#Film: Il maledetto United, il mito Brian Clough e una grande amicizia

Quando il cinefilo pensa ad un film sul calcio, immediatamente focalizza la sua attenzione su "Fuga per la vittoria": la celebre rovesciata di Pelé, Stallone versione portiere. Al massimo, ricorda il mito dell'Arsenal in "Febbre a 90". Io invece, quando penso a un film sul calcio, penso a "Il Maledetto United".

Il film celebra Brian Clough, il più grande allenatore inglese della storia, tra fine anni '60 e inizio anni '80, parlando del suo unico vero insuccesso: i 44 giorni sulla panchina del Leeds, prima dell'esonero. Clough ha portato due club, Derby County e Nottingham Forest, dai bassifondi della Serie B alla vittoria del massimo campionato inglese. Con il Nottingham ha conquistato due coppe dei campioni consecutive. In mezzo, la parentesi di Leeds, all'epoca la più forte squadra di calcio inglese, il cui allenatore era stato infatti promosso alla guida della nazionale.

Clough è considerato un Mourinho anti-litteram: un uomo brillante, carismatico e sicuro di sè, talvolta permaloso e forse arrogante, ottimo oratore. Nel film viene rimarcato il suo vizietto per fumo e alcool, proprio per evitare che lo spettatore trovi Clough antipatico: in questo modo capiamo invece che la sua grande sicurezza, spesso nasconde una grande fragilità.

Clough è un innovatore: il suo modello di calcio si distingue dal modello di calcio inglese, fatto di lanci lunghi, colpi di testa e colpi proibiti. E' un personaggio controcorrente e noi ne rimaniamo affascinanti, grazie alla splendida interpretazione dell'attore gallese Michael Sheen.

E' un film sul calcio, ma lo consiglio a tutti. Perché il calcio è raccontato in modo interessante, con brevi filmati d'epoca, ricostruzioni a bordo campo (ed è molto interessante la struttura stessa del film, con numerosi flashback), ma il cuore del film è il rapporto tra Brian Clough e il suo vice Pete Taylor. Taylor è il braccio destro di Clough, è uomo modesto, buono e con i piedi per terra, pur essendo fondamentale per Clough, grazie alla sua grande capacità di visionare giocatori e di trovare quelli utili per il gioco di Clough. Taylor non c'è a Leeds, perché ha litigato con Brian: infatti il film non si conclude con l'esonero di Clough, ma prosegue nella narrazione incentrando il suo finale proprio sul rapporto tra l'allenatore e il suo vice.

Clough e Taylor (e rispettive famiglie) sono una famiglia unica. Ed è questo il bellissimo messaggio del film: puoi essere un uomo di successo, puoi vincere, ma arriverà il momento in cui perderai. E' allora in quel momento saranno gli affetti personali a darti la forza per rialzarti e ripartire.

Commenti

  1. Questo film non l'ho mai visto. Sicuramente lo vedrò appena ne avrò l'occasione. Hai ragione sul messaggio che poi è qualcosa che non dovremmo dimenticare mai: la famiglia è il nostro cuore, la nostra partenza e il nostro arrivo. Un bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film consigliatissimo (lo sconsiglio solo a chi ha moti di intolleranza verso il pallone). Grande attenzione sulle vicende umane dei personaggi, il tutto ben miscelato con il calcio che è ovviamente il cuore della storia. Sheen sontuoso. Guardalo, ti piacerà :)
      Ciao Mari grazie e buona giornate a te!

      Elimina
    2. Lo guardo sicuro, poi ti dico :)

      Elimina
    3. Ci conto :). Ah, poi le atmosfere retrò sono rese molto bene secondo me!

      Elimina
  2. Sono attratto dal cast e dall’ambientazione britannica, ma non ho mai visto il film, devo proprio rimediare perché so che mi potrebbe piacere, seguirò il tuo consiglio ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cinefilo come te deve guardarlo assolutamente. Sheen è meraviglioso nei panni di questo mitico allenatore!

      Elimina
  3. Sai che non ho visto nessuno dei film che hai citato?
    L'unico film sul calcio che ho mai guardato, riguardava una ragazza col sogno di diventare calciatrice.
    Ma figurati se ne ricordo il titolo..
    Ti dice qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sognando Beckham, immagino. Caspita, potresti recensirmelo :D. Io non l'ho mai visto..e non mi ispira :D

      Elimina
    2. Siiiiii.
      Era lui. Ma figurati se me lo ricordo.. 🤣🤣🤣

      Elimina
    3. ahahah, poi non mi sembra uno di quei film che rimangono impressi...

