Dolci o carbone, cosa porta la Befana ai protagonisti della Serie A


Ieri (domenica 5 gennaio) alle 12.30, con l'anticipo tra Brescia e Lazio, è ripartita la Serie A. Ma i protagonisti del "campionato più bello del mondo", cosa hanno trovato nella calza della befana?

Tanti dolci per Dybala e Higuain, i campioni ritrovati della Juventus. Sarri non è riuscito ancora a trasmettere totalmente i suoi principi di gioco, ma la squadra bianconera ha dominato in Europa ed è ancora ai vertici in Italia. Merito del tecnico toscano il recupero dei due campioni argentini. Inizia a prendere forma il tridente da playstation con Cristiano Ronaldo, che a fine 2019 ha mandato un avviso ai naviganti: "sono ancora il top" e il gol capolavoro alla Sampdoria ha smentito un po' tutti i detrattori.

Tanti dolci per il portoghese Fonseca, allenatore della Roma, il migliore di questa prima parte di stagione. Gasperini dell'Atalanta non è una sorpresa, idem Conte dell'Inter. Fonseca aveva il compito più arduo. Ha ridato entusiasmo a un ambiente in depressione -  ancor più depresso dopo il mercato - grazie a un progetto tattico che valorizza i tanti talenti presenti in rosa. Zaniolo e Pellegrini incantano, ma non possiamo nominare l'architrave su cui poggia la Roma: il difensore Smalling, sbolognato con troppa fretta dal Manchester United.

Tanti dolci per Lukaku e Lautaro Martinez, la coppia d'oro dell'attacco interista. Grande feeling in campo e rendimento notevole, come attestato dai venti gol segnati in campionato dai due prima della pausa natalizia.

Tanti dolci per Sirigu del Torino, ancora il miglior portiere del campionato italiano. Senza le sue parate, i granata sarebbero affondati nella prima parte di stagione (a portieri invertiti, Torino Milan sarebbe finito 1-3). Ma tra i migliori portieri meritano una menzione anche Olsen del Cagliari, Handanovic dell'Inter e Szczęsny della Juventus.

Tanti dolci per Luis Alberto della Lazio, leader e trascinatore tecnico di una squadra che gli scorsi anni aveva peccato di continuità. Lo spagnolo è un centrocampista tecnico e creativo, merce rara in questa Serie A.

Tanti dolci a Rajda Nainggolan, rifiorito nella sua Cagliari. Il suo rendimento è stato elevatissimo, a parte qualche infortunio, le sue reti spettacolari. E' il giocatore che ha elevato tutto il rendimento del gruppo. Aveva iniziato la stagione da registra arretrato, poi è stato spostato nel suo vero ruolo: incursore (devastante) sulla trequarti.

Tanti dolci a Theo Hernandez, freccia mancina della difesa del Milan, un colpo di mercato targato Paolo Maldini, eccessivamente criticato dagli opinionisti e dagli stessi tifosi.

Tanti dolci a Kulusevski, centrocampista-attaccante rivelazione del Parma, ennesimo gioiello di casa Atalanta in prestito ai ducali, che la Juventus ha già ingaggiato per 35 milioni più 9 di bonus.

E a proposito di Atalanta, tanti dolci a Giovanni Sartori, il miglior direttore sportivo della Serie A. Il miracolo Atalanta porta soprattutto il suo nome. Ha scoperto giocatori come Hateboer, Gosens, Castagne e Freuler, ha rilanciato Ilicic, Pasalic, Zapata, Gomez...e non citiamo i tanti giocatori ceduti a peso d'oro dalla società bergamasca.

Un po' di carbone a Piatek, ex bomber implacabile che deve ritrovare se stesso, nel 2020. Il "Giampaolismo" è stato deleterio, ma il polacco ha faticato troppo anche con Pioli.

Un po' di carbone a Carlo Ancelotti, ex allenatore del Napoli. L'essersi "intestardito" con il 4-4-2 non gradito alla squadra non è stata la mossa migliore. In Europa il Napoli ha fatto bene, ma in campionato la posizione di classifica è piuttosto sorprendente, per una squadra che fino a qualche mese fa era la rivale più accreditata della Juventus. In Inghilterra Ancelotti è comunque partito bene, sulla panchina dell'Everton.

