I gol di Oleg Salenko nel mondiale di Usa '94



Oggi l'ex attaccante russo Oleg Saleko compie 50 anni. Lo celebriamo rivedendo le reti, disegnate da Simone Baruffi sulla Gazzetta dello Sport, che gli fecero conquistare il titolo di capocannoniere del Mondiale di Usa '94, alla pari del bulgaro Hristo Stoichkov. Salenko segnò cinque delle sei reti in una sola gara: Russia - Camerun 6-1. Questo risultato permise anche la qualificazione dell'Italia agli ottavi di finale tra le migliori terze. I russi invece furono eliminati a causa delle sconfitte con Brasile e Svezia. Salenko segnò 6 reti in 215 minuti di gioco.


Il primo gol di Salenko arrivò nella seconda gara, con la Svezia. L'attaccante russo trasformò un rigore spiazzando il portiere Ravelli. Fu anche la prima rete per tutta la rappresentativa russa.


Contro il Camerun, Salenko iniziò la sua goleada sfruttando un rimpallo favorevole. Il suo destro superò il portiere africano Songo'o.


Il raddoppio fu firmato da Salenko in scivolata, in assoluta solitudine, mentre il tris arrivò su rigore. Come Ravelli, anche Songo'o fu spiazzato dalla freddezza dell'attaccante avversario


Per la quarta rete, un destro potente su cross di Tetradze, futuro romanista, bravo a servirgli un perfetto pallone rasoterra.


L'ultima rete fu siglata con un perfetto colpo sotto, sul secondo uno contro uno con il portiere del Camerun.

Commenti

  1. Salenko era fortissimo.
    Sul post di ieri ho spiegato la storia della dama bianca Ilaria Occhini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima precisazione sulla dama bianca.
      Salenko è stato sfortunato. All'apice ha beccato una stagione no poi un grave infortunio.

      Elimina
  2. Stoichkov lo conobbi in quel mondiale, era un grande giocatore, non ricordo questo russo, comunque ricordo troppo e poco di Usa '94..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Usa '94, mondiale bellissimo, guardavo le partite su Telemontecarlo alla mattina.
      Poi era l'estate pre prima media, quindi tre mesi di cazzeggio totale :D

      Elimina
  3. Salenko ebbe un exploit eccezionale in quel mondiale, poi non è che sia passato alla storia eh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è stato l'exploit che lo ha fatto passare alla storia (almeno dei mondiali) :)

      Elimina
  4. Di quel mondiale ricordo sopratutto la finale persa dell'Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'agonia, più che una partita.
      L'avessimo giocata con Baggio in condizione fisica...

      Elimina
  5. E chi se lo scorda.
    Quando giocavamo al campetto durante quel periodo, il capocannoniere di turno veniva soprannominato Salenko. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo questo tuo ricordo. Era così. Il calciatore del momento veniva omaggiato, diventando "il soprannome" da affidare durante le partite di calcetto.
      Salenko fu poi presto dimenticato, immagino :)

      Elimina
    2. Ognuno aveva il suo, c'erano anche gli illustrissimi Wynalda, Eilts, ecc.ecc.
      Si andava di moda momentanea ad ogni mondiale ed europeo, che tanto coincideva con l'inizio dell'estate che era il periodo dove organizzavamo più partite.

      Elimina
    3. Addirittura Elits? Grandissimo e grandissimi voi. Wynalda me lo ricordo bene. Per me era l'unico giocatore forte degli Usa dei primi anni '90 :D.

      Elimina
  6. Non mi dice nulla, nonostante questo sia stato il primo mondiale che ho seguito.
    I giocatori del Camerum sono stupendi, sembrano i vecchi cartoni animati coi negri ahahahah 😂
    Anche la prima vignetta sembra di un fumetto.
    Tretazze, chi mi hai ricordato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, i neretti sono disegnati in maniera retrò! :D
      Cmq 1994, son già passati 25 anni!

      Elimina

Posta un commento