      Elimina
  4. Risposte
    1. Sì, secondo me è tra i cinque film di calcio più belli.
      Buona giornata Cav!

      Elimina
  5. Non ho visto il film, e non sarebbe grave, ma il fatto è che ne sento parlare per la prima volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il film non ha avuto la visibilità che meritava. Ma dovrebbe essere stato trasmesso da Sky, se la memoria non inganna. Se puoi, recuperalo. Ti piacerà :)

      Elimina
  6. Adoro l'arroganza ma non sopporto i permalosi (Merdinho è anche saccente e nega l'evidenza quando gliela si sbatte in faccia, infatti è strano che non abbia ancora allenato la Giuve, in quei casi diventa anche rosicone).
    Il film non lo conosco, manco per sentito dire.
    Di calcio io adoro Mean Machine e voglio una tua recensione per la prossima volta che tratterai un film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah bellissimo Mean Machine con l'ex calciatore (assassino) Vinnie Jones e Jason Statham, anche più del remake sul Football Americano con Adam Sandler XD

      Elimina
    2. Clough era arrogante ma non permaloso (credo :D). E' un personaggio che ti piacerebbe. Mean Machine lo metto in scaletta allora, anche perché i film sul calcio non sono tanti!

      Elimina
    3. Muzunna Tancre', se ci sono Vienne Jones e Statham LO DEVO vedere

      Elimina
    4. Oh, tu lo hai scritto, "talvolta permaloso", figurati che io non l'ho mai sentito nominare 'sto tizio 😆
      Ah ma non l'hai visto Mean Machine? Lì Staham, che interpreta il portiere "il Monaco", supera se stesso, da sbellicarsi! 😁

      Elimina
    5. Talvolta eh, ma non significa esserlo sempre :D. Anche io sono permaloso, a volte. Ma non mi sento un tipo permaloso. Lo guarderò sicuramente mean machine ^ _ ^

      Elimina
  7. Nessuno vince sempre, ma talvolta le sconfitte insegnano più delle vittorie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, c'è da dire poi che dopo la sconfitta (Leeds) costruì l'incredibile ciclo del fortissimo Nottingham Forest.

      Elimina
  8. Che film!!!
    Dei tre citati questo è quello che più di tutti mostra l'evoluzione del calcio.
    Lo sai quale altro mi viene in mente, Jimmy Grimble, con il grande Robert Carlyle :D forse perchè l'ho visto quando ero solo un ragazzino.

    Fuga per la vittoria ce l'ho come bozza per il prossimo post dei film ;)
    La rovesciata di Pelè...quanta bellezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me in fuga per la vittoria esaltava il personaggio di Stallone! Poi va beh, era pieno di calciatori famosi. Jimmy Grimble non l'ho mica visto :D.

      Ricordo invece Goal!, ricordo soprattutto quella gnocca di Anna Friel che faceva la dottoressa...

      Elimina
    2. Sì lei bella, ma il Film non si può vedere.
      Il protagonista neanche sa calciare il pallone!
      Carino il secondo ma solo perchè sta al Real ai tempi dei Galacticos con Zidane, Raul, Figo, Beckham, R.Carlos, Guti, Casilias ecc..le scene sono state girate dopo la fine di una partita vera, hanno comunicato ai tifosi di rimanere allo stadio :D

      Elimina
    3. ahahah, nel primo però giocava nel mitico NEWCASTLE (io ovviamente della suddetta squadra ho 4 maglie, tanto per cambiare...). Invece il terzo capitolo quello l'ho saltato a piedi pari :D.

      Elimina
    4. Jimmy Grimble l'ho visto una volta già cominciato e mi pare avesse a che fare con un ragazzino tifoso del Man City... Non ho avuto più occasione di rivederlo questo film!

      Elimina
  9. L'ho visto questo film e mi è molto piaciuto. A parte la "fascinazione" proprio del mondo inglese, e del calcio giocato lì, "magico" tanto oggi quanto all'epoca dei fatti raccontati, è una pellicola davvero ben fatta, per un periodo mi ero appassionato al Nottingham Forest, quindi già avevo letto di lui prima ancora di vedere il film.
    Che poi, appunto come hai scritto tu, tratta anche, forse di più se possibile, il lato umano, e questa è una carta vincente per non "appiattire" un tema come il calcio che, giustamente, può non interessare a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, allora anche tu come Tancredi\Enigmi hai visto questo film..mi fa molto piacere..io ce l'ho in versione dvd di lusso :D, con sovraccopertina. Io conoscevo bene il mito di Clough, questo film mi ha davvero incantato..mi dispiace per il Forest che è una nobile decaduta...

