Il pagellone dell'ottava giornata: Buffon, che guizzo! Milan, non basta Calhanoglu

La parata di Buffon su Santander nel finale di Juventus Bologna

Calhanoglu (Milan) 7.5: Pioli lo schiera esterno sinistro d'attacco (o meglio trequartista sinistro), nella posizione in cui fece buone cose con Gattuso. Il turco finalmente mette in mostra la sua "balistica" (citando il termine tanto caro a Gattuso) segnando uno splendido gol e servendo un assist d'oro a Piatek. Peccato che al Milan non basti per portare a casa la vittoria.

Cornelius (Parma) 7.5: portato in Italia dall'Atalanta, sembrava un oggetto misterioso, una meteora. A Parma è arrivato come vice Inglese, ma la tripletta segnata al Genoa lo candida come titolare.

Meret (Napoli) 7.5: da urlo la triplice parata in avvio di Napoli-Verona. Respinge su Lazovic, balzo prodigioso sul tap-in di Pessina, infine si oppone con il corpo al terzo tiro di Stepinski.

Nainggolan (Cagliari) 7.5: la squadra sarda vola al quinto posto e il suo trascinatore è il centrocampista belga, finalmente riportato da Maran nel suo ruolo di trequartista. Il gol segnato alla Spal è un capolavoro.

Buffon e Cristiano Ronaldo (Juventus) 7: vecchia legge del calcio, per vincere basta un grande portiere e un grande centravanti. Cr 7 (701 reti in carriera) apre le marcature con il Bologna, saltando con eleganza il marcatore e infilando l'improvvido portiere avversario sul primo palo. Buffon nel finale evita il 2-2 con un grande balzo sulla rovesciata di Santander.

Gollini (Atalanta) e Strakosha (Lazio) 7: subiscono (senza colpe) tre gol a testa, ma senza le loro parate Lazio-Atalanta sarebbe finita 5-5 o 6-6.

Conti (Milan) 5: all'Atalanta era una freccia sulla fascia destra, al Milan, dopo due gravi infortuni, sembra un pulcino bagnato. Il terzino torna titolare per la squalifica di Calabria, parte benino, poi regala uno dei due gol al Lecce, con un fallo di mano in area che costa un rigore. Da lì sparisce dal campo.

Kluivert (Roma) 5: giocatore talentuoso e con tanti margini di miglioramento, ma nella gara con la Sampdoria riesce anche a farsi espellere dopo una prestazione piuttosto deludente.

Commenti

  1. Buffon fa felice Sarri.
    La questione del fallo di mani in area è spinosa. Direi irrisolvibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me quello di De Ligt non era rigore: cerca di toccare la palla con il piede ed essa carambola sul braccio.
      Direi che l'arbitro abbia interpretato bene la norma.

      Elimina
    2. Da norma non è rigore, il fatto è che hanno già dato rigori per casi del genere (sbagliando), quindi ora i tifosi si richiamano a quei precedenti

      Elimina
    3. ti riferisci a questo?

      E il rigore di Zielinski a Firenze? Secondo Marelli, rispetto al caso De Ligt, si tratta di una situazione completamente differente: "Il fallo di Zielinski? Sono due episodi completamente diversi, nella dinamica e nell'esito. Nell'occasione di De Ligt c'è un tocco di mano dopo un cross da 15 metri, con lui che è in scivolata e quindi ha un braccio in appoggio. A Firenze i due calciatori erano vicini fra loro e Zielinski aveva il braccio largo in maniera innaturale, quindi il tocco di braccio è irregolare e quindi porta al rigore".

      Elimina
  2. Ma vuoi vedere che il problema di Chalanoglu era la posizione in campo? :) Il Milan ora deve saper gestire meglio le partite, da quello che ho sentito stava dominando il Verona...e deve risolvere il problema terzino destro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calabria scarso, Conti scarsissimo. Stanno facendo rimpiangere Abate :D
      Rimangono comunque i problemi Suso, Biglia, Kessie...
      E temo che il Calhanoglu di ieri sia un'eccezione alla regola :D

      Elimina
  3. Scusate ma Buffon gioca ancora? :o
    In ogni caso, ieri dovevo scegliere tra pizza e Milan in un locale o pizza e film a casa di amici.
    Ho preferito Jackie Brown a questa squadruncola che pareggia col Lecce.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 41 anni, è il vice del primo portiere :D.
      Hai fatto bene a scegliere Tarantino, quindi :D

      Elimina
    2. Mi sa di sì.
      Ma il Milan per me non esiste più.

      Moz-

      Elimina
    3. E' in una fase moooolto "down", ma prima o poi smetterà di scavare, dopo essere finito a fondo :D

      Elimina
  4. E dicevano che era bollito, anch'io lo dicevo, e invece è ancora un mostro, anzi, un Santo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico 40enne bollito dello sport veste di giallo fluo e blu e va in moto XD

      Elimina

Posta un commento