#Pagelle: Roma Milan 1-1, Piatek si conferma. Riscatto Di Francesco

Il gol di Piatek (foto CalcioMercato.com)

OLSEN 6.5: sicuro nel giocare il pallone con i piedi, nel finale evita la beffa con un ottimo intervento sul tiro di Laxalt.
KARSDORP 6: Milan timido sulla sinistra, l'olandese ne approfitta per farsi vedere in avanti. Da un suo cross nasce il pari di Zaniolo.
MANOLAS 6.5: ritrova lo "scudo" De Rossi davanti alla difesa e torna su buoni standard di rendimento. Bel duello con lo scatenato Piatek.
FAZIO 6.5: si fa "uccellare" da Piatek sul gol, ma poi si riscatta anche grazie agli splendidi lanci con cui imposta sovente il gioco. Arma tattica in più.
KOLAROV 6: intermittente, ma tutto sommato riesce a limitare Suso.
PELLEGRINI 5.5: torna nel ruolo di mezzala, il suo ruolo, giocando una buonissima partita, "sporcata" però dall'errore sul gol di Piatek e dalla mancata espulsione (che sarebbe stata sacrosanta).
DE ROSSI 7: ritorno salvifico, perché da equilibrio alla squadra e soprattutto permette alla difesa di ritrovare sicurezza dopo le sbandate di Bergamo e Firenze. Metronomo imprescindibile, impensabile pensare di sostituirlo con Coric, Cristante e Nzonzi.
ZANIOLO 6.5: da trequartista a mezzala, gioca un primo tempo ad alta intensità, tra recuperi difensivi, falli, inserimenti e scatti. Cala inevitabilmente nella ripresa: inevitabile, da mezzala ha corso il doppio.
SCHICK 6.5: prestazione altamente positiva, perché dà un notevole apporto anche sul piano difensivo, fa valere il fisico nei duelli e sfiora il gol con un colpo di testa da manuale, sul quale Donnarumma compie una parata strepitosa.
DZEKO 7: letteralmente scatenato, fa vivere una serata da incubo a Musacchio e solo uno strepitoso Donnarumma gli nega il meritato gol.
FLORENZI 6: importante equilibratore, anche se gli manca lo spunto. Da notare come in fase di non possesso vada a coprire su Kessie, con Zaniolo che avanza per pressare Musacchio. Il buonissimo primo tempo della Roma dipende anche da questo accorgimento tattico.
EL SHAARAWY 5.5: fumoso, come spesso gli capita.
SANTON e KLUIVERT s.v.
ALL. DI FRANCESCO 7: via il non equilibrato 4-2-3-1, si giova della squalifica del disastroso Nzonzi e del recupero di De Rossi per tornare al suo 4-3-3. Ottime le scelte di Schick e di Florenzi come esterni offensivi (anche perché panchina i fumosi El Shaarawy e Kluivert), giusto riportare Pellegrini al suo vero ruolo di mezzala.

Il pareggio di Zaniolo (foto Repubblica.it)


DONNARUMMA 8 (Il migliore): partita di assoluto livello, da manuale il "levagamba" sul diagonale di Zaniolo, strepitosa la doppia parata sul colpo di testa di Schick e sul tap-in di Dzeko.
CALABRIA 6: complessivamente sufficiente, dal punto di vista tattico molto buona la sua prestazione, con diagonali perfette; dal punto di vista fisico soffre e spesso si complica la vita in situazioni di gioco non difficili.
RODRIGUEZ 6: salva un gol fatto respingendo un tiro al volo di Pellegrini, "uccellato" da Schick di testa in occasione del miracolo di Donnarumma, ma le sue titubanze nel gioco aereo sono note.
MUSACCHIO 5: Dzeko è la sua bestia nera (si veda Roma-Villarreal 4-0) e lui lo soffre fin dalla trequarti. Quando imposta si trova Zaniolo addosso ed è sofferenza. A inizio ripresa va in barca con il tentativo di autogol che innesca la rete di Zaniolo.
ROMAGNOLI 6.5: nei momenti in cui Musacchio sbanda, lui cerca sempre di mantenere alta la concentrazione. Grande maturità.
KESSIE 6: sufficiente, specie perché si è ben distinto in fase di recupero dei palloni. Scarsa tecnica, come sempre.
BAKAYOKO 6: in calo rispetto alle due prestazioni di alto livello sfornato con il Napoli. Il pressing della Roma ha messo in difficoltà anche il gigante francese.
PAQUETA' 6: buon primo tempo, condito anche dell'assist per Piatek, cala vistosamente nella ripresa dal punto di vista fisico. Prosegue l'inserimento in maglia rossonera, giusto il cambio: già ammonito, era a rischio rosso.
SUSO 5: è vero, gli avversari lo raddoppiano, ma lo spagnolo sembra veramente non avere la scintilla, complice anche dei problemi fisici che si porta dietro da dicembre.
PIATEK 7: terzo gol in 200 minuti con la maglia del Milan. La differenza con Higuain: Piatek vede pochi palloni, ma lotta con grande agonismo cercando di approfittare degli errori avversari; Higuain ne vedeva pochi, ma li sbagliava tutti e bestemmiava contro i compagni.
CALHANOGLU 5: un pochino meglio nei dieci minuti da mezzala, da attaccante esterno non ha praticamente un guizzo, si limita alla fase di copertura.
CASTILLEJO, LAXALT e CUTRONE S.V. 
GATTUSO 6: porta un buon punto a casa, grazie alla parate di Donnarumma. Perde il confronto con Di Francesco, ma non poteva fare molto altro. In difesa avrebbe avuto bisogno della fisicità di Caldara o dell'esperienza di Zapata per limitare Dzeko, ma entrambi sono infortunati. Gli attaccanti esterni "non esistono", i centrocampisti in panchina sono Josè Mauri, Montolivo e Bertolacci, gente la cui dimensione giusta è il Monza di Berlusconi e Galliani (lo stesso che li ha presi tutti e tre facendo loro ricchissimi contratti).