Tanto carbone a Lorenzo Insigne: bravo in nazionale, in grande difficoltà nella sua Napoli. Dicono che pesi la fascia di capitano, certamente il 4-4-2 di Ancelotti ne ha complicato la collocazione in campo, ma un giocatore del suo talento deve fare molto di più.

Tanto carbone a Marco Giampaolo, l'allenatore che stava conducendo il Milan alla terza retrocessione della storia (o comunque a una posizione di classifica umiliante). Forse sul mercato non ha avuto i giocatori adatti al suo gioco, ma la domanda è: esistono veramente giocatori adatti al suo gioco?

Tanto carbone a Suso, Calhanoglu e Kessie, giocatori che dovevano costruire la dorsale vincente del Milan cinese. E che continuano ad arrancare impietosamente, nonostante i tanti cambi dirigenziali e in panchina.

Tanto carbone a Vincenzo Montella, allenatore che ha intrapreso una parabola discendente inarrestabile. La Fiorentina ha avuto scampoli di bel gioco, ma è troppo legata al talento (fragile, per l'età avanzata) di Ribery.

Ovviamente, in chiusura, nella calza della Befana...non dolci, ma tanta salute a Sinisa Mihajlovic. Il suo Bologna dovrebbe raggiungere agevolmente l'obiettivo salvezza, ma i discorsi legati al rettangolo verde non hanno importanza davanti alla persona. Tanta salute anche per Gianluca Vialli, per tutti gli sportivi (e non) che sono costretti a giocare la partita più impegnativa.

Commenti

  1. L'Italia è in crisi di carbone. L'ha preso tutto il Milan.
    Ovviamente (non) scherzo Riky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se oggi non vincono, passano dal carbone alle frustate :D

      Elimina
  2. L'hai un po' gufata alla Roma, diciamo :D Sono molto curioso di rivedere Ibra all'opera in serie A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non a Sirigu :D. Ieri sera Zaniolo, Mancini e Pellegrini inguardabili..ma come capita per i giovani, partite storte sono inevitabili.

      Elimina
  3. Si entra nel vivo, bisogna semplicemente ricominciare a carburare..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Juve, Inter, Lazio e Atalanta già cariche a palla!

      Elimina
  4. Sono d'accordo. Dolci e fortuna a Sinisa, Vialli e a tutti coloro che combattono questa battaglia. Anche se chi fa la chemio non può mangiarli, ma li conserverà per tempi migliori.... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo davvero, in bocca al lupo a tutti i combattenti

      Elimina
  5. Riky, voglio lanciare una petizione (firmata solo da me ahahahahah) perché oltre al calcio tu cominci a parlare di F1 così che anche io dia i miei contributi significativi xD
    E comunque se ti può interessare, tanti dolci anche a Paola che ha già mangiato tutto xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahha, a casa mia quest'anno siamo stati morigerati con i dolci! Ne abbiamo presi di meno (che poi tanto alla fine mangiava tutto mio babbo, io sto più riguardato XD).
      Sulla Formula 1 probabilmente sono troppo poco competente e troppo tifoso, no? :D
      Poi se dovesse esserci duello Leclerc Verstappen per il titolo finiamo per litigare ahahah (ma va, tanto rivince Hamilton).

      Elimina
    2. E perché, pensi che io commenterei in modo anche solo sportivo io?xD
      Vince Max mio, comunque, ormai c'è chi lo paragona ad un giovane Senna *.*

      Elimina
    3. Ha rinnovato in Red Bull fino al 2023. Quindi ho vince nel 2021 oppure sarà prigioniero di un ricco contratto :D

      Elimina
  6. Nainggolan deve fare da buono. Condurre vita da atleta. Se si attiene a queste regole può solo andar bene. Se oltre ad avere la potenza atletica che ha avesse la testa di Platini, sarebbe un fuoriclasse spaziale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo al tempo del Piacenza, in serie B. Avevo già visto un giocatore devastante. E' così. La testa non è sempre stata all'altezza delle qualità. Noi milanisti avremmo potuto provarci. Lui e Ibra ci avrebbero tolto molti problemi, secondo me...

      Elimina
  7. Tanto carbone ai preparatori della Roma. Non è possibile avere perennemente tutti 'sti giocatori in infermeria. Va bene la sfortuna ma fino a un certo punto!
    Sempre viva Fonseca, anche se la pausa natalizia ha fatto male ai giocatori.


    p.s. manco mi ero accorto che Ancellotti fosse andato via dal Napoli 😅

    RispondiElimina

Posta un commento