#FILM Eccezzziunale...veramente! Con recensione d'epoca


"Eccezzziunale...veramente" è una delle commedie "cult" del cinema italiano. Uscita nel 1982 (non ero ancora nato), ha consegnato all'immaginario collettivo il personaggio di Donato, il pugliese trapiantato a Milano e grande tifoso del Milan. "Il ras della fossa", che catechizza i tifosi rossoneri prima della partita.


Donato è interpretato da Diego Abatantuono, il mattatore di "Eccezzziunale veramente": negli altri due episodi interpreta anche un tifoso interista, Franco, e uno juventino, "Tirzan" (e non "Tirzon" come nella recensione pubblicata sul Guerin Sportivo). Nell'episodio "rossonero" recitano Stefania Sandrelli e il caratterista Renato D'Amore, che ricordo bene in quanto protagonista del telefilm "Due assi per un turbo", uno dei programmi cult della mia infanzia. Nell'episodio "neroazzurro" con Abatantuono ci sono Massimo Boldi, Teo Teocoli e Mauro Di Francesco: quattro tifosi rossoneri che nella finzione cinematografica sono supporter dell'Inter.
In realtà il film doveva essere formato non da tre episodi, bensì da quattro: i protagonisti dovevano essere, oltre ad Abatantuono, Roberto Benigni, Massimo Troisi e Carlo Verdone.

Il film merita davvero la fama di "cult"?
Considerando che la stessa fama è stata raggiunta da "L'allenatore nel pallone", direi proprio di sì.
Ciò è avvenuto perché si tratta di film sullo sport più popolare e amato, specie in Italia.
Rivisto oggi però il film non sembra invecchiato benissimo, diversamente dai "kolossal" Fantozzi e Amici Miei.
L'episodio con Tirzan a mio parere è il peggiore, quello con i tifosi interisti regala qualche gag che prova, in tono minore, a riproporre la atmosfere alla Amici Miei. E lo stesso episodio di Donato non scorre benissimo, con qualche tempo morto di troppo: il personaggio del "Terrunciello" spicca molto di più nel mitico "I fichissimi".
Tuttavia "Eccezzziunale...veramente" ha il merito di fotografare con molta efficacia la realtà del tifo: il lato brutto, fatto di aggressioni e di scontri fisici, ma anche il calore degli spalti, il senso di comunità forgiata appunto dal tifo per la propria squadra. Ed è efficace l'impietosa fotografia di chi cerca di cambiare il proprio gioco attraverso le scommesse sportive.

Commenti

  1. L'ho visto e lo ricordo con allegria, anche se Abatantuono non mi ha mai convinta. In ogni caso, non gli toglierei la fascia di cult.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, la fascia di cult infatti oramai non la perde; però ammetto: mi aspettavo qualcosa di più :)
      Mi è piaciuto molto di più "I fichissimi"

      Elimina
  2. Io non sono mai riuscita a vederlo tutto. L'anima caricaturale che Abatantuono dà al personaggio mi infastidisce prepotentemente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non sei riuscita a vederlo tutto perché il film può risultare "pesante".
      Non c'è quella componente splapstick che si fonde con l'aspetto caricaturale, come in Fantozzi.
      E' un po' più grossolana come comicità :)

      Elimina
  3. Stefania Sandrelli? Certo, eccezionale veramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non sono mai stato un grande fan della Sandrelli :D.

      Elimina
    2. Io l'ho contratta quattro o cinque anni fa da Ikea :D

      Elimina
    3. ah, l'hai vista da Ikea? Ah però :D
      Peraltro negli ultimi anni è tornata in auge con la fiction una grande famiglia

      Elimina
    4. Contratta? Ma che è, una malattia? Porella!
      A me da giovane, nelle commedie sexy, non dispiaceva, un paio di pisellate gliele avrei date volentieri 🐷

      Elimina
    5. Ha fatto commedie sexy? :D
      Ha fatto "la chiave" di Tinto Brass.
      Ma io dei film di Tinto ho occhi solo per Francesca Nunzi e Anna Ammirati ^_^

      Elimina
    6. No, mi confondevo proprio con quel film di Brass!
      Che poi ho visto solo la scena di sesso/nudo.

      Elimina
    7. la scena o le scene :D dovrebbero essere al plurale in genere ahhah in quei film.

      Elimina
  4. E certo, un cult coi fiocchi, davvero eccezzziunale ;)

    RispondiElimina
  5. Sì, fors enon è invecchiato benissimo, hai detto bene.
    Di film similari, invecchiati stupendamente, c'è Tifosi.
    Quella della rivista, più che una rece, sembra un racconto del film... :o
    Comunque, sarebbe stato figo vedere il "quarto episodio" :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tifosi lo recupero presto e lo recensisco!
      Sicuramente con Verdone, Troisi e Benigni avrebbero dato spazio a Roma, Napoli e Fiorentina a scapito di Inter e Juventus.
      La recensione del Guerin sembra il cineracconto di Tv Sorrisi e Canzoni, ovviamente nello stile di fine anni '70 e inizio '80 :D

      Elimina
    2. Esattamente, un cineracconto... Mai piaciuta questa forma XD

      Moz-

      Elimina
    3. Ecco dove ho preso il vizio degli spoiler :D

      Elimina
    4. Gradisco questo film, specialmente gli episodi Milan e Inter...ma in linea di massima sono d'accordo con Moz! "Tifosi" penso sia invecchiato molto meglio 😊
      E poi lo vidi al cinema con papà, ogni tanto ce lo rivedevamo insieme su cassetta, quindi ho bei ricordi che mi legano a quello stupido, stupido film!! 😊 "Ma Gennaro, dove vai??" "Ad ATALANTA!!" 😂😂😂😂

      Elimina
    5. Ecco vedi, l'episodio della Juvenuts è il meno accattivante..
      Insomma, 'sto Tifosi lo devo guardare!

