Le divise di Genzo Wakabayashi (Benji Price) in Capitan Tsubasa

Genzo Wakabayashi, alias Benji Price, non è il protagonista della serie Capitan Tsubasa come il titolo italiano ha erroneamente fatto pensare, ma è indubbiamente uno dei personaggi principali e il miglior portiere di tutta la saga.

Nel mio vecchio blog, il Bazar di Riky, avevo pubblicato un post sulle curiosità legate al mitico personaggio della saga giapponese: leggete qui.

Premessa: si prendono in esame le divise indossata da Genzo Wakabayashi (Benji Price) nel manga Capitan Tsubasa e nel seguito World Youth (gli unici pubblicati in Italia) e della serie "storica" a cartoni animati, compreso "Capitan Tsubasa Shin" e "Capitan Tsubasa J" (proprio per mantenere il parallelismo tra manga-cartone animato). 


Shutetsu-Nankatsu (San Francis-New Team): nel manga, durante i campionati scolastici, Genzo indossa pantaloni della tuta neri e maglia rossa con colletto bianco, colorazione mantenuta correttamente in Capitan Tsubasa "J" (che nella prima parte appunto ripropone la storia di Holly, fino alla prima finale tra Nankatsu-New Team e Meiwa-Muppet). Nello storico cartone animato, come sarà noto a tutti voi, la maglia da rossa diventa arancione e i pantaloni della tuta rossi. Il cappellino che indossa Benji è dell'Adidas, con il logo a trifoglio. Nel cartone il trifoglio si trasforma prima nella W di Wakabayashi, poi nella "N" di Nankatsu.



Giappone (Torneo di Parigi): questa parte è presente solo nel cartone animato ed è un torneo che i ragazzi giapponesi hanno giocato dopo il primo campionato scolastico, quello delle elementari. Il Giappone affronta Francia, Inghilterra e Germania. Genzo veste una maglia azzurra con colletto e banda orizzontale bianca, pantaloni della tuta rossi.



Amburgo: dopo la vittoria del campionato scolastico (elementari), il portiere si trasferisce in Germania. Nell'Amburgo, squadra nella quale fa la trafila dal settore giovanile alla prima squadra, indossa una storica divisa Adidas di metà anni '80, azzurra con le maniche blu e le tre strisce dell'Adidas. In "Capitan Tsubasa Shin" la divisa subisce delle modifiche cromatiche. Genzo porta ancora i pantaloni della tuta lunghi. Anche quando esordisce in prima squadra, Wakabayashi indossa la stessa divisa (qui sotto con il n.22). Il cappellino è bianco con il logo della Admiral (altro noto produttore di abbigliamento sportivo). Nota: il disegno della maglia Adidas è tratto da Museum of Jersey.






Nazionale giapponese U-16: Genzo inizialmente nel manga indossa la casacca verde con inserto nero dei portieri giapponesi (gli altri sono Ken Wakashimazu-Ed Warner e Alan Crocker-Yuzo Morisaki). Nella finale con la Germania, che indossa a sua volta una maglia verde, sfoggia una divisa blu con inserti neri (i portieri in panchina invece indossano quella verde). Immancabile il pantalone della tuta nero, con le tre strisce Adidas. In "Capitan Tsubasa Shin" (controparte cartoon del finale del manga "Capitan Tsubasa"), Genzo indossa sempre una divisa di due tonalità di verde, con il colletto bianco.




Nazionale Giapponese U-19 (Coppa d'Asia): Genzo Wakabayashi, diventato dall'età di 15 anni un portiere professionista, indossa finalmente il pantalone da portiere (non tuta) e tra i pali della nazionale giapponese indossa una maglia di colorazione viola e nero dell'Adidas, che nelle realtà era vestita dal portiere della Nigeria Rufai (proprio anche in occasione della storica partita con l'Italia degli ottavi di finale della World Cup '94). In "Capitan Tsubasa J" la casacca è invece colorata in verde con bande blu.




Nazionale giapponese U-19 (World Youth): 
durante il mondiale giovanile, Genzo Wakabayashi non indossa le divise degli altri portieri della nazionale giapponese (sponsor tecnico Asics: sono le divise del Giappone ai mondiali del 1998), ma una divisa Uhlsport (notissimo brand specializzato in materiale da portiere di calcio) grigia con bande nere, la stessa indossata anche da diversi portieri "reali" in quel biennio (97-98).





Film di Holly&Benji: nei quattro film, che non fanno parte della trama canonica, Genzo indossa quattro divise diverse. Ne "La grande sfida europea", che è il remake del torneo di Parigi, il portierone indossa la stessa divisa, ma con colori diversi (verde-gialla) che poi è la stessa della sigla giapponese della seconda serie. 


