La maglia Uhlsport con le 'zampette' (1996)



A inizio 1996 la Uhlsport lanciò per i propri portieri una nuova divisa con caratteristiche tipiche del periodo: sfumature e grafica.

Nella fattispecie questa divisa ha delle piccole "maglie" o "zampette" che decorano la parte superiore e inferiore, mentre la parte esterna della manica, verso il bordo, si sfuma. Il motivo a "zampette" si incrocia nelle stesse maniche.

La prima variante è di colore verde, con motivi che sfumano dal rosso al rosso scuro, bordo manica sfumato di nero.

Foto Getty Images

La seconda variante era identica alla prima, ma con il giallo al posto del verde. Una maglia perfetta per il portiere del Milan, visti i colori, ma Sebastiano Rossi quell'anno utilizzò altre due divise della Uhlsport.

Foto di Marco Silvestri

Taibi del Piacenza (foto dal Guerin Sportivo)

La terza variante era la mia preferita: blu con le "zampette" che cambiavano colore dall'arancione al giallo e bordo manica sfumato di rosso. E se ben ricordo era l'unica divisa che aveva pantaloncini dello stesso colore della maglia e sui quali proseguiva il motivo geometrico predominante.


Questa maglia è finalmente parte della mia collezione (QUI il post).

Commenti

  1. E' una maglietta straordinaria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la penultima grande maglietta da portiere della Uhlsport.
      Solo quella dell'anno successivo è stata bella, poi il marchio ha continuato a produrre maglie, ma non belle come quelle degli anni '90.

      Elimina
  2. L'unica graziosa a me pare quella verde :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho quella blu, di Taglialatela del Napoli :D

      Elimina
  3. Risposte
    1. Che poi mi facevano notare che sono tipo delle magliette stilizzate :D

      Elimina
  4. Quella gialla è davvero bruttina. Non che la verde mi faccia impazzire, ma almeno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, il giallo con il rosso e il nero lega bene :)

      Elimina
  5. A me non piacciono, poi le trovo troppo larghe, anche se all'epoca era cosa comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sulla taglia delle maglie dici bene: una volta larghissime, adesso strettissime. Mah, una mezza misura? :D

      Elimina
  6. Giuro che dalla miniatura dell'elenco lettura ho pensato che nella prima foto fossi tu allo specchio, e che avessi tagliato l'altra mano perché tenevi lo smartphone 😂😂 e non ho bevuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei potuto fare la stessa foto, Pier, con la maglia blu (è una delle maglie della mia collezione, il pezzo più "pregiato")

      Elimina
  7. Non male quella gialla. Quella celeste/blu è da parcheggiatore abusivo XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah allora la indosso e vado a chiedere qualche spicciolo :D

      Elimina
  8. Ciao Riki, come va? Ricordo perfettamente queste maglie. Alcune erano bruttine, altre erano bellissime. Tuttavia, in ambo i casi, parliamo di un pezzo di storia che rientra inesorabilmente nell'operazione nostalgia che ognuno di noi porta dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro, bentornato.
      Eh sì, hai detto bene, operazione nostalgia: erano gli anni in cui mi sono appassionato alle maglie da calcio :)

      Elimina
  9. Sì sì, direi che sono proprio impronte di zampette, più che sagome di maglie 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti ho riguardato..zampette!

      Elimina

Posta un commento