ARBITRO MARESCA 4.5: bene nel primo tempo, male nella ripresa. Discutibili i gialli per Paqueta e Kessie, inconcepibile non dare il secondo giallo a Pellegrini autore di un fallo tattico da manuale. Clamorosamente ignorato un netto rigore a favore del Milan per fallo di Kolarov su Suso. Ma i trascorsi antimilanisti di Maresca sono noti...

Commenti

  1. Mi sa che Nzonzi pò restare a..zonzo :D Fa piacere vedere una bella lotta per la Champions..se l'Inter non si dà una svegliata rimane invischiata anche lei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri se il Milan avesse vinto, sarebbe andato a -2 dal terzo posto..che occasione sprecata.
      Sarà una bella lotta, quella per la Champions League.

      Elimina
    2. A me sembrano una manica di rincoglionite tutte quelle che lottano per terzo e quarto posto, fanno a gara a chi si autoflagella di più e ogni settimana resta tutto invariato.
      Vediamo se i cugini burini stasera riescono ad approfittare...

      Elimina
    3. Dai, diciamo che è un campionato equilibrato, Juve a parte :D e a parte le solite 3-4 squadre di bassa classifica.

      Elimina
  2. Lucas Paqueta' perché non gioca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me ha fatto una buona partita, è calato vistosamente nella ripresa. Saggia decisione quella di sostituirla. Avrebbe preso il secondo giallo con un intervento in affanno, in fase di recupero palla.

      Elimina
  3. Piatek può diventare il nuovo Lewandowski.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  4. Il post su Gasperini al Milan non è arrivato nell'elenco di lettura in buone condizioni.
    Forse ha perso il treno è rimarrà a vita alla stazione di qualche squadra di provincia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, mi è partito per sbaglio :D.
      Ma arriverà tra qualche giorno.

      Elimina
  5. Insomma Donnarumma promette proprio bene. Anche al bar ne sento parlare con una certa "compiacenza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta dando segnali di rinascita importanti (che poi ha 20 anni tra qualche giorno, ha tempo per cadere e rinascere 4-5 volte).
      I difetti ci sono ancora, ha ancora 3-4 chili in più, ma indubbiamente è un altro portiere rispetto a inizio campionato.

      Elimina
  6. Ne conosco giusto un paio... allenatori a parte.

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Un uccellino mi ha detto che il Milan meritava di perdere.
    Chissà se è vero.... :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, in realtà il portiere fa parte della squadra...
      Quindi direi pari giusto :D

      Elimina
  8. Piatek potrà sorprendere ancora in positivo, ritengo.

    RispondiElimina
  9. Bakayoko ieri sera mi ha fatto soffrire. Grandissimo Gigio. Musacchio in giornataccia. Suso c'era? ... adesso che rientra Biglia avanzerei Paqueta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci ho pensato anche io: Biglia e Bakayoko dighe, Kessie a inserirsi, Suso e Paquetà a dare qualità e Piatek a fare gol. Vedremo.
      Musacchio quando vede Dzeko va in panne...

      Elimina

Posta un commento