Lazio Inter 2-1, quando Pin frenò la rincorsa nerazzurra


Lazio Inter 2-1, del 4 marzo 1990, è stata per me una delle partite fantasma.

Quel giorno infatti ci fu uno sciopero dei giornalisti e "90esimo Minuto" non andò in onda, per mia grande delusione.

A rincuorarmi fu il Guerin Sportivo, con un ricco inserto del "Film del Campionato", quella settimana particolarmente ricco di foto e disegni.


La Lazio vinse appunto 2-1, bloccando l'inseguimento dell'Inter al Milan capolista in classifica. Ad aprire le marcature all'11' fu un rigore di Ruben Sosa, il celebre attaccante dell'Uruguay che in seguito avrebbe vestito la maglia dell'Inter. Quella domenica Ruben Sosa fece impazzire il suo marcatore, lo "zio" Beppe Bergomi.



Al 43' il libero con il vizietto del gol, Mandorlini, trovò in mischia il pari. A inizio ripresa, al 50', fu però il centrocampista Pin a riportare in vantaggio la Lazio: l'attaccante brasiliano Amarildo, al limite dell'area, fu bravo ad allargare in area per l'inserimento di Pin, che di destro infilò l'incolpevole portiere dell'Inter.

La moviola di Sabellucci con il gol di Pin (2-1)

Quel giorno tra i pali non giocava il titolare Zenga, squalificato, ma la sua riserva, "Tito" Malgioglio. Uno dei tanti celebri numeri 12 del calcio italiano di quegli anni. Malgioglio aveva giocato nella Lazio e il destino lo volle titolare. Si presentò con un mazzo di fiori per chiedere pace, fu invece insultato, sbeffeggiato, preso di mira da tifosi che gli lanciarono contro ortaggi, bottiglie, addirittura radioline e pile.

Malgioglio non era un portiere fenomenale. Ma è un grande uomo. E ancora una volta il tifo mise in luce il suo lato più becero.

Commenti

  1. ma poi chi vinse il campionato quell'anno?inter o milan?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo dico io: il Napoli😆😆😆😆

      Elimina
    2. Te lo dico io: il Napoli😆😆😆😆

      Elimina
    3. Esattamente, il Napoli. Sul Milan che perse la vetta della classifica alla penultima giornata :D

      Elimina
    4. Che sfide col Milan ero al S.Paolo ad applaudire a quel famoso 2 - 3 :(

      Elimina
    5. Ciao Sotuknang, mi fa piacere averti qui.
      Io per il Napoli ho sempre avuto grandissimo rispetto anche se lo scudetto del 1990 brucia nella mia pelle di tifoso.
      Maradona non si può odiare, ha regalato tantissimi capolavori al mondo del calcio.
      Quello scudetto, incastonato sul famoso 2-3, è però anche dovuto a qualche giocatore azzurro che, sembra, tirò indietro la gamba in quel finale di stagione (in particolar modo in una partita a Firenze).

      Elimina
  2. Parlare dell'Inter cominciando con una debacle, dice tutto di quanto ancora il risultato del derby ti stia avvelenando le giornate😆😆😆Ma con la Lazio sia noi che loro siamo abituati a questi momenti di follia. I nostri "gemellati" ci hanno fatto perdere o vincere scudetti e ci hanno regalato una delle più belle coppe Uefa che la storia ricordi con un Zanetti (c'è solo un Capitano) giovane e fantastico che segnò un goal memorabile a Parigi, durante la finale giocata appunto con la Lazio, facendosi tutto il campo con la palla "legata" ai suoi piedi. Ecchequa😁😁😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il post era programmato da tempo :P, poi se avessi voluto infierire avrei appunto messo la gara del 5 maggio. Ma io non ce l'ho con l'Inter.
      Solo con Spalletti, mai digerito come persona neppure quando era alla Roma :D

      Elimina
    2. Che poi Mari, a pensarci bene, nella mia fetta preferita (1986-1999) di vittorie interiste ci sono poche tracce, ahinoi :D

      Elimina
    3. Prima o poi il cinque maggio 2002 lo dimenticherò. Forse prima di morire😂😂😂da qui a cent'anni

      Elimina
    4. Ma va, son già passati 16 anni. Dimenticare, dimenticare :D

      Elimina
    5. Effettivamente, quando ho iniziato a leggere questo post, mi son detta "ecco il post per Mariella, pro inter".....
      E invece scopro tutt'altro.
      Riccardino, vuoi proprio farla arrabbiare? :P

      Elimina
    6. mi rifarò quando parleremo di partite della mitica annata 88-89 . Dimenticavo che in quel periodo da me citato c'è stato questo scudetto neroazzurro!

      Elimina
    7. Ma no che invece mi diverto Claudia, se penso a Donnarumma continuo a ridere :-)

      Elimina
    8. Un po' come la già citata uscita a vuoto di Pazzagli XD

      Elimina
  3. Ruben Sosa non era male come attaccante.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da milanista era un giocatore che apprezzavo tantissimo. Adoravo i suoi calci di punizione. E aveva un'ottima coordinazione nelle conclusioni in acrobazia.
      Ciao grande, buon weekend!

      Elimina
    2. Bullit veniva citato su Topolino, in una divertentissima storia in cui Paperino cantava: "c'è solo un Walter Tenga, c'è solo un Walter Tenga".