In "Attenzione! I giovani giapponesi" Genzo sfoggia una divisa che mi piace molto, di due tonalità di verde, con la striscia sulle spalle che immagino "simuli" le tre strisce dell'Adidas.


Nel terzo film "Correndo in direzione del domani", torna la maglia con la banda centrale, questa volta con i colori rosso e giallo.


Infine, in "Junior World Cup", Genzo indossa una maglia che ispirata a quella dell'Adidas vestita all'Amburgo. 



Commenti

  1. Questo cartone è stato l'unico mio approccio spontaneo al calcio.
    Lo guardavo tutti i pomeriggi, e anche se mi lamentavo perché occorrevano tre puntate per veder finire un'azione, non ho mai smesso.
    Le maglie, però, ovviamente, non le ho mai considerate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, Holly e Benji lo conoscono tutti, è nell'immaginario collettivo :D.
      Scommetto che il tuo idolo fosse Mark Lenders (Kojiro Hyuga)

      Elimina
  2. Risposte
    1. E' un cartone culto ormai per generazioni, nonché per diversi calciatori oggi anche famosi :)

      Elimina
  3. Lo guardavo sempre, ma penso molti di noi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, un cartone che ha appassionato più generazioni! Ciao Cav

      Elimina
    2. Devo commentare sotto questo commento, sebbene il mio non c'entri nulla, perché non riesco a farlo nel form solito. Lo vedo "oscurato". Probabilmente è un problema passeggero.

      Comunque volevo dire che non sapevo avessero fatto dei film su Holli e Benji. Io però ho odiato quel cartone come poco altro nel mondo.

      Elimina
    3. A me, sui due miei blog, ho avuto ogni tanto il problema di non riuscire a rispondere dietro a un commento.
      Davvero? Eri patita di Mila e shiro? :D Cosa odiavi in particolare di Holly&Benji?

      Elimina
  4. Alcune sembrano dei pigiami, altre invece sono bellissime! Non sapevo che alcune divise fossero ispirate alla realtà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La piu' pigiamosa è l'ultima, senza dubbio :D. Infatti anche io sono rimasto sorpreso quando ho visto le vere divise nel fumetto!

      Elimina
  5. Ma sai che alcune proprio non le ricordavo?
    Le più impresse sono ovviamente quelle che si vedono anche nelle sigle.
    La migliore? Azzurra con banda e colletto bianchi^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima scelta! La mia preferita è invece quella del mondiale U-16, sia nella versione cartoon sia nella versione manga.

      Elimina
  6. Il "costumista" insomma aveva parecchia fantasia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Poi il disegnatore del manga è stato molto bravo secondo me a riprodurre le vere divise

      Elimina
  7. Quanto adoravo questo cartone da piccola!!
    insieme ai cavalieri dello zodiaco..
    mi piace questo post "griffato"!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Juliette ^_^, io di Holly e Benji ho tutto il manga (quello che è uscito in Italia, tradotto) e devo dire che c'è molto materiale, per altri post :D

      Elimina
  8. Certo che Genzo è un nome da samurai/guerriero, non lo vedo adatto ad un portiere 😆
    Per un motivo d'affetto, sono legato ai colori del primo anime.
    Minchia quante divise ha usato... io ricordavo solo la classica anche se dalle tue immagini ho ricordato anche qualcun'altra, quelle dei primi due film, anche se non credo di averli mai visti. Solitamente ascoltavo la sigla, guardavo qualche minuto e poi cambiavo canale. Quindi mai seguito il periodo da adulti anche se ne so qualcosa grazie alla riviste specializzate degli anni 90.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho sempre odiato l'accostamento arancione-rosso :D che vestiva anche un calciatore disegnato in un mitico oggetto del quale vi parlerò il 14 novembre.
      Comunque nelle varie serie successive al World Youth, Genzo ha indossato molte altre divise, sostanzialmente tutte quelle del (vero) Giappone!

      Elimina
  9. Sarà ma sono affezionato alla prima maglia del cartone, quella arancione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo! Io l'arancione l'ho amato solo nella maglia dell'Olanda

      Elimina
  10. Sto curiosando nel tuo blog e non posso non commentare questo. Penso sia uno dei miei primi cartoni preferiti e lui è stato probabilmente il mio primo amore :) Se la giocava con Mark, ma vabbè.
    Eppure non ho mai fatto caso alle divise, come sono superficiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Genzo è stato nettamente il miglior personaggio della saga! Troppo forte. Grazie per essere passata e per il commento :)

