effettivo, ma il ferrarista è stato punito con tre posizioni da scontare sulla griglia perché è rimasto in piena traiettoria con la sua SF71H in un giro di raffreddamento. Quello austriaco non è stato un vero errore di Seb, ma un momento di deconcentrazione che è costato caro nell’economia della corsa che ha premiato la Red Bull di Max Verstappen.
    Quattro episodi, quattro fatti che sono costati punti importanti nell’economia della Ferrari, sia nel mondiale piloti che in quello Costruttori. La SF71H è indiscutibilmente la monoposto migliore ma ora chi comanda le due graduatorie è di nuovo la Mercedes. La squadra del Cavallino ha fatto appieno il suo dovere, il pilota tedesco no. Dovrà essere proprio Sebastian a dover ripagare gli uomini di Maranello con una bella vittoria in Ungheria nel prossimo weekend. L’occasione del riscatto è immediata, utile a spazzare via tutti i fantasmi…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, preciso che il comportamento che ha avuto nelle prove con Sainz è lo stesso che ha tenuto Hamilton, per ben due volte, in Brasile.
      Hamilton sbaglia e non viene punito.

      Poi: "Lewis Hamilton graziato dai commissari sportivi del Gran Premio di Abu Dhabi dopo la prima sessione di prove libere del weekend che chiuderà la stagione 2018".

      E ancora: "Nel 2016 Kimi Raikkonen aveva ricevuto una penalità di cinque secondi per aver commesso la stessa irregolarità di Hamilton, un trattamento completamente diverso rispetto a quello tenuto dai commissari per il britannico
      Due pesi e due misure, è questo il comportamento tenuto dalla FIA nell’analizzare due situazioni completamente identiche tra di loro. Il taglio della linea bianca commesso da Hamilton nel corso del Gp di Germania ha ricordato a tutti quello messo in atto da Raikkonen due anni fa nel corso del Gp d’Europa, costato al finlandese ben cinque secondi di penalità.
      Una sanzione che, invece, non è stata comminata a Lewis Hamilton al termine del Gp di Germania, che sarebbe potuta costargli addirittura la vittoria. Ricevendo la stessa sanzione, infatti, il britannico sarebbe scalato al secondo posto".

      Comunque l'errore più grave Vettel lo ha fatto a Monza, quando doveva ragionare e aspettare il momento giusto per attaccare Hamilton invece di far quel sorpasso azzardato.

      Elimina
  4. Proprio in questi giorni la famiglia di Schumacher ha diffuso ai media un video inedito del pilota.
    Non conosco Vettel e nemmeno Hamilton.
    Per me la Formula 1 si è conclusa con l'addio di Michael.. E a lui va il mio pensiero. 🖤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Michael era un fantastico ingegnere oltre che pilota.
      Ho conosciuto chi ci ha lavorato e me ne ha parlato in termini entusiastici.

      Elimina
  5. Schumi è e rimarrà il più grande di tutti, e Hamilton è solo fortunato, solo Vettel meriterebbe di raggiungerlo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tifoso dico che purtroppo Hamilton lo raggiungerà...ci toccherà sperare in crashstappen e nella Red Bull, ahahahah

      Elimina
  6. Non seguo l'automobilismo da parecchi anni, da quando non è più in chiaro per tutte le gare. Mio padre lo seguiva sempre ed era fan sfegatato di Schumi. A proposito, si sa nulla sulle sue condizioni di salute? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ci sono buone nuove da Schumi :(.
      Oggi buona gara di Vettel, ma ha vinto ancora una volta Hamilton.

      Elimina
  7. Hamil chi?
    No va beh, a parte gli scherzi, io non riesco a seguire la formula 1...dopo pochi giri sto già ronfando della grossa...L'automobilismo e in genere tutti gli sport motoristici, li trovo di una noia mortale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che qualche fase concitata c'è, ma poca roba...tanti momenti in cui bisogna fare altro in attesa di qualche colpo di scena :D

      Elimina
  8. Hai presente gli adulti dei Peanuts che quando parlano non si capisce nulla? Ecco, a me arrivava questa voce mentre leggevo il post. Forumula 1 e GP non mi sono mai piaciuti.
    Comunque per me la potenza del motore sotto il culo ha molta importanza, infatti molti campioni, quando hanno cambiato casa, non hanno più vinto. Shumi era un mostro ma senza la Ferrari non so se avrebbe raggiunto gli stessi traguardi. Idem per tutti gli altri.
    Saluti a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti devo fare appassionare a questo sport perché voglio il tuo tifo per la Ferrari e il tuo tifo contro Hamilton muahahhaah

      Elimina
  9. Uscite tutti che finalmente dall'apertura di questo blog tutto calcistico c'è un post sportivo in cui so di cosa si sta parlando.

    Breve premessa: non sono una mega fan della F1 però da quando sono stata a Roma per tempi lunghi mio cognato che lo segue mi ha costretto a questa visione e piano, piano sono diventata mediamente informata della questione :D

    Devo dire che sono una mezza traditrice della patria perché ho sempre sperato che vincesse almeno una volta la nostra Ferrari ma non è che mi trasmetti quella mega passione sfegatata quando la guardo. Hamilton non mi piace, secondo me è pure molto fortunato oltre che bravo. Invece che Leclerc io avrei preso Ricciardo, mi piace moltissimo :)
    E poi, devo dirlo anche se probabilmente sarò impopolare: io simpatizzo anche per Verstappen, ha quel non so cosa di rancoroso che sa proprio di me xD Doveva prenderlo a schiaffi Ocon, aspettavo emozionata la rissa a fine gara ed invece niente, non esistono più gli sportivi di una volta xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il commento di Ema sul pisellocottero,
      questo è il commento del mese :D.

      Sto adorando tuo cognato, che ti ha costretto ehm che ti ha spinto a vedere la Formula 1. Beh, non sei traditrice della patria: lo è chi tifa Mercedes :D.
      Io invece sono molto felice dell'arrivo di Leclerc: Ricciardo invece non era molto gradito a Vettel (ma soffrirà anche Leclerc).
      Ora mi immagino la scena di te con i popcorn che aspetti la rissa ahhaah

      Elimina
  10. Ma cos'è il ****cottero? XD

    Comunque dai, tu al suo posto non lo avresti preso a sprangate?! Sono rimasta delusa da quello che NON è successo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah, si intuisce, spero :D.

      Oddio, solo perché Ocon (pilota nel giro Mercedes) ti ha buttato fuori per far vincere la Mercedes di Hamilton? No dai :D

      Elimina

Posta un commento