      Elimina
  10. Che bel film, Riccardo!! L'ho rivisto un sacco di volte e mi piace sempre....Spall e Sheen poi sono degli ottimi interpreti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Quanto vorrei una maglia originale del Forest di fine 70...per ora ho trovato solo una ottima replica fatta da COPA, davvero molto bella in quanto a tessuti e vestibilità!

      Elimina
    2. Grande! Io del Nottingham vorrei solamente (guarda un po'...)la maglia del 1997-98! Rossa con le strisce sfumate nere sulle maniche (il template modificato di quella mitica del Chelsea Coors gialla).

      Elimina
    3. Questa??😍 https://www.telegraph.co.uk/content/dam/football/2017/08/09/3900374_PA_Football-FA-Cup-Nottingham-Forest-v-Newcastle_trans_NvBQzQNjv4Bqm7SKkhP4Y5sMiTYgXnn_Q5pDuDPtnSR54c3W6WeJal4.jpg?imwidth=450

      Elimina
    4. Eh sì, proprio lei! Meravigliosa!

      Elimina
    5. Decisamente!!! A me piace molto anche la giallo ocra del 95...scritta Labatt's rossa, colletto a righine e motivo preso dal logo della squadra messo a fantasia digradante sulla spalla dx (per chi la indossa) 😃

      Elimina
    6. ecco, quella non mi entusiasma (anche se il giallo-rosso-nero ha sempre il suo fascino). Però è una maglia decisamente fantasiosa!

      Elimina
  11. Siccome non lo vedo recensito volevo chiederti se avevi mai visto il film "A shot at glory" ...incredibilmente bello, sul calcio scozzese...con Robert Duvall nel ruolo dell'allenatore burbero e incazzoso ma dal cuore d'oro e Ally McCoist nel ruolo del campione scozzese decaduto e dal fegato ingrossato che torna a giocare in provincia! La curiosità simpatica è che qui il personaggio interpretato da McCoist lo indicano come ex leggenda del CELTIC ahahah volutamente e c'è pure un suo fotomontaggio con appunto la maglia del Celtic....ironico che in realtà lui sia una leggenda dei RANGERS!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di questo film avevo sentito parlare: devo dire che me lo segno! Grande McCoist, tra gli idoli della mia giovinezza calcistica :D

      Elimina
    2. Guarda, io feci in tempo a tirarlo giù da un dvd a noleggio e poi non l'ho più trovato "in giro per la rete" 😉 in italiano... Se ti interessa te lo posso passare con wetransfer! Mitico McCoist...mi piaceva molto quella Scozia con McAllister, Durie, Hendry, Leighton...bella rocciosa!!

      Elimina
    3. Ah caspita...faccio una ricerca e poi ti dico.
      Sai che ho scritto un pezzo su Leighton? Uscirà a metà luglio :D
      Io della Scozia ho una maglia da portiere del 1997! Stupenda, gialla-rosso-blu scuro.

      Elimina
    4. Mitico anche Leighton! Bella maglia, immagino! Io vorrei la prima divisa della nazionale Umbro, quella col motivo Tartan e nome più numeri giallo ocra, font "college" !

      Elimina
    5. Quella del 1996, se ho ben capito, giusto?

      Elimina
  12. P.S. Bello anche il classico "Febbre a 90°" tratto dal libro altrettanto bello di Hornby...con un giovanissimo Colin Firth (forse alla sua prima interpretazione di un certo livello)

    RispondiElimina
  13. Ti consiglio anche "Hooligans" ma non quello con Frodo, quello inglese del 95 con un grandissimo Reece Dinsdale: bello e crudo, di denuncia! "The firm": in pratica il primo film di Gary Oldman (film tv trasmesso una volta dalle reti fininvest: un ragazzetto a modo che nel fine settimana si "diverte" ad Upton Park...non l'ho trovato in dvd in italiano però ce l'ho preso dalla vhs registrata)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tema tifoserie violente, il mio voto va ad ultras di Tognazzi, altro film che devo recuperare :D

      Elimina
    2. Ultrà si va visto, solo che boh a me sembrano sempre molto, come dire, "caricaturali" sti film italiani...🤔🤔🤔 Non che mi sia dispiaciuto intendi bene, però forse sono condizionato dall'aver visto prima Amendola e Memphis in chiave comica (che a me manco fanno ridere devo dire la verità) da cinepanettone...

      Elimina
    3. Memphis è andato alla deriva XD con gli ultimi film.
      Moz non avrà gradito :D

      Elimina

Posta un commento