Zio Paperone e il supercampionato



Pubblicata nel n.1817 del 1990, "Zio Paperone e il supercampionato" è una delle tre storie più belle sul calcio lette su Topolino.

Anzi, è sicuramente la migliore.

La copertina per me era già invitante...

L'autore Giorgio Pezzin firma un lavoro praticamente perfetto sotto ogni profilo, in particolare descrivendo il calciomercato con dovizia di particolari, tra trattative a suon di milioni e procuratori disonesti. La conoscenza calcistica dell'autore emerge dalle innumerevoli citazioni di calciatori, all'epoca una vera e propria sorpresa per me. I disegni del maestro Luciano Gatto sono dinamici, seguono il ritmo serrato della storia: unico neo la colorazione delle squadre. A parte un errore vero e proprio (ne parlo più in basso), mi ha deluso vedere la Jupaper con i calzoncini lillà stile Legnano a rovinare la splendida divisa rosso-blu con calzettoni rossi, mentre la Rockelan è lillà (ancora...) con una banda gialla, calzoncini neri e calzettoni blu. Un accostamento di colori francamente orribile, stile certe squadre di Holly e Benji...non mi ha convinto neppure il portiere della Rockelan, vestito come un portiere anni '40. Sono comunque difetti che non tolgono "magia" alla storia. Praticamente "L'allenatore nel pallone" e "Il presidente del Borgorosso Football Club" versione disneyana (benché senza una figura di spicco come allenatore): con un attaccante sudamericano stile Aristotelese (Paco) e la "beffa finale". E a proposito, l'epilogo non delude affatto e mantiene alto il livello qualitativo della storia.




LA TRAMA: Zio Paperone diventa presidente di una squadra di calcio, suo malgrado. L'industriale Furbanis, debitore di 2 milioni di dollari verso il ricco papero, dopo il fallimento della sua azienda, ripaga il debito cedendo gratis la sua squadra di calcio. Lo zione, dopo l'iniziale sconforto, capisce che avere una squadra di calcio vincente aumenti la popolarità verso i tifosi, i principali clienti dei prodotti messi sul mercato da un imprenditore. Ancora una volta però il suo rivale sarà quello di sempre: John D. Rockerduck.


Jupaper in maglia rossoblu, Rockelan in lillà-giallo

Splendida questa vignetta di Gatto

CITAZIONI CALCISTICHE: a Milano per il calciomercato, Zio Paperone e i nipoti all'aeroporto incontrano Lothar Matthaus (campione dell'Inter e della Germania), qui ribattezzato Matthias, poi passano davanti allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro, inconfondibile (bravo il maestro Gatto!), incrociando i tifosi del Milan (con bandiere rossonere). La Gazzetta dello Sport e il Guerin Sportivo diventano La Gazzara dello sport e il Guerrin Giulivo. Il Processo del Lunedì di Biscardi diventa il "Protesto del lunedì" con tanto di moviolone. La squadra di Zio Paperone si chiama Jupaper e tra le sue fila schiera: Giulio Cesare (Julio Cesar), Papon (Jean Pierre Papin), Des Walzer (Des Walker), Riccardo Legni (Riccardo Ferri) e Carlo Ancellotti (Carlo Ancellundici), Fusi (Luca Fusi), Hossler (Thomas Hassler). L'allenatore è Gigi Maifreddi (Gigi Maifredi). La Rockelan di Rockerduck è allenata da Arrigo Tacchi (Arrigo Sacchi) e ha la sua punta di diamante in Van Pasten (Marco Van Basten). Dalla scelta delle squadre, deduco che Pezzin non avesse molto in simpatia il Milan e che fosse tifoso bianconero. Tra i protagonisti c'è anche il procuratore Saliendo (Antonio Caliendo, che era appunto un procuratore esperto di giocatori sudamericani, come il napoletano Careca). Sono citati anche Roberto Paggio (Roberto Baggio) e Stefano Borgovecchio (Stefano Borgonovo). Infine la Rockelan e la Jupaper giocano contro la Romula e la Fiorentona (Roma e Fiorentina).