      Elimina
  11. Ciao! Inanzi tutto mi complimento per come scrivi, ho letto l'articolo con molto interesse e mi ha messo una nostalgia pazzesca verso questo anime che ha segnato una generazione.
    Accidenti potrei stare a parlare di Holly e Benji per ore :D
    Genzo è effettivamente il personaggio più carismatico, e mi piace il fatto che ha sempre una parola di incoraggiamento verso i compagni, che essi siano bravi(Warner) o meno bravi (Bruce). Ed Warner effettivamente tiene il suo passo solo nel torneo delle elementari, ma già nella finale si iniziano marcare le distanze, Benji prende solo 2 goal da infortunato mentre lui da sano 4. Riguardo il capitolo World Youth avevo notato anche io che questa serie si è un po' "dragonballizzata", e mi è spiaciuto che molti personaggi (ad esclusione di Benji e Tom Becker) siano diventati delle macchiette. Chiudo con i miei completi preferiti: io voto senza dubbio il primo (arancione e rosso) per un valore effettivo anche se oggettivamente il più bello è il verde del torneo under 16 e il celeste con riga bianca del torneo sognato da Holly quando aveva la febbre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per i complimenti, per essere passato di qua e per il commento :).
      Genzo è il mio personaggio preferito e fa un solco con il buon WakashimazuWarner...d'altro canto un conto è giocare in Germania ad alti livelli e un conto giocare in Giappone. Nell'amichevole Amburgo - Giappone, Genzo para tutti i tiri speciali compreso il tiro della tigre, senza averli mai visti prima..Wakashimazu para un solo "fire shot" di Schneider ma che arriva dall'area dell'Amburgo...Per non parlare delle mostruose prestazioni nel world youth quando si è ripreso dagli infortuni ai polsi o quando con l'Amburgo gioca contro il super Bayern Monaco. Infine nella serie attuale, Golden 23, è gigantesco contro la Germania di Schneider...Tra i giapponesi è l'unico che brilla di luce propria dopo Tsubasa..Aoi dopo il World Youth sparisce letteralmente.

      Elimina
  12. Ma io mi inchino alla tua sapienza :O... Sinceramente, alle maglie dei cartoni non ho mai fatto caso. Ho in mente Holly che aveva inizialmente una maglia bianca e subito dopo nella mia mente scatta sempre lui con una maglia azzurra (ricorderò poi bene?)... Benji Price non lo rammento molto: forse a pelle mi stava un pò così... Mi sa che era viziatino, o veniva da un mondo fatato. Però le divise raccontate da te in questa maniera mi fanno quasi venire voglia di riguardarmi il cartone solo per farci caso. Quella che mi piace di più? La rosso-giallo... Deformazione di appartenenza :P
    p.s. la Adidas come minimo doveva fare da sponsor ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benji era quello che viveva nella maxi villa :D. Nel cartone i genitori non si vedono, infatti sembra che sia un orfano che vive con l'allenatore, invece ha padre, madre e tre fratelli :D.
      Non te lo ricordi perché si vede sporadicamente :D. E' troppo forte, deve giocare poco, senno' il Giappone vince senza fare fatica :D.

      Elimina
    2. Ma aveva pure qualche malattia? O ricordo male?... mmmhhh... Mi devo riguardare Holly e Benji, meglio di ste cagate di cartoni di oggi :D...

      Elimina
    3. No, il malato di cuore è Julian Ross :D, ma poi crescendo guarisce..e diventa medico :D
      Comunque il manga è pieno di disgrazie e infortuni disgraziati :D

      Elimina
    4. Gesu gesu... che minestrone che ho in testa 🤣🤣🤣🤣🤣come minimo dovrei prendere 6 mesi di ripetizioni da te per rimettermi a paro 😂😂😂

      Elimina
    5. Pensa a quanto casino faccio io..alternando i nomi italiani ai nomi giapponesi...Benji Price è appunto Genzo Wakabayashi, Julian Ross è Jun Misugi...
      Comunque figo, se facessero un cartone su di me nella versione inglese sarei Richard Griffin, francese sarei Richàrd Gianfransuà :D

      Elimina
  13. Benji Price... Benji Price...
    Forse ho ancora in giro un cappellino rosso sulla cui visiera avevo scritto a pennarello indelebile W. Genzo 😃😃

    Vai a comprendere all'epoca che la suddetta scritta voleva dire Wakabayashi Genzo e non, che so, "Viva Genzo" o il migliore di tutti: ma chi sarebbe 'sto "WinGenzo"?? 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da bambino pensavo fosse tipo una marca W Genzo :D

      Elimina
    2. Si, pensavo ad una sorta di sponsor tecnico pure io! Le citazioni che ho fatto prima è di "sentito dire" 😉😁

      Elimina
    3. Comunque troppo bello il cappellino personalizzato :D - G Riky

      Elimina

Posta un commento