Il Brescia che mise in difficoltà la forte Juventus di Del Piero e Baggio

Il gol di Conte

Il 4 settembre del 1994 la Juventus esordì in campionato contro il Brescia neopromosso dopo un anno di purgatorio in cadetteria. Sulla panchina bianconera sedeva Marcello Lippi, reduce da un ottimo campionato con il Napoli. Per la sua prima, Lippi lanciò il tridente con i due fantasisti, Baggio e Del Piero, a supporto di Vialli. Schierò altresì un 4-3-3 piuttosto compatto con i "gregari" Di Livio e Conte a centrocampo (erano assenti i due stranieri Deschamps e Paulo Sousa). Il Brescia allenato da Lucescu si schierò con un prudente 4-5-1, con Mezzanotti e Baronchelli a marcare Baggio e Del Piero, Schenardi e Di Muri sulle fasce, Neri isolato in attacco

Roby Baggio

La Juventus non disputò una partita brillante, ma passò in vantaggio a inizio ripresa grazie a una magia di Gianluca Vialli: l'attaccante rovesciò un pallone a campanile toccato di testa dal rumeno Lupu e crossò per Conte, che di testa superò l'incolpevole Ballotta. Il Brescia però si giovò degli ingressi di Marangon e Ambrosetti e trovò il pari all'80 con Schenardi, bravo a triangolare con Neri e a battere l'incolpevole Peruzzi. Neppure l'espulsione nel finale di Brunetti permise alla Juventus di affondare i colpi.

Conte esulta dopo il gol

I bianconeri si "accontentarono" di un punto, ma nel corso della stagione Lippi trovò i giusti correttivi: oltre all'inserimento degli assenti Paulo Sousa e Deschamps, l'impiego di Ravanelli nel tridente offensivo, giocatore abituato a ripiegamenti difensivi. Prese così forma il 4-3-3 di Lippi che portò i bianconeri a vincere lo scudetto e la Coppa dei Campioni.

Tabellino, pagelle e commento del match dal Guerin Sportivo

Le pagelle dalla Gazzetta dello Sport

Commenti

  1. Mi sa che anche stasera saremo in difficoltà :D Il Balo rientra, poi ci sono Tonali, Romulo in forma, Donnarumma (Alfredo)..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fperale ma anche tu sei juventino? Ecco perchè mi sei stato subito simpatico ahahah dajeee #finoallafine

      Elimina
    2. Fabri, Balotelli agli esordi è sempre pericoloso, poi inizierà a camminare per il campo, ahah! Tonali mi sta sorprendendo, Romulo nelle piccole si esalta.

      Elimina
    3. Sonia, Fabri è un grande! Il problema è che non puoi portarlo con te a una fiera, ti fa comprare tutto XD

      Elimina
    4. Ahahah chissà se ci incontreremo un giorno magari al Romics o al Lucca Comics :-)

      Elimina
    5. O vi incontrate a una partita della juventus :D

      Elimina
  2. Dopo aver visto la Juve che per difendere il vantaggio sul Verona sparacchiava palloni in tribuna, ebbene, mi aspetto di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inciampi di inizio stagione..comunque la Juve ha fatto 10 punti su 12 e pareggiato in casa dell'Atletico (praticamente la partita più difficile del suo girone). Coraggio e fiducia.

      Elimina
  3. Anche stasera sarà dura, ma a me Ramsey dietro le due punte intriga, spero giochino con questo modulo.
    All'epoca comunque era molto più difficile vincere in trasferta con qualsiasi squadra.
    Ricordo alcune annate dove si vincevano scudetto anche con solo tre/quattro vittorie in trasferta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo molto bene Ramsey dietro la coppia Dybala-Higuain.
      In attacco la Juventus ha comunque una grande abbondanza: può tranquillamente rinunciare a Cr7 (non ovviamente per le partite di prima fascia, ma per le altre sì).

      Elimina
  4. Nemmeno mi ricordavo che Del Piero e Baggio avessero giocato assieme. Con Vialli davanti sulla carta quella era una Juve anche migliore di quella attuale, salvo poi farsi purgare da una neopromossa. Ma quel Battistini che vedo citato nelle pagelle è lo stesso Battistini che giocò nel Milan in B?

    RispondiElimina
  5. L'unico anno che giocarono insieme, per fortuna direi, perché poi rinunciando a Baggio, si costruì qualcosa di importante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Baggio aveva bisogno di cambiare aria. Il tridente perfetto era quello con un fantasista, Vialli e un uomo di sacrificio e di grande capacità realizzativa come Ravanelli. Poi arrivò Zidane e nacque l'attacco a due con Zizou alle spalle. Grandi Juventus.

      Elimina
  6. Schenardi me lo ricordo più col Vicenza di Guidolin! Quando fecero anche la Coppa delle Coppe.... Fabio Gallo molto di più con l'Atalanta 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente lo ricordo benissimo per il biennio 1996-98: Pc Calcio 5.0 (Bologna) e Pc Calcio 6.0 (Vicenza)!

      Elimina

Posta un commento