Donne e pallone: passione e...sofferenza



Quando si parla di "Donne e pallone", il pensiero del tifoso da bar sport va immediatamente alle bellissime mogli dei calciatori, oppure alle "starlette" di Instagram che posano con la maglia della squadra di calcio e con le chiappe di fuori. Il binomio "Donne e pallone", in apparenza, riconduce alla parola "insofferenza". La donna spesso si trova a tollerare, sopportare, digerire a fatica lo sport più amato dagli italiani.

In realtà, come già detto anche su questo blog, spesso anche le donne sono appassionate e tifose. Mia sorella ad esempio, partendo dalle infatuazioni giovanili per Cabrini e Maldini, è sempre stata una tifosa accanita del Milan e in certi frangenti sembra davvero lei l'ultras di famiglia.

Più che "insofferenza", è valida piuttosto la parola "sofferenza": quella delle donne fidanzate con chi, il sabato e la domenica, si diletta nelle "famigerate" partite di calcio dilettantistico. Lei lo segue, con grande amore. In tutte le condizioni atmosferiche.

A settembre, in quelle giornate in cui si potrebbe benissimo stare in panciolle in spiaggia. In autunno, in quelle giornate in cui viene giù il diluvio universale e per raggiungere la tribuna coperta (se c'è..altrimenti tocca arrangiarsi con l'ombrello) bisogna guadare fiumi di fango. In inverno, tra erba e cumuli di neve, con temperature glaciali.

Eppure lo fanno, perché i campetti locali sono pieni di fidanzate in tribuna.

L'amore fa veramente miracoli!

ps
Buona festa delle donne a tutte le blogger e in particolare alle mie lettrici :)

Commenti

  1. Tante donne sono tifose, ma purtroppo nel calcio ci sono ancora troppi ignoranti e maschilisti.
    Mi unisco ai tuoi auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti ne parlavamo anche nel post su Collovati.
      Speriamo che la passione per questo sport cresca sempre di più :)

      Elimina
  2. Le donne allo stadio sono importanti per i maschietti in poltrona che si godono la bellezza femminile grazie alle televisioni che scelgono accuratamente le bionde, le brune e le rosse da "sballo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti cercando un'immagine da mettere al post, mi sono imbattuto in un sacco di ragazze "abbastanza" discinte...
      Qui sono pienamente d'accordo, lo zoomare solo sulle belle ragazze non è il massimo...

      Elimina
  3. Sono contenta che tu abbia pubblicato questo post proprio oggi :)
    Io non sono una giocatrice né una spettatrice assidua del calcio, tuttavia mi piace tenermi un minimo informata. Certo se ogni domenica Fred si piazzasse davanti alla tv o andasse allo stadio, non mi farebbe piacere. Più che un accanimento, preferisco una sana passione. Ci sono cose che vengono prima: stare insieme, all'aria aperta, ad esempio. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa se Fred giocasse a calcio :D.
      A parte gli scherzi giusto così: ogni tanto la partita bisogna concederla, ma poi è giusto che una coppia trascorra anche del tempo in modo congeniale a entrambe le parti :)
      Mi fa piacere che tu abbia apprezzato questo post...che in realtà è stato "accorciato" perché lo avevo preparato prima di quello di Collovati...ma poi con questo post ho dovuto anticipare alcune cose che avevo scritto qui e che quindi ho tolto in seconda stesura :)

      Elimina
    2. Quando l'ho conosciuto aveva appena smesso di giocare a pallavolo per una frattura alla spalla :)
      La partitella ogni tanto potrebbe pure farsela, anzi, sarei felice la facesse.
      Anche guardarne una che gli interessa particolarmente. Ma l'appuntamento fisso no, non ci starei.

      Elimina
    3. Ti rassicuro comunque: l'appuntamento fisso non sarebbe fisso, visto che la partita è sempre spalmata su quattro giorni e in quattro orari diversi :D (ven-lun, 12.30, 15, 18, 20.30)

      Elimina
  4. Ciao! Grazie per gli auguri! Io mi considero simpatizzante del Milan perché "facevo il tifo" da bambina e ragazzina, ma ormai sono anni che non seguo il calcio. Ho scelto la danza, che ci vuoi fare :-)
    Comunque rinnovo i miei complimenti per questo tuo blog, che propone tante storie sul "calcio di una volta" che possono interessare anche le inesperte come me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh la danza è una bellissima disciplina, altroché :).
      Grazie per i complimenti, come vedi l'assortimento è molto vario: si parla di calcio presente, passato e ci sono anche tante piccole curiosità di questo micro-maxi mondo :D

      Elimina
  5. Adesso vaglielo a dire a Collovati :D
    A parte gli scherzi viva il pallone, viva le donne ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco anche io al tuo coro: viva il pallone e viva le donne :)

      Elimina
  6. A leccaculo!
    Comunque povero signor Giannini, manco un figlio romanista 😢
    Non so nel resto dell'Italia ma a Roma le donne da stadio non sono proprio il massimo 😅 sia romanista che laziali... rozze, parlano un romanesco marcato (non lo sopporto manco velato), bestemmiano e come ciliegina, MANCO RUTTANO! Una sola cosa da maschiaccio dovete fare e non la fate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, un novafeltriese romanista è una cosa anomala!
      Però primo o poi la maglia della Roma 1995-96 o 1996-97 me la compro.
      Ma i prezzi sono mostruosi.
      Ahaha, dai non credo proprio che tutte le donne tifose siano quelle :D

