Petr Cech, il portiere con il caschetto che vinse la morte


Dopo 20 stagioni vissute da calciatore professionista, si ritira il portiere ceco Petr Cech, a 37 anni da poco compiuti.
Ricco il suo palmares: quattro Premier League, una Champions League, una Uefa Europa League e tanti altri trofei (tre Coppa di Lega Inglese, quattro Community Shield, cinque coppe d'Inghilterra, un campionato europeo Under 21 nel 2002).  Per nove volte (sei consecutive!) è stato il miglior giocatore della Repubblica Ceca, dieci volte il pallone d'oro della stessa. E' il portiere che ha mantenuto più volte la porta inviolata nella Premier League: 200 volte. E' recordman di presenze con la sua nazionale, con 124 presenze.

Cech con la maglia dell'Arsenal 2018-19

Petr Cech poteva diventare il migliore portiere della storia del calcio, ma un incidente sportivo ha bloccato la sua ascesa.
Il 14 ottobre del 2006, a 24 anni, giocava tra i pali del Chelsea, nella sfida di campionato con il Reading. Dopo aver anticipato in uscita bassa l'attaccante Hunt (ben poco sportivo...), fu colpito con una ginocchiata

Cech dopo il grave infortunio

Un grave trauma cranico: il ginocchio dell'avversario gli sfondò il cranio, sopra la tempia destra. Fu necessario un intervento di urgenza. Cech aveva rischiato di perdere la vita. Il suo allenatore, Mourinho, disse senza giri di parole: "Cech è vivo per miracolo, Hunt è fuori di testa". Quell'incidente rischiava di mettere a rischio la sua carriera.
Invece il portiere ceco si rialzò e in meno di 100 giorni tornò a giocare, indossando un caschetto di gomma, quello che portano i rugbisti. Il primo calciatore a farlo. Ma era obbligato.

Cech ritrova Hunt dopo l'incdente

Cech è stato comunque un grande portiere. Tra i pali spiccava per il colpo di reni e per la capacità di raggiungere anche gli angoli più lontani con grande reattività. Era un portiere solido anche se tecnicamente non eccelso (d'altro canto la scuola tecnicamente più preparata è quella italiana). Nella sua militanza al Chelsea, fu pazzesca una parata su un colpo di testa ravvicinato di Tevez, durante un Manchester United-Chelsea, un riflesso davvero prodigioso. Nella finale di Champions League 2007-08, avversari i Red Devils, parò un rigore a Cristiano Ronaldo, ma non bastò per la vittoria. Vinse, da protagonista, la Champions League 2011-12 a spese del Bayern. Parò un rigore ai supplementari a Robben e ne fermò due (uno con l'aiuto del palo), nella lotteria dei tiri dagli undici metri. Anche se in tutta sincerità, non è mai stato un para rigori.

Cech para rigore a Cristiano Ronaldo

La prima volta che ammirai Cech fu nel campionato Europeo Under 21 vinto dalla sua nazionale, poi nell'Europeo del 2004, quello vinto a sorpresa dalla Grecia proprio su Cech e compagni. Il portierone fu eletto miglior portiere della competizione. Di sicuro aveva effettuato la parata più difficile del torneo: contro l'Olanda, volò con la mano di richiamo su una sassata del difensore olandese Heitinga, un tiro destinato all'incrocio dei pali.

Cech nell'Europeo 2004

Ne è passata di acqua sotto i ponti, da quell'estate del 2004. Cech è stato protagonista di grandi vittorie, colonna del Chelsea di Mourinho che ha scritto pagine di storia calcistica; è stato protagonista di grandi cadute, di rinascite sportive. Un professionista esemplare che oggi il calcio saluta con i giusti onori. Un arrivederci, perché Cech sarà un grande dirigente, una carriera che inizierà proprio al Chelsea.
Professionista esemplare, leader in campo e fuori, si è distinto anche sui social con arguzia e brillantezza.
A inizio stagione Cech, con l'Arsenal, rischiò un clamoroso autogol per un pasticcio con i piedi; così il social manager del Bayer Leverkusen commentò il video in modo scherzoso, alludendo al secondo portiere, Leno, che in estate si era trasferito proprio dal Leverkusen all'Arsenal, come a voler dire: "Ma come, gioca ancora il vecchio Cech, quando in panchina c'è il giovane e bravissimo Leno?".
La risposta di Cech fu un capolavoro:
All'Arsenal abbiamo valori che fanno sì che questa squadra non sia grande solo in campo. Rivalità sportiva, professionalità e spirito di squadra sono valori importanti che insegniamo ai più giovani. È un peccato vedere che altri club non abbiano gli stessi valori".
Un giovane Cech con il Chelsea
Valori che sicuramente Cech saprà trasmettere anche nelle prossime esperienze, nel suo nuovo ruolo, finalmente senza il caschetto in testa.