      Elimina
    6. Mai visto??!! Guardalo ti prego! Ce so certe perle meravigliose...

      Elimina
  6. L'ho visto tempo fa, si fa guardare e ci si fa pure qualche risata... io preferisco il pezzo con gli amici "interisti", si vede proprio l'affiatamento che c'era fra quegli attori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che la scena del culo esibito alla vecchia e delle scoregge registrate mi hanno fatto ridere a crepapelle, entrambe :D

      Elimina
  7. Sicuramente un cult, ma non so perché a me Diego non mi ha mai ispirato. L'unico film un cui mi ha veramente fatto sganasciare e che riguarderei cento volte è Grand Hotel Excelsior... Lo ricordi? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citi un film che colpevolmente non ho mai guardato :D.
      La miglior prova di Diego? Non Mediterraneo, ma Regalo di Natale di Pupi Avati! :)

      Elimina
    2. Avevo scordato Mediterraneo! Ti regalo una pillola di Grand Hotel:
      https://youtu.be/0wLamwMn0No

      Elimina
    3. Oh Pebbacco, viuleeenz, ahahahah!

      Elimina
  8. non sono certissimo che centri i temi del tifo brutto, quanto scimmiotti l'italiano medio dell'epoca. hai certamente ragione tu, ma non lo avevo mai "letto" così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'italiano medio è tifoso: quindi le due letture sono perfettamente legate. L'italiano medio è quello che va in giro con la fidanzata con la radiolina nascosta per sentire le partite. L'italiano medio è quello che cerca il colpaccio con le scommesse. L'italiano medio è quello che spesso modifica i propri turni di lavoro in funzione delle partite :)

      Elimina
  9. Grande cult, che rivedo sempre volentieri.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere vedere che sia un film rimasto nel cuore di molti :)

      Elimina
  10. Supercult! Pensa che l'ho visto al cinema quando uscì nelle sale (e questo la dice lunga sulla mia età anagrafica) e ancora adesso, di tanto in tanto, mi rimetto su il dvd e rido come un idiota come se fosse la prima volta.
    Fu anche per via di questo film che mi appassionai al calcio e alla dolce ed eterna rivalità tra le milanesi e la vecchia signora.
    Ovviamente l'Abatantuono milanista fu oggettivamente l'episodio migliore... d'altra parte per lui è stato decisamente più facile immedesimarsi (finendo tra l'altro in curva, ben accetto dagli ultras di parte).
    Non sono però d'accordo sul fatto che Tirzan sia stato l'episodio più debole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensandoci bene, per me è sempre stata supercult la canzone del film! Perché la trasmetteva spesso la radio che ascoltavo da bambino.
      Solo successivamente ho visto il film.
      Quindi alla fine hai gradito anche l'episodio di Tirzan...L'idea alla base di questo episodio non è affatto male..Forse è però il personaggio di Abatantuono più debole (Franco è comunque supportato dalle spalle comiche).

      Elimina
    2. Ah si, mi ero preso anche il 45 giri! Ahahah! L'episodio di Tirzan è immortale per alcune battute che poi sono diventate di uso comune, tipo "Goulash, goulash! e "Slavi brava gente".
      A favore del film, in generale, ci sono quei meravigliosi spezzoni calcistici dell'epoca girati a San Siro: bello rivedere la chioma bionda di Buriani .... (certo, per i milanisti quella stagione non è un granché come ricordo...)

      Elimina
    3. ahah, la chioma bionda di Buriani la rivediamo sempre volentieri :D
      Io avevo registrato la canzone della radio XD e l'ascoltavo a palla!

      Elimina
  11. Resta un cult anche se Abatantuono lo ricordo per altri film più meritevoli di questo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo...Abatantuono è molto di più oltre che questi simpatici e ben caratterizzati personaggi!

      Elimina
  12. Non è certo il miglior film di Abatantuono .. io lo considero un fil di serie B ma comunque è un cult!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse l'accenno alla serie B me lo potevo evitare :-)

      Elimina
    2. Ahah, a leggere i giornali italiani senza Champions finiamo direttamente in Serie B XD

      Elimina
  13. Un film stracult, direi!
    Buon Primo Maggio anche a te qui ... quasi allo scadere di questa importante giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ally! Ti aggiungo alla folta lista dei blogger che ritengono un cult questo film :)

      Elimina
  14. Saranno almeno 15 anni che non lo rivedo, quindi non ti so dire se essere d'accordo sull'invecchiamento della pellicola.
    Non sapevo che doveva essere di 4 episodi con vari attori ma a me va bene così come è uscito (anche perché non sopporto Benigni - che cazzo c'entra col calcio? Meglio il siciliano Benigno!).
    Mi soffermerei un attimo sulla frase iniziale "non ero ancora nato"! Noi li abbiamo visto tutti i cult di quando non eravamo nati. Quanti possono dire la stessa cosa oggi, tra quelli nati nei 2000 e nei 2010? Giovani del cazzo, salvo perle rare come il nostro Deluxe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo: anche io penso che i giovani d'oggi si stiano perdendo troppe cose "cult".
      Pensa che il secondogenito del mio capo non ha mai visto un film di Bud Spencer e Terence Hill.
      Mi viene da piangere :D

      Elimina

Posta un commento