Lothar Matthaus accolto dal calore dei suoi tifosi

Lo stadio di San Siro e i tifosi del Milan

Il procuratore Saliendo


CENSURA: quando Qui, Quo e Qua parlano a Zio Paperone del calciomercato, citano due calciatori. Si tratta appunto di Roberto Paggio e Stefano Borgovecchio, cioè Baggio e Borgonovo, che nel 1989 avevano fatto faville con la maglia della Fiorentina. Nella ristampa della storia, in "Topolino Gol" del 2014, sparisce Borgovecchio: Qua si limita dire un "E non è il solo", dopo che il fratello ha citato il trasferimento di Paggio per 16 milioni di euro. Immagino sia stata una "censura" motivata dalla tragica scomparsa di Borgonovo, malato di Sla.

Rip Stefano!

INCONGRUENZE: la Rockelan in una sola vignetta indossa una divisa rossa con banda gialla, calzoncini neri e calzettoni rossi. Decisamente una versione migliore della divisa originale...(non ve la mostro perché farei spoiler).

Commenti

  1. Questa non me la ricordo, forse avevo già smesso di leggere Topolino...sono riusciti a inserire anche Des Walker, un giocatore che di certo non è passato alla storia

    RispondiElimina
  2. "Calzettoni" passa. Fiuuuuuu
    Comunque tu nel '90 esistevi già (c'ero persino io), quindi questo bellissimo numeri era in tuo possesso. Mannaggia.
    Ma il mio? Non dovevi recensirlo? Piccio in arrivo..........
    Scherzo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sai preparo questo tipo di post con mesi di anticipo :D.
      Il tuo arriverààà tranquilla :D

      Elimina
  3. Questo lo ricordo, era nella libreria dei figli. Portato a scuola. Buona fine di settimana, Riccardo.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Me la ricordo benissimo questa storia! Soprattutto la parte del calciomercato e poi la Jupaper, Van Pasten... E la Gazzara? Per quanto tempo abbiamo chiamato così la Gazzetta parlando tra noi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah vero! Tu sei testimone di quanto mi sia flippato con questa storia :D

      Elimina
  5. https://www.radiospada.org/2014/02/walt-disney-cartoni-animati-e-massoneria-foto-e-video/
    E’ del rapporto tra Walt Disney e l’esoterismo massonico che si vuole in questo articolo discutere. Ma non sarò io ad argomentare e disquisire circa il costante rapporto tra le produzioni della Disney e la massoneria statunitense. Saranno niente di meno che due membri stessi della massoneria a parlarci di questi rapporti e della presenza di ampi e vasti riferimenti all’esoterismo massonico all’interno delle produzioni Disney. Infatti, qui di seguito riporterò per intero una tavola massonica (elaborato scritto che gli iniziati leggono in loggia durante i lavori rituali) che tratta proprio del tema sopra accennato. Il titolo di questa tavola massonica è “La massoneria nelle opere di Walt Disney”, il cui autore è l’anonimo Fr. E. D., iniziato alla loggia Hocma n° 182 di Trapani. Successivamente ad aver riportato la suddetta tavola massonica, riporterò per intero anche un articolo apparso sul sito Ritosimbolico.net ad opera del massone Giovanni Lombardo, per dovere di cronaca va rammentato che il Lombardo fu colui che denunziò il Gran Maestro Gustavo Raffi, come potete leggere QUI. L’articolo di Giovanni Lombardi, massone ribelle, ovviamente tratta dei rapporti tra l’esoterismo massonico e le opere di Walt Disney.

    Giusto per metterci anche del mio in questo articolo, vi invito a visitare il sito ufficiale del Disney Club 33, un club privato con sede nel parco divertimenti di Disneyland riservato ai finanziatori della Disney. QUI il sito ufficiale e QUI la pagina Wikipedia. Ritengo inutile argomentare il fatto che nel mondo, anche in Italia, esistano decine di associazioni para massoniche il cui nome è “Club 33″, le quali, beninteso, non hanno nulla a che fare con la Disney. Cercare per credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, Walt aveva molti scheletri nell'armadio.
      Nulla toglie alla bellezza di questa storia :)

      Elimina
  6. E quando il mondo del calcio e quello di Topolino si incontrano, non puoi proprio esimerti dallo scrivere qualcosa :)
    Comunque disegni splendidi e altrettanto bella la copertina.

    RispondiElimina
  7. Anch'io ricordo questo numero.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  8. Sono sicuro di averlo letto, perché la storia me la ricordo.
    Di sicuro lo avrò letto di straforo, già all'epoca avevo mollato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle migliori opere di Pezzin, autore ultrapresente nella mia infanzia topolinesca :)

      Elimina
  9. Avevo questo Topolino perché lo ricordo benissimo.
    Copertina stupenda e coloratissima.
    Ma... la storia no, mai letta. Forse perché, non interessandomi il calcio, la tralasciai.
    Meno male che l'hai raccontata tu, vedi... era piena zeppa di omaggi!
    Peccato per la censura del 2014, alla fine sarebbe stato un bel ricordo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piena zeppa di omaggi e citazioni che ovviamente potevano essere colti soprattutto da chi seguiva bene il calcio!
      E' vero, la copertina spacca!

      Elimina
  10. Tutto io e non l'ho mai letto, mannaggia a me! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita davvero! E poi la Juventus fa una bella figura :D

      Elimina
  11. Piuttosto, io vorrei ritrovare uno degli inserti presenti su Topolino di non so quale mondiale ( credo il 1986, ma chissà ), in cui veniva spiegata tutta la storia del mondiale fin dalla sua nascita e con delle immagini dei giocatori più significativi.
    All'epoca ne rimasi letteralmente folgorato ( ricordo la foto di un colpo di tacco di Just Fontaine che mi faceva impazzire.
    Tu ne sai nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era all'interno e le foto mi pare fossero reali ( molte erano in bianco e nero ) e mi pare si parlasse di Coppa Rimet e mondiale, non ricordo altro se non che ero un inserto di circa sei pagine all'interno di un Topolino di quegli anni ( presumo 1986 perché era quello il periodo in cui lo leggevo ).

      Elimina
    2. Ciao Pirk,
      ho controllato proprio ora.
      E' la storia dei mondiali, a puntate, fatta stile programma televisivo condotto da Topolino, con disegni che riproducevano le foto di giocatori e azioni, ma era appunto un fumetto.
      Ho visto quel disegno di Fontaine, a lato c'era una grande parata di Jascin.
      Ecco il numero cult
      https://inducks.org/issue.php?c=it%2FTL+1589#b

      Due chicche: un trafiletto sul mio cartone preferito MASK e una splendida pubblicità di Devastator (Transformers).

      Elimina
    3. Quando arriva la bella stagione, farò qualche scansione :)

      Elimina
    4. Me la ricordo anch'io la storia del mondiale disegnata ...credo che stia all'interno di "Papergol" ma devo controllare!

      Elimina
    5. E' all'interno di Paperone Mondiale 90 :D (a proposito, bellissima copertina).

      Elimina
  12. In effetti i colori lasciano a desiderare. Decisamente meglio nella copertina.
    Che fantasia per Ancelundici😆 comunque tutti nomi modificati senza inserire la parola papaer o duck, come fanno oggi con pessimi risultati.
    16 milioni di euro? Nel '90?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso anche io così! Una volta i nomi "tarocchi" erano molto più belli perché simli a quelli reali.
      Oggi Ancelotti sarebbe Duckelotti :D

      Elimina
  13. Ricordo questa storia! E da piccola non capì il perchè delle scelte cromatiche fatte in merito alle squadre (che, dal nome, richiamavano ovviamente squadre reali come Juve e Milan)! Vedo però di non essere stata l'unica così "puntigliosa" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi? Io non tolleravo quel lillà messo a cavolo :D.
      Va bene non fare bianco-neri contro rosso-neri, ma allora fai rosso-blu e rosso-giallo-neri senza altri strani colori :D

      Elimina
  14. Visto lo stratagemma finale direi più "Paulo Roberto Cotequinho - Centravanti di Sfondamento" che "L'allenatore nel pallone" no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ex, devo fare una confessione.
      Non ho mai visto quel film, perché ho sempre mal tollerato Alvaro Vitali..
      Almeno nei film con Gloria Guida..c'era Gloria Guida :)

      Elimina
    2. Ah. Effettivamente, come ogni film di Pierino, non è un granché, ma una visione allo svacco, per la stessa verve completista che mi spinge a finire videogiochi di merda, la merita. Così vedrai come la storia di Paco-Paperino è stata chiaramente ispirata da lì. E poi c'è Carmen Russo.

      Elimina
    3. Allora rimedierò :).
      Ne approfitterò anche per recensirlo

      Elimina
    4. Vai! Devi vederlo daiii è un cultissimo 😄😄

      Elimina
  15. A proposito di paperi: io ricordo distintamente una storia in cui era presente "Paperdona" ....te la ricordi per caso, Riccardo? Poi a casa ho un "Paperone Mondiale '90" e un volumetto "Papergol", se ti interessano magari quando ho tempo ti faccio le scan...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che me la ricordo :D ma era citato Paperdona (assieme a Bassobelli e altri):
      http://www.ilbazardelcalcio.com/2018/11/topolino-e-lambita-coppa-la-mia-prima.html

      Papergol ce l'ho anche io scansionato :D
      Paperone mondiale ha la ristampa della storia dei mondiali di Topolino della quale parliamo poco sopra!
      Io ho tutto gli albi di Topolino con quella storia.

      Elimina
    2. Ahaha allora sei a posto!!👍👍 Bassobelli e Topster appena l'ho visti scritti mi si è riaperto un cassetto della memoria, così, sbammm a tradimento!! 😄😄😄

      Elimina
    3. Bellissimo che da bimbo piccolo non sapevo quale calciatore nascondesse Topster...
      L'ho scoperto successivamente!

      Elimina
    4. Io lo "conoscevo" bene per vie traverse poiché ho zii (nativi di qui) e cugino (nato qui ma madrelingua tedesca) residenti a Colonia, in Germania, dove Toni era diventato una bandiera!! (io e te, Riccardo avremo avuto undici - dodici anni) Un'ottantina di gol distribuiti in 4 anni...e poi se ne andò agli acerrimi rivali del Moenchengladbach!!!

      Elimina
    5. Fantastico! Io Polster me lo ricordo soprattutto nei videogiochi e nel mondiale del 1998 (anche se partecipò pure a quello del 1990).
      Ah, aggiungi alla lista delle maglie belle: Austria 1998 :D

      Elimina
    6. Anche quella di Italia 90 non scherzava!!

      Elimina
    7. Eh già le maglie del 1990 mi piacevano meno :D Germania a parte :D

      Elimina
    8. Eh quella della Germania è passata alla storia...tanto che l'hanno parzialmente ripescata per questo ultimo mondiale (e non gli ha portato bene ihihihi)

      Lo sai che a me piace molto quella della Nazionale Femminile Tedesca??
      https://calcio144271987.files.wordpress.com/2019/03/magliette_germania_femminile_2019-4.png?w=840
      Secondo me molto più bella di quella maschile!

      Elimina
    9. Anche secondo me la versione women è molto meglio.
      La decorazione nero-grigia non ha molto senso :D, lo avrebbe solo in una maglia da portiere bianca...

      Elimina
    10. Infatti, lo penso anch'io! 😉

      Elimina
    11. Comunque la più bella maglia della Germania è quella con gli scacchi del mondiale 1994 :D.
      Della Germania ho quattro maglie:
      - away 1996 verde (bellissima)
      - away 2010 (nera, bellissima)
      - Neuer 2010 (rosso-nera-oro)
      - Neuer 2018 (blu)

      Elimina

Posta un commento