Quando l'Inter del Trap "smontò" il Milan di Sacchi

Il salvataggio di Bianchi

Il campionato 1989-1990 si concluse per il Milan con la beffa della Fatal Verona (ne abbiamo parlato QUI), ma lo scudetto fu perso per le due sconfitte nel ritorno contro le rivali di sempre, Juventus e Inter. Il 18 marzo 1990 in particolare i rossoneri allenati da Arrigo Sacchi si arresero (3-1) all'Inter di Giovanni Trapattoni.

La sliding door della partita fu in avvio: Zenga non trattenne un calcio di punizione, ma Van Basten non riuscì a ribadire a rete di forza. La palla fu così fermata sulla linea dall'esterno destro Bianchi. L'altro portiere, Pazzagli, sbagliò invece completamente un'uscita aerea e Serena lo anticipò, segnando di testa.

Pazzagli aveva oramai preso il posto di Giovanni Galli in campionato, lasciando al "rivale" la ribalta Europea della Coppa dei Campioni. Ma il compianto Pazzagli, scomparso prematuramente a 51 anni, non mi convinse mai. E l'ho sempre ritenuto il responsabile di questa pesante sconfitta nel derby. Fu sempre l'estremo difensore rossonero a provocare il rigore del 2-0, atterrando Matthaus. Il campione tedesco fu implacabile dal dischetto.

Il rigore di Matthaus

Il Milan dimezzò lo svantaggio con un gol dello stopper Costacurta, ma in contropiede Serena segnò la sua personale doppietta (questa volta senza colpe per il povero Pazzagli).

Il gol di Serena

Vediamo ora i gol nei disegni di Paolo Sabellucci (dalla mia collezione personale del Guerin Sportivo).





Commenti

  1. Era un Milan molto "europeo", con Sacchi vinsero solo uno scudetto e poi coppe a raffica, forse per assurdo era più competitivo il campionato italiano con Inter, Napoli e anche Juve che la Coppa Campioni in cui beccavi la Steaua in finale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un Milan che non rivedremo più per secoli :D...e i miei sodali di tifo non lo hanno ancora capito.

      Elimina
  2. Sacchi, l'uomo più presuntuoso del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto il suo pupillo Giampaolo ci sta mandando alla deriva. Inconcepibili le scelte di formazioni fatte (ha preso solo Leao..)

      Elimina
  3. Altri tempi proprio, e comunque il Trap mito in ogni caso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono fatto un'autogufata, abbiamo perso il derby in casa con due gol di scarto. Ahahah

      Elimina
  4. Le gambe dei disegni di Sabellucci valgono il post!
    Viva le gambe a palloncini sgonfi 😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissimo! Infatti mi piace pubblicare questi amarcord per dare spazio ai mitici disegni dei vari Sabellucci, Silva, Samarelli...

      Elimina
  5. Pazzaglione grifone 😊😊

    Qui con sfondo di Curva Sud 😊😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le bellissime maglie della Torello (mi sembra si chiamasse così, giusto?)

      Elimina
    2. Esattamente! Torello Sport 😊😊

      Elimina
    3. Nel riminese c'è un'azienda, la Tan Sport: adesso sono un colosso della vendita di abbigliamento sportivo, ma negli anni '90 avevano anche una propria linea teamwear! Il logo era simile a quello della Torello Sport.

      Elimina
    4. Hai capito... Mah chissà Torello che fine avrà fatto e di dove era!

      Elimina
    5. Ho letto sul web che la ditta era di Chieti!

      http://www.ilcentro.it/chieti/addio-torello-pioniere-dello-sport-1.2219575

      Elimina
    6. Insomma si facevano concorrenza in Abruzzo! E manco poca, dato che la famosa NR (poi N2) era di Pescara...

      Elimina
    7. E anche la Top87 è abruzzese, se ben ricordo..

      Elimina
    8. Questa non la conosco! 😅

      Elimina
    9. Io la conosco bene perché la squadra del mio paese, a fine anni '90, aveva solo maglie Top87 :D

      Elimina
    10. Qua a livello locale la 2T sport, ha sede vicino Assisi... Quando il Perugia era in serie C gli ha fornito l'abbigliamento tecnico, fra cui una divisa futuristica fichissima del 1991/1992!

      Elimina
    11. Bellissima! Mi ricordo, me ne avevi parlato

      Elimina

Posta un commento