Topolino e il super Derby: intervista all'autore Carlo Panaro


Nell'aprile del 1949 fu pubblicato il primo numero in versione pocket di Topolino. Oggi nelle edicole esce il numero celebrativo dei 70 anni del settimanale e anche io non ho voluto essere da meno, per celebrare la ricorrenza vi parlerò di una delle mie storie preferite a tema calcistico, "Topolino e il super Derby", pubblicata nel n.1758 dell'agosto 1989. Occasione ghiotta per risentire il maestro Carlo Panaro, sceneggiatore della storia in questione.



TRAMA (CON SPOILER). Topolino e Pippo sono ingaggiati dalla squadra di calcio del Topolinia per indagare sui sabotaggi subiti dal giovane e talentuoso portiere Walter Zinka (parodia di Walter Zenga, celebre portiere interista, anche se di aspetto molto diversi), alla vigilia del sentito derby con il Micetown. Topolino scoprirà che il misterioso sabotatore, intenzionato a mettere fuori gioco Zinka, altri non è che Tom Corner, l'esperto portiere destinato alla panchina. Corner si tradisce perché vola a bloccare un pallone calciato da un bambino, mentre è mascherato da venditore ambulante. Voleva infatti far mangiare a Zinka un dolce con le nocciole, sapendo dell'allergia del compagno di squadra, ma in questo caso è determinante l'intervento di Pippo, che masticando per primo il dolcetto, si accorge della presenza di nocciole. Topolino, per far tradire Corner, inscena un finto ricovero di Zinka in ospedale. Il piano funziona, ma la storia ha comunque il lieto fine: Zinka infatti decide di mettersi spontaneamente in panchina, per fare giocare il più esperto compagno, che aveva fatto altrettanto in nazionale.


1) Carlo, raccontaci come nasce questa storia.
Volevo scrivere una storia un po’ diversa da quelle con le abituali indagini di Topolino, mi riferisco a furti, rapine, ecc. Così avevo pensato ad una trama ambientata nel mondo del calcio che vedesse Topolino e Pippo impegnati a garantire la sicurezza di un fuoriclasse. Il resto, come sempre succede, è venuto da sé, costruendo e scartando varie soluzioni, possibili sviluppi… 


2) Come nascono i due portieri protagonisti, anche dal punto di vista grafico: Walter Zinka è ovviamente nel nome richiama Walter Zenga, Tom Corner invece ha un nome slegato dai calciatori dell'epoca.
Zinka doveva essere il nuovo portiere del Topolinia, perciò ho fatto in modo che sembrasse un grosso “colpo” sul mercato. Tom Corner, invece, doveva essere un portiere già a fine carriera, quindi non sarebbe stato molto simpatico citare nomi di veri portieri, anche se un po’ modificati. La realizzazione grafica, poi, è tutta opera di Luciano Gatto, non avevo dato riferimenti specifici, se non il riferimento a Zenga, anche se poi il disegno non gli somigliava… penso che Luciano abbia voluto lavorare di fantasia per entrambi i personaggi.

3) Topolino intuisce che il sabotatore di Zinka sia appunto Corner, grazie a una parata che Corner effettua, mascherato da venditore ambulante di pasticcini, per fermare un pallone calciato da un ragazzino. Un espediente narrativo che ho sempre trovato splendido: il giallo nel mondo del calcio non poteva che essere risolto con un'intuizione.. calcistica.
Concordo pienamente con te: era appunto quello che intendevo anch’io!



4) Nella scena del finto ricovero di Zinka, parlando con Topolino, Corner dice "Walter avrà tante partite da giocare nel futuro" e Topolino gli risponde "Secondo il medico, davanti a sé ha solo la DIPARTITA". Oggi quel termine verrebbe censurato su Topolino!
Ah, penso proprio di sì! Ogni riferimento alla morte va evitato… un po’ mi spiace perché forse, in alcuni casi, potrebbe dare più spessore alla trama.



5) La storia fu disegnata dal maestro Gatto, che scelse il rossoblu come colori del Topolinia. Hai degli aneddoti sulla collaborazione con il maestro per quella storia?
Non in particolare. Ricordo solo che quando Massimo Marconi, responsabile dei soggetti e delle sceneggiature del Topolino dell’epoca, mi disse che la storia sarebbe stata disegnata da Gatto fui molto contento: mi piacevano tanto i suoi disegni, ma non avevo ancora avuto la possibilità di avere una storia disegnata da lui.






Ringraziamo il maestro Carlo Panaro, come sempre disponibilissimo ed estremamente gentile. Mi raccomando, non vi dimenticate di seguire le sue storie su Topolino!

Commenti

  1. Non posso farci niente. Sono allergico ai fumetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Gus, come sai da queste parti il menù settimanale è vario, quindi ad ognuno..la sua portata. Domani parleremo di questa giornata calcistica :)

      Elimina
  2. Bellissima intervista, mi è piaciuto molto scoprire come nasce una storia per un fumetto. Mi permetto poi molto sommessamente di far notare che per i colori della prestigiosa squadra di Topolinia si sono scelti i colori della storia del calcio (rossoblù come il Genoa cfc 1893) :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Rossoblu come il genoa. Sono felice che il maestro Panaro mi abbia concesso ancora una volta la possibilità di soddisfare le mie curiosità.

      Elimina
  3. Questa sarebbe stata una storia perfetta da regalarti, ma ti sei dovuto accontentare dello zoo. Ahah
    A proposito, complimenti per l'intervista e ancora buon onomastico.
    So che è off topic, ma almeno riceverai tante coccole virtuali da chi leggerà il mio commento, no? 😜

    RispondiElimina
  4. Splendida intervista, fa sempre piacere scoprire i retroscena delle storie dagli autori.