      Elimina
  4. Lo scudetto del Napoli è quello della monetina di Alemao e di Maradona che al controllo per il doping usava un pene di plastica con l'urina di Ferrara.
    Altro che Agricola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tifoso milanista posso anche aggiungere l'arbitraggio "scientifico" di Lo Bello a Verona (benché il Milan fosse stato beneficiato da Lanese con il Bologna per il gol non visto), ma anche altri episodi molto favorevoli al Napoli (una vittoria 2-1 sul Genoa con gol di mano di Careca).
      Da opinionista devo però riconoscere il grande valore di quella squadra, non solo Maradona, ma anche altri ottimi giocatori (Alemao, Careca) e tanti italiani di valore.

      Elimina
    2. Facci caso si sottolineano sempre episodi a favore di chi vince lo scudetto. Perché gli altri stanno a rosicare come si fa da sette anni con la Juve. Tutti ad elencare gli aiuti o pseudo tali. Certo l'elenco è più lungo...

      Elimina
    3. Infatti ho scisso appositamente il discorso. Da tifoso ho le mie recriminazioni (ma ho citato il famoso gol di Waas o Marronaro non visto, a favore del Milan), da opinionista riconosco che il Napoli era un'ottima squadra e che il duello con il Milan è stato emozionante e ricco di contenuti.
      Il Milan perse 3-0 a Napoli, ma con una squadra rimaneggiata (però aveva una rosa molto più lunga delle altre squadre). Al ritorno vinse con lo stesso punteggio con una delle migliori partite della storia del Milan di Sacchi.
      Il Milan però nel girone di ritorno fu asfaltato dalla Juventus (3-0) e perdette un derby (1-3).
      In questa partita i rossoneri presero un palo al 1' dopo una palla non trattenuta da Zenga, al 3' un lancio lungo vide Pazzagli, portiere rossonero, uscire a farfalle e Serena segnare. Lo stesso portiere regalò il rigore del 2-0 agli avversari.

      Più in generale, ogni scudetto ha le sue "ombre"; c'è un libro della Kaos Edizioni che parla anche dei famosi scudetti di Verona e Sampdoria, sottolineando alcuni "fatti oscuri"; non l'ho letto e non so, ma le polemiche arbitrali non mancano mai. (Non l'ho letto, ma vorrei leggerlo).

      Elimina
  5. Certo dev'esser strana una partita senza commenti tecnici :D
    Io comunque rimpiango la voce fantastica di Bruno Pizzul.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che a volte mi è capitato di vedere partite di 90 minuti senza commento.
      Una goduria.
      Pizzul? Ha decantato le vittorie del Milan all'estero quando ero bambino. Non posso che amarlo :D

      Elimina
  6. Ma com'è che i milanisti non hanno invece preso a pomodori Donnarumma, un anno fa?
    Non si usa più?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà in una partita giocata in Polonia, della Nazionale Under 21, Donnarumma è stato bersagliato di soldi falsi. Fu una terribile mazzata per il suo orgoglio :D. Da quell'episodio poi ha iniziato l'attuale parabola discendente..

      Elimina
  7. Tutti giocatori che ricordo ancora: Ruben Sosa, Malgioglio, Pin, Mandorlini che ora allena.. ricordo l'appassionante testa a testa Milan-Napoli, noi della Juve eravamo in un periodo mediocre con un quarto posto finale, ma comunque conquistammo il "double" Coppa Italia-Coppa Uefa che non risparmiò però l'esonero di Zoff a fine stagione (per chiamare Maifredi poi!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Juventus in fondo non aveva fatto un mercato scoppiettante, aveva puntato sul misterioso Alenikov affiancandolo a Rui Barros e Zavarov, quest'ultimo talento che ha brillato di intermittenza. Poi Schillaci e Casiraghi erano giovani, Totò nazionale veniva dalla serie B. Quindi alla fine ci poteva stare benissimo un quarto posto in un campionato con il Milan degli olandesi, il Napoli di Maradona e l'Inter dei tedeschi.

      Elimina
  8. Riecco i palloncini! 😅
    Concordo, grande gesto di Malgioglio, peccato la risposta ricevuta. Non sapevo avesse fatto anche il portiere, credevo scrivesse solo canzoni. Parava col ciuffo bianco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh i palloncini ci saranno in tantissimi post :D
      Di Malgioglio ne parleremo ancora.
      Del Malgioglio portiere con i baffi, non nel prezzemolino tv con il ciuffo bianco!

      Elimina
  9. I grandi portieri coibbaffi!! Astutillo Malgioglio, Giulio Nuciari, David Seaman, Bruce Grobbelaar, René Higuita, Stefano Tacconi (mio compaesano 😊)...ma tanti tanti proprio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai citato personaggi molto interessanti..Nuciari il meno importante, ma idolo non solo per la militanza rossonera...Oggi grande preparatore dei portieri.

      Elimina
  10. Potrebbe essere interessante un post su Grobbelaar, ha una storia interessante ed atipica! 😉😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa ripeschero' dai vecchi Guerin :D.
      Ma sulle "monografie" punterò più su portieri successivi :D

      Elimina
    2. Aspetto bei reportage!! 😃😃👏👏👏

      Elimina
    3. In questi giorni a tempo perso ho scritto di diversi portieri :D

      Elimina

Posta un commento