      Elimina
  7. Tua sorella è una Super Girl. ;)
    Comunque anche mia madre seguiva papà in tutte le sue partite di calcetto, e nelle competizioni agonistiche.
    Quand'ero piccola, lo facevo persino io.
    Ciò non mi ha impedito, però, di odiare il calcio. Ma tanto lo sapevi già, mica mi odierai.
    Ahaha
    Grazie per gli auguri. Bisous

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima! E auguri <3

      Elimina
    2. Ecco vedi Claudia: e' l'essenza del mio post.
      Per seguire il tuo papa', tua mamma si faceva delle belle domeniche allo stadio.
      Ma tu il calcio non lo odi, l'hai solo trascurato :D.
      Per il mondiale 2022 sarai una delle prime tifose :D

      Elimina
    3. Effettivamente i mondiali mi piacciono, ma l'ultimo che ricordo con passione è quello del 2006, e non per la vittoria.
      Ma mi pare di avertene già raccontato.. 😉
      Quanto al calcio, hai ragione.. Non lo odio.
      Semplicemente non tollero tutto l'accanimento che vi gira intorno e le serate a casa per colpa della partita, come tu dici..

      Elimina
    4. Esatto, l'accanimento, le polemiche inutili, il fanatismo...non è il calcio che piace a me.
      Ogni tanto una serata a casa alla partita ci può stare; non deve essere la regola, ovviamente.

      Elimina
  8. A me le donne in tribuna sembrano sempre tremendamente fuori luogo.
    Anche quando sinceramente appassionate, sono eccessivamente esuberanti: tipo le madri dei giocatori (magari ragazzini) che litigano o diventano scurrili...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo che ho avuto testimonianza di quello che dici tu; non solo madri, ma anche fidanzate particolarmente esagitate. Poi sono quelle che i tifosi maschi dell'altra squadra prendono subito di mira.
      Tipo "torna a casa a fare la calza".
      La tribuna di uno stadio non è proprio luogo simbolo di progresso :D

      Elimina
  9. "...in certi frangenti sembra proprio lei l'ultras di famiglia"... no, non sembro, sono!!! :D Nonostante cerchi sempre di mantenere una certa compostezza (non assomiglio per niente al ritrattino dipinto sopra da Emanuele ;) ), tifo e lo faccio col cuore. E non solo amo la mia squadra, ma il gioco del calcio in se stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh diciamo che Emanuele e Moz hanno descritto una tipologia di tifose donna..poi ci sono anche quelle normali come te :D

      Elimina
  10. Che caro che sei ^_^... Grazie.
    Comunque, Maldini piaceva pure a me, più che altro perché lontanamente somigliante ad un ragazzo delle medie per il quale avevo una cotta. Sai che mi ricordo i mondiali del '90? Mi attaccavo le figurine di Maldini ovunque, persino dentro le scarpe.
    E poi, sì, anche io sono stata una delle fidanzate in tribune di serie declassatissime, ma non propriamente per seguire il mio fidanzato - che adesso è mio marito -, quanto piuttosto per seguire la sua squadra del cuore (il Messina) che solo per un breve periodo è stata in serie A... Poi si è spostata in serie fango, polvere e campetti allucinanti. Cosa non si fa per amore! Come fareste voi uomini senza di noi...
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente un esempio di donna "costretta" nelle tribune dei campi di periferia.
      Fango, polvere, campetti terribili, tribune in amianto o niente tribuna, sole stile pampa del deserto, pioggia alluvionale, buran...io ne ho viste tutte nella mia attività di cronista :D.
      Sai che io ho una maglia del Messina nella mia collezione? :D

      Elimina
    2. Potrei essere interessata solo alla maglia (rigoramente non lavata 😆) di Storari! Aaahh Storari! Come l’ho amato 😍coi suoi tuffi da laprendoacostodellavita! Che tempi, ricordo che a Firenze gli feci il book fotografico andando direttamente tra i fiorentini...
      Comunque il Messina ora mi sta dando grosse soddisfazioni! Io sono cresciuta tra Sicilia e Calabria, in Calabria in un paesino che si chiama Cittanova, nella Cittanovese attuale gioca mio cugino (serie D)... e a Gennaio, Messina-Cittanovese 3 a 5 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣avevamo scommesso una cena sulla vittoria del cuginazzo adorato! URRRRAAAAA

      Elimina
    3. Storari! Grande personaggio. Non ho una sua maglia ma ho la maglia verde fluo che indossava al Milan, l'anno in cui sostituì gli infortunati Abbiati e Dida. Portiere che come il vino è invecchiato molto bene, diventando un portiere di assoluto rendimento, molto più forte del baldo giovane che difendeva i pali del Messina.
      Ah però, quindi tuo cugino ha partecipato a una partita storica!

      Elimina
  11. Mi sono persa gli auguri xD
    Comunque sono piccoli sacrifici che a noi donne toccano per amore, si. Ma d'altronde quanti uomini zombie vedi la domenica da Ikea dietro le fidanzate pimpanti?ahah
    È la legge del taglione :-D
    Ad ogni modo allo stadio sono andata una sola volta, si crepava di freddo, la Roma ha perso però io ho delle belle foto con la sciarpa ed il cappello giallo-rosso :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ikea è una bella tortura, direi che la definizione "Legge del taglione" calzi a pennello.
      Uuuh che anno era questo del tuo sacrificio? :D

      Elimina
    2. Mi sembra due inverni fa :-D
      Andrei a cercare le foto in galleria ma devi sapere che quelle con Mizio le sposto sempre in album diversi e sono troppiii per spulciarli alla cieca xD
      Comunque si, direi due o al massimo tre inverni fa.

      Elimina
    3. Dai tornate allo stadio a fine campionato, quando è caldo :D
      Poi mi fai il guest posttttttttttt

      Elimina

Posta un commento