Commenti

  1. Cech merita questo bellissimo articolo.
    Ciao Riky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus, Cech è uno dei miei idoli calcistici: non è stato difficile scriverne :)

      Elimina
  2. grande rickypedia. chec ha avuto (secondo me), la sfortuna di trovarsi al chelsea con mourino, che per lunghi tratti gli ha preferito courtois. ma tu, che ne sai molto più di me e scrivi il contrario, hai certamente ragione 🌹

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà Mourinho è stato il primo allenatore di Cech al Chelsea: stima totale. E' chiaro che il Chelsea ha poi puntato su Courtois, un Cech giovane.
      Ma Cech è stato bravo a prolungare la sua carriera all'Arsenal.

      Elimina
  3. Scusa, e Hunt (ben poco sportivo e "fuori di testa") non è stato denunciato per tentato omicidio?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sono stupito che non sia stato neanche sanzionato sul campo, né squalificato.. bah! Di Canio prese 11 giornate per una spintarella all'arbitr.

      Elimina
    2. ahhaah con dieci frustate al giorno :D

      Elimina
  4. E' proprio un bel post, di quelli che ti fanno entrare nella vita sportiva di qualcuno che non conosci (nel mio caso, ovviamente) e te lo fanno apprezzare subito.
    Hunt è stato un idiota, altro che fuori di testa. Avrebbe potuto ucciderlo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ho "odiato" Hunt per quel gesto...
      Molto bello che Cech lo abbia perdonato (vedi foto).
      Mi fa piacere che ti sia piaciuta questa monografia.
      Ne ho altre da pubblicare, una su un portiere straniero secondo me ti incuriosirà :)

      Elimina
  5. Indubbiamente uno dei migliori portieri degli ultimi venti anni, il suo "stile" mancherà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere vederti concorde con il mio giudizio ^_^

      Elimina
  6. Grandissimo! Pre-infortunio è stato tra i più grandi in assoluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia': senza quell'infortunio poteva davvero entrare nella hall of fame. Comunque ha scritto pagine di calcio importanti :)

      Elimina
  7. Cech si ritira e Buffon continua (o almeno vorrebbe farlo)... comunque Petr veramente un grande, dopo un tale incidente molti si sarebbero ritirati e lui ha continuato a giocare a buonissimo livello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me Cech ha fatto benissimo a ritirarsi...piuttosto che andare a fare 1-2 anni in una squadra più piccola.
      Anche se non credo che Buffon vada a Parma come si vocifera...Buffon cercherà comunque una squadra importante.

      Elimina
  8. Ho letto questo post con la sensazione di conoscere questa storia.
    Il bello è che solo tu avresti potuto parlarmene, visto che non ascolterei discorsi sul calcio da nessun altro.
    Tu ricordi di averlo fatto, per caso?
    Comunque un post molto bello, scritto da uno che di valori se ne intende..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me te ne avevo parlato..ti avevo parlato del portiere col caschetto.
      Grazie per le belle parole <3

      Elimina
  9. Mitico Pietrone...ricordo bene quando successe il fattaccio! Non ero però a conoscenza della "dinamica": ho sempre pensato fosse stato uno sfortunato scontro di gioco e invece... 😒

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Cech ho due maglie del Chelsea: una verde con le bordature oro e una gialla con le maniche nere. Entrambe stupende!

      Elimina
    2. La verde me la ricordo bene, bella... la nera al momento no...ma di sicuro se la vedo mi torna in mente!!

      Elimina
    3. Gialla con le maniche nere! Non te le mostro perché le vedrai qui sul bazar :D

      Elimina

Posta un commento