La partita in cui l'Italia giocò in maglia rossa


Nel novembre di 25 anni fa l'Italia giocò una partita in maglia rossa, per l'unica volta nella sua storia.

Gli azzurri hanno indossato una maglia nera (durante i mondiali del '38, per imposizione del fascismo), una maglia verde (anche in tempi recenti), una maglia blu scuro. Ma solo una volta sono scesi in campo di rosso vestiti.

Fu la squadra Under 21 a giocare in rosso contro la neonata nazionale della Croazia. La partita si giocò a Caltanissetta e sembrava quasi un omaggio a Giuseppe Garibaldi (al quale è intitolata una piazza nella cittadina siciliana), anche per l'utilizzo dei pantaloncini blu.

Quella scelta cromatica però fu dovuta ad altre ragioni, ben poco romantiche.

Dionigi, attaccante cresciuto nelle giovanili del Milan

Gli azzurri semplicemente arrivarono in Sicilia con la maglia bianca; identico colore per i croati. Come società ospitante, l'Italia era obbligata a cambiare la casacca. La partita iniziò con mezz'ora di ritardo, il tempo di prendere le maglie del Nissa Calcio e di darci una pennellata di nero sullo stemma.

Il tabellino

L'Italia vinse 2-1, trascinata dai suoi attaccanti: Alex Del Piero della Juventus e Davide Dionigi, in forza alla Reggiana, ma con trascorsi nelle giovanili del Milan. In difesa giocavano Fabio Cannavaro e i futuri interisti Fresi e Galante. Nella Croazia un altro futuro interista, Simic, poi passato anche al Milan; Vugrinec e Rapajic, che qualche anno dopo avrebbero giocato in serie A, con Lecce e Perugia. Infine Rukavina, tre anni al Venezia.

Commenti

  1. Solo per sventura una squadra potrà giocare con la maglietta rosso.

    Aneddoto. Una volta a Pescara c'era un squadra che giocava con la maglia nera.
    Logicamente quella squadra si chiamava "Mezzanotte".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che "mezzanotte" fosse una zona di Pescara, giusto?

      Elimina
  2. Cioè, non sapevano che la Croazia si sarebbe presentata in bianco?
    E a questo punto, perché non usare la divisa azzurra? :o

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta domanda.
      A giugno parlerò della prima maglia della Croazia, che era rossa con calzoncini bianchi e calzettoni blu. Per questo l'Italia si presentò in bianco con calzoncini blu e calzettoni bianchi.
      Invece la Croazia arrivò in completo bianco.
      Certo è un caso curioso ugualmente, in genere si portano sempre due divise dietro..

      Elimina
  3. Fa un po' strano vedere l'Italia in maglia rossa :) abituati come siamo all'azzurro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le squadre bianco-blu il rosso è un buon secondo colore, ma in effetti non sono abituato a pensarlo all'Italia.
      Meglio, il rosso, come colore alternativo al grigio per la maglia da portiere :)

      Elimina
  4. A primo acchito avevo pensato alla violenza sulle donne.
    Vedere "novembre", "rosso" e "25" nella stessa frase mi aveva ingannata.
    Però non credevo che le squadre non conoscessero prima la maglia che gli avversari indossano ad ogni partita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casualità davvero parlare di una maglia rossa dell'Italia proprio a ridosso del 25 novembre.
      Per il resto non so come funzionasse la cosa delle maglie.
      Cioè oggi viene tutto definito prima.
      Pensa che ai mondiali le squadre comunicano l'esatta composizione (maglia, calzoncini e calzettoni) di tutte le maglie (comprese quelle dei portieri) ed è poi la Fifa a decidere tutti gli abbinamenti delle partite :D

      Elimina
  5. Non ricordavo questa particolarità, fortunatamente è stata l'unica volta..

    RispondiElimina
  6. Vedo che c'erano pure Tacchinardi e poi Inzaghi, che partì dalla panchina...era una bella Under 21! Il disguido delle maglie si può spiegare anche col fatto che Internet non era ancora così diffuso, le federazioni comunicavano tramite telefono o fax :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente Fabri, poi la Croazia era una nazionale neonata!
      Era una bella nazionale e c'erano giocatori come Brambilla che avrebbero potuto fare una carriera più prestigiosa. Ma in quegli anni, con la sentenza Bosman in agguato, molti talenti italiani hanno perso treni importanti.

      Elimina
  7. Non la ricordavo proprio questa partita, eppure c'era Del Piero che in quel periodo iniziava già a essere uno dei miei idoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sicuro di averla vista in tv, all'epoca.
      Per anni è rimasta impressa nella memoria, questa partita in maglia rossa, poi il recupero di queste immagini sul Guerin Sportivo :D

      Elimina

Posta un commento