Messi, Calhanoglu, André Silva: facciamo chiarezza sugli "scoop" della Gazzetta

Foto da Corriere.it

Messi all'Inter? L'indiscrezione la lancia Filippo Grassia sulle frequenze di Radio Rai, parlando dell'arrivo a Milano di Jorge Messi, padre-agente del calciatore. Messi Senior ha acquistato casa vicino alla sede dell'Inter: questi sono i fatti. Una certezza sono i rapporti freddi tra il campione argentino e l'attuale dirigenza del Barcellona. Ma l'ipotesi Messi Inter è al momento fantacalcio. La Gazzetta dello Sport piazza il titolone "Una svolta accende i sogni dei tifosi, Inter-Messi perché no?", facendo intendere che il colpo sia possibile, se il presidente Zhang volesse... Il problema è che Zhang può volerlo, ma le regole dei fairplay finanziario non lo consentono: il costo di Messi, tra ingaggio lordo e cartellino, non è alla portata dei conti dell'Inter. Che per ridurre il gap dalla Juventus può solo proseguire nel rafforzamento della rosa con acquisti mirati, dopo Hakimi: un difensore di livello, un esterno sinistro, un paio di centrocampisti e un attaccante (da aggiungere in rosa a Lautaro Martinez, Lukaku e Sanchez). Missione non facile, ma Marotta, da navigato dirigente, è pronto a un mercato breve e intenso.

CALHANOGLU VIA DAL MILAN? "FAKE NEWS". Nell'edizione odierna della Gazzetta dello Sport, si parla del caso Calhanoglu: il trequartista del Milan infatti non vuole rinnovare il contratto con i rossoneri, in scadenza tra un anno, perché intenzionato a tornare in Germania. Lo stesso giocatore ha commentato la notizia sui social, bollandola come una "fake news". Qual è stata la fonte dalla giornalista Alessandra Bocci? Unica spiegazione plausibile: é semplicemente una tattica per spingere il Milan a sedersi presto al tavolo della trattativa e magari ottenere, con il rinnovo, un aumento dell'ingaggio. Nulla di più. Ma lo "sfondone" più clamoroso, sull'ex glorioso giornale "rosa", lo prende Carlo Laudisa, che a proposito della situazione degli attaccanti André Silva- Rebic (il primo in prestito dal Milan all'Eintracht Francoforte, il secondo in prestito dai rossoneri di Germania a quelli di Milano), scrive: "Il Milan per il portoghese (Silva, n.d.r.) ha in carico un ammortamento di 40 milioni", fatto che in pratica impedisce uno scambio di cartellini a 25 milioni. Scrivere così significa che il Milan ogni anno spende per l'ammortamento del cartellino di André Silva 40 milioni, quindi, secondo Laudisa, Silva sarebbe costato al Milan la cifra di 200 milioni di euro! La verità è che per André Silva, al termine di questa stagione, il Milan ha un residuo a bilancio di 13,867 milioni (avendo due anni di contratto, costa ogni anno 6,933 milioni come ammortamento), quindi se fosse venduto a 25 milioni, genererebbe una plusvalenza di 11,133 milioni di euro. Il problema dello scambio Rebic-André Silva sta nella presenza del terzo incomodo, la Fiorentina: che per una clausola contrattuale, incasserà il 50% del ricavato della vendita di Rebic. Quindi la plusvalenza del Francoforte verrebbe dimezzata. Per questo lo scambio a titolo definitivo tra i due cartellini non è stato ancora concretizzato.

Commenti

  1. Ora mi è tutto più chiaro :D Messi all'Inter (e in Italia in generale) la vedo dura, prende troppi soldi di stipendio...potrebbe farlo solo la Juve qual'ora andasse via CR7

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi Laudisa si è risuperato, un altro articolo super su Messi, ahhaahahahahha

      Elimina
  2. Ma non ci credo manco per un secondo...fake news e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' improbabilissima. Mah. E la Gazzetta ci ha fatto una prima pagina ieri e un articolo gigante anche oggi.

      Elimina
  3. Mio dio quanto odio il periodo delle notizie di mercato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo adoro :D mi piace anche filtrarle, le notizie

      Elimina
  4. Messi in Italia... prrvpensare soltanto di pubblicare una roba del genere ci vuole molto coraggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah oggi la Gazzetta insiste...con la pubblicità di Suning!

      Elimina

Posta un commento