Quando allo stadio Elio ebbe più applausi di Ligabue e Antonacci

L'Inter di vecchie glorie, cantanti e comici

Nell'ottobre 1996 lo stadio Giuseppe Meazza di San Siro ospitò il "Derby d'autore" tra Inter e Milan. Non si trattava del Derby del Cuore, la manifestazione benefica che si divideva in due partite; a dicembre-gennaio la sfida Roma-Lazio, a maggio Inter-Milan. La composizione delle squadre era però sostanzialmente la stessa: cantanti, attori, personaggi televisivi.

La Gazzetta dello Sport dedicò ampio spazio alla partita, prima e dopo. Diversamente dal Derby del Cuore, scesero n campo anche ex calciatori delle due squadre. In panchina, gli allenatori di Inter e Milan, quell'anno due stranieri: l'inglese Roy Hodgson e l'uruguaiano Oscar Tabarez.  La Gazzetta annunciò queste formazioni.



Nell'Inter gli ex calciatori Facchetti, Mazzola, Serena e Corso (Paolo Rossi ovviamente è il comico); nel Milan Colombo, Damiani e Giovanni Galli. Curioso che Colombo, ex centrocampista, fosse annunciato come portiere; e Galli, portiere, come giocatore di movimento. Per il resto le due formazioni erano formate da membri della Nazionale Cantanti e della Smemoranda Comedians (i protagonisti del cabaret milanese, prima al Derby e poi allo Zelig)

LA PARTITA. La vittoria sorrise al Milan, che si impose con un netto 8-3. Migliore in campo l'ex calciatore Oscar Damiani, autore di un gol e di numerose giocate vincenti, ma anche protagonista d un espulsione per proteste (!) che gli costò anche dei sonori fischi. Due reti a testa per i velocissimi attaccanti Max Zoara e dj Fargetta (noto tifoso juventino aggregato però ai rossoneri). Zoara, con il fratello Luca, formava il duo B-Nario, che ebbe un buon successo con la canzone "Tra me e te". A segno, per il Milan, anche Marco Milano alias Mandi Mandi, noto personaggio di Mai Dire Gol (tifoso dell'Udinese); il cantante Gianni Bella; Paolo Tarozzi, l'addetto stampa del Milan, uno dei migliori giocatori in campo. Tarozzi in difesa, con a fianco l'ex pilota Ivan Capelli al suo fianco (tifosissimo rossonero); Damiani a inventare; Fargetta e Max in attacco. Giocò bene anche Gianluca, il figlio dell'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani. Tra i pali nel primo tempo fu poco impegnato l'ex calciatore Daniele Massaro (che era jolly, ma in porta non si era mai visto...), mentre nella ripresa si disimpegnò bene Gianni Palladino, attore e cabarettista che all'epoca aveva 46 anni e che è scomparso tragicamente a 60 anni per un malore. La Gazzetta definì