    RispondiElimina
  5. Chissà se a casa dei miei ho ancora qualche numero di Topolino degli anni 95 o giù di lì :D comunque certe storie son bellissime e a me piacevano tanto pure le copertine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le copertine sono sempre state iconiche...Ovviamente ognuno avrà il suo periodo preferito...io devo dire preferisco queste anni '90...coloratissime.

      Elimina
  6. Sempre più intraprendente, bravo e complimenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille mitico:).
      Con Carlo è tutto facile: è gentilissimo!

      Elimina
  7. Bella l'intervista! E, devo essere sincera, non pensavo ci fosse così tanta professionalità e lavoro di corrispondenza anche nei fumetti, in realtà ho letto Topolino con piacere fino a otto anni circa, adesso ogni tanto ne riprendo in mano uno a caso se mi capita, ma non ho mai approfondito. Un'occasione per farlo, questa ^_^
    Ah! Buon onomastico! Ho letto il commento di Claudia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ire ^_^ il bello di Topolino è proprio questo: dietro a una storia apparentemente per bambini, c'è una costruzione molto più complessa.
      Le storie di Topolino hanno sempre ben descritto gli aspetti della società del momento, quindi leggendo le storie nel corso degli anni si vedono i cambiamenti della stessa nostra società.
      Anche se purtroppo oggi ci sono troppe censure e troppi politicamente corretti anche per Topolino...
      L'esempio è la battuta sulla dipartita..oggi sarebbe eliminata.

      Elimina
  8. Ottima intervista, bello scoprire le tante curiosità di un fumetto.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
  9. Auguriiii!!! Hai anticipato i festeggiamenti ieri sera con la lasagna...
    Bella intervista come al solito. Sono cresciuto con Topolino. Fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per gli auguri e per aver apprezzato l'intervista :)
      La lasagna la adoro, il giocatore mi è indigesto, molto molto indigesto :D.

      Elimina
  10. Auguri per l'onomastico :D A proposito dell'ottima intervista, non ricordavo questa storia, mi sa che era il periodo che non lo leggevo più..comunque grande Panaro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabri!
      ah, a proposito, ho detto a Carlo che abbiamo apprezzato molto la storia di Paperinik con l'ambientazione del treno. E' stato molto contento :)

      Elimina
  11. Ricordo bene questa storia! :) Bella l'intervista.. quando eri un bimbetto e sfogliavi quelle pagine l'avresti mai detto che un giorno avresti parlato con l'autore?! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però questa non te la facevo leggere :D.
      Una bellissima soddisfazione parlare con Carlo.
      E' una grandissima persona.

      Elimina
  12. Sono sicuro di aver letto quel numero, anche perché ricordo la copertina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che numero..c'era anche la storia paperinesca de l'anello di nibelunghi...una delle tre parti.

      Elimina
  13. Speravo in un derby Topolinia-Paperopoli.... ma niente. Quei due mondi mi sa che non si sono mai incontrati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono incontrati in una storia con le controparti fumettistiche di Totti e Gattuso :D.
      Non una gran storia in realtà..

      Elimina
  14. Mastodontico. Bellissimo. Davvero. (Grazie)

    RispondiElimina
  15. Super intervista al grande Pan(in)aro (senza il mullet come pettinatura 😅). Grazie per avermi segnalato il post!
    Questo numero purtroppo mi manca...
    Bello il giallo ma Corner era mascherato dal "bruscolinaro" dell'Olimpico 😂
    Scherzo, non lo so per certo non avendo letto tutta la storia.
    Vaffanculo alla censura di oggi!
    Ti saluto con una bestemmia per alcuni commenti del cazzo che hai ricevuto ma a te piacciono anche quelli 😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha, non contraccambio la bestemmia, ma contraccambio il saluto :D.
      Vero, non ho messo la vignetta nella quale Corner, travestito, guida il mezzo a pedali con l'espositore dei pasticcini..curioso tralaltro

      Elimina
  16. Bellissima intervista!Ricordo quel Topolino perché in copertina c'era Mickey... con le pantofole, sulla spiaggia! E mi chiedevo a che pro! XD
    Interessante la "dipartita", vero, oggi la censurerebbero.
    Mi ha colpito il garbo nel non citare alcun giocatore vero per dare nome al villain^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miki...ahah le pantofole, è vero XD.
      Sì, in effetti non avevo mai pensato a questa cosa del villain...
      Mi aspettavo qualcosa tipo Ivan Orlon (Ivano Bordon).
      Oggi avremmo invece Walter Topozenga :D o Walter Paperenga

      Elimina
  17. Mi sa che non ho mai letto questa storia, devo rimediare subito anche se me la sono già spoilerata tutta! XD
    Complimenti per l'intervista, e grazie al maestro Panaro per la sua disponibilità, per noi lettori questi sono momenti bellissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah XD purtroppo sono sceso dettaglio per dettaglio!
      Grazie Orso, comunque se puoi recuperala, anzi recupera questo numero e i due successivi, sono ricchi di storie molto belle!

      Elimina
  18. Bella e interessante intervista sì ... non ricordo se all'epoca avevo smesso con Topolino e ovviamente non mi ricordo quella storia. Sarebbe bello ritrovarla, magari in Paperino che raccoglie vecchie storie e che ogni tanto prendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alli :), questo numero e i due successivi sono tra i miei preferiti...ci sono un sacco di storie che adoro

      Elimina

Posta un commento