Ti ricordi? Schede calcio di Giuliano Giovetti nelle merendine Kinder

Foto: www.guidafumettoitaliano.com

Giuliano Giovetti, ex calciatore, è stato un famosissimo disegnatore. Tra le sue creazioni anche le 'moviole' pubblicate sulla testata 'Il giornalino', ma anche su quotidiani come la Repubblica.

Dal Giornalino, una delle 'disegnate' di Giovetti

Tuttavia il mio primo ricordo di Giuliano Giovetti si lega alle merendine Kinder.

A fine anni '80 infatti i disegni di Giovetti arricchivano la confezione delle merendine. Erano delle schede sul calcio, che insegnavano in particolar modo la tecnica calcistica: come calciare il pallone di collo piede, di piatto; come colpirlo di testa. La tecnica del portiere: come eseguire la parata in presa, in tuffo; le respinte di pugno; come deviare i tiri in calcio d'angolo (con il palmo della mano).

Fu in quell'occasione che con mia grande sorpresa scoprii che il portiere "doveva sempre cercare di bloccare la palla" e che "la deviazione era da effettuare solamente se impossibilitati a bloccare la palla".

Io, per quel poco di esperienza televisiva che avevo, credevo semplicemente che i portieri più bravi fossero quelli che volavano da un palo all'altro producendo spettacolari deviazioni. Per questo forse non ho mai amato troppo Giovanni Galli, portiere del mio Milan, che allo spettacolo concedeva veramente poco, mentre il mio portiere italiano preferito era l'idolo Gianluca Pagliuca.

Ad ogni modo, gli eleganti disegni di Giovetti erano perfetti: ritagliavo le schede e le conservai, incollandole in un quaderno purtroppo perduto.

Due erano le schede che preferivo: quelle che schieravano gli undici giocatori, divisi i ruoli: la squadra rossa, la squadra azzurra. La prima a zona, la prima con lo schieramento a uomo.

Cimeli calcistici purtroppo perduti e dei quali non c'è più traccia sul web.

Commenti

  1. Giovetti, un maestro con le "designate" di calcio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro grande maestro sì. Purtroppo di lui ho pochissimi disegni. Li faceva sempre sulla gazzetta dello sport il martedì, quei tempi a casa si prendeva solo il lunedì.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Col senno di poi, cattivissime, salvo la Fiesta :D

      Elimina
    2. La Fiesta per un astemio????
      Lunga vita alla Kinder Delice!

      Elimina
    3. ah no era la Kinder Delice! :D.
      Ma anche la Fiesta non era male.
      Insomma a quei tempi assumevo alcoool

      Elimina
    4. La Fiesta fa cagare e mi provoca reflusso gastrico.
      Ahahahaha
      Meglio la Delice.
      E se proprio vuoi un'alternativa, vada per la Colazione più.
      Ma basta. Ho rovinato il tuo post.
      Sparisco

      Elimina
    5. nono che rovinato :D, anzi
      Kinder colazione più la odiavo, tanto tanto quella Brioss, se non altro per l'interno "pannoso".

      Elimina
  3. Se non ricordo male già alla metà degli anni '80 circolavano schede calcistiche che spiegavano le tecniche sul retro dei quaderni per la elementari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xander Ares,
      grazie per essere passato, per il commento e..benvenuto.
      Io invece non ricordo: ricordo invece un diario calcistico con alcune foto della Serie A, è stato il mio primo diario (non ricordo se proprio a uso scolastico, in prima elementare).

      Elimina
  4. Forse ho avuto anch'io queste schede..ne ho vaghi ricordi. Comunque Giovetti lo ricordo bene, mitici anche i suoi fumetti a tema calcistico sempre pubblicati dal Giornalino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi mangio le mani, perché le avevo incollate in un quaderno.
      Che fine ha fatto quel quaderno? Sigh.

      Elimina
  5. Me li ricordo, perché li collezionava un mio amico (io mi ero dato ad altro, con altre sorpresine e merendine).
    Vedi? Non tutto esiste sul web... c'è ancora molto da recuperare.
    W Pagliuca, piaceva anche a me :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi mangio le mani..come detto a Fabri.
      Oggi quelle schede sarebbero un super cimelio.
      E' una delle pochissime cose che il web non ha recuperato..

      Elimina
  6. Risposte
    1. Bellissime, caro Cav.
      Ps domani mattina ci sarà un post che ti piacerà molto!

      Elimina
  7. Erano nel cartoncino interno della confezione, giusto?
    Almeno mi sembra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda Lello..sinceramente non ricordo, però ho la sensazione che fosse nell'esterno.

      Elimina
  8. Non me le ricordo queste immagini nelle merendine. Sarà che ne ho mangiate poche ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh quando c'eri eri una bimba piccina piccina :D.
      Mi sa che è stata veramente "Una toccata e fuga", poi alla Ferrero hanno optato probabilmente per le più classiche sorpresine.

      Elimina
  9. Molto bello lo stile, senza palloncini 😝
    Comunque non mi pare di averli mai visti. Possibile qualcosa di simile negli ovetti? Ho un ricordo annebbiato di qualche disegno simile dietro le istruzioni di montaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sentirei di escluderlo, ma non credo. Anche perché sarebbero..troppo piccoli.
      Viva i palloncini :D

      Elimina
  10. Ricordo questi disegni, ma nelle merendine Kinder proprio non ricordo, mah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti anticipo Pietro che grazie a un lettore ho reperito cose interessanti sul tema..ve ne parlero'

      Elimina
  11. Quante te ne ho ritagliate!!! :) Ricordo ancora la tua espressione impaziente quando si scartava la confezione per scoprire quali avresti trovato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, testimoniamo che non me le sono sognate\inventate :D
      Praticamente delle merendine mi fregava poco, mi fregava della confezione :D

      Elimina

Posta un commento