Italia - Grecia, quando Bergomi fece il bomber (disegni dei gol)


Oggi l'Italia sfida la Grecia in una gara alle qualificazioni dell'Europeo. Noi invece rivivremo, con i disegni di Carmelo Silva e di Paolo Sabellucci, una partita tra le due nazionali del 1986. Fu la prima gara di Azeglio Vicini sulla panchina dell'Italia: il tecnico di Cesenatico guidò gli azzurri fino al terzo posto del Mondiale disputatosi proprio in Italia.

L'Italia passò in vantaggio già all'8', grazie a un gol del difensore dell'Inter Giuseppe Bergomi, che calciò di controbalzo su respinta della difesa, infilando imparabilmente il portiere Papadopulos. Fu poi Donadoni, al 23', a sfiorare il bersaglio, con un rasoterra da fuori area.


Al 36' Manolas (omonimo dell'attuale difensore della Roma) salvò sulla linea di porta un colpo di testa di Altobelli (o di Bonetti?). Il raddoppio dell'Italia arrivò nella ripresa, al 68', grazie a uno splendido destro di un ispirato Bergomi, bravo anche a girarsi spalle alla porta. Da notare che nel disegno di Silva, Bergomi vada al tiro direttamente sull'assist di Altobelli. Ad ogni modo nulla da fare per Minou, secondo portiere greco (che ricordo, disastroso, in un'apparizione al Mondiale del 1994).


Rivediamo i gol a colori, con Paolo Sabellucci dal Guerin Sportivo. Nella prima rete di Bergomi c'è, correttamente, il rimbalzo prima del potente destro del marcatore. C'è anche un tocco del portiere Papadopulos. 


Diversa la rappresentazione dell'occasione sventata dalla difesa greca sulla linea. Dopo il tocco di testa di Dossena (nel disegno di Silva era Vialli), Altobelli tocca, ma di punta, per il colpo di testa dello stopper Bonetti. A respingere sulla linea non Manoas, ma Xantopulos.


Nel secondo gol di Bergomi viene riportato il controllo spalle alle porta e il successivo destro vincente.


Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao Gus!
      Domani forse sapremo finalmente l'allenatore della tua Juve :)

      Elimina
  2. Ovviamente non lo ricordo, ma con questi disegni si rivive l'epoca.
    Peccato non diano ancora spazio a questo tipo di arte.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'obiettivo del mio sito è pubblicare più disegni possibile di questi fantastici artisti.
      Oggi faccio una seconda uscita sull'Italia :)

      Elimina
  3. Ha insomma fatto suo il detto "uno su mille ce la fa" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero :D, per quanto penso che Bergomi abbia nella sua carriera tentato pochissime volte il tiro :D

      Elimina
  4. Questi meravigliosi disegni riescono ad incuriosire persino un'a-sportiva come me.. ;)
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono delle chicche questi disegni, da bambino ne andavo matto..e oggi ancora di più :)

      Elimina
  5. Bergomi mi stava simpatico da morire :) ma lo ricordo solo in nazionale, non ho altre memorie di lui. Sai che il calcio lo seguo con una certa incostanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel 1998 fu protagonista a sorpresa nel mondiale con l'Italia, chiamato a sostituire l'infortunato Nesta. "Lo zio" è sempre stato un personaggio molto simpatico e una grande bandiera :)

      Elimina
  6. Minou! 😂😂😂Rinominato dalla Gialappa's su Mai dire mondiali '94: Minou(s) habens!! 😂😂😂

    Bergomi in questo caso ha visto per la prima volta la metà campo opposta e ha pensato: "Ah!! Ma allora c'è un'altra porta!!! E io sapete che faccio? SEGNO!" Mitico Zio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile che aneddoto ti sei ricordato!!!
      In effetti la Grecia nel 1994 schierò portieri uno peggio dell'altro

      Elimina
    2. 😂😂😂 Tragedia!! Anche Trucco della Bolivia non era male! 😂😂😂

      Elimina
    3. Prima partita del mondiale..la Bolivia sfiora l'impresa con la Germania...poi lancio lungo, Trucco esce fuori area, uno della Germania tocca di petto e Klinsmann fa gol XD.
      Altro fenomeno il portiere del Marocco, due papere in tre partite...

      Elimina
    4. Ahaha bei campioncini, si!! 😆😆😆

      Elimina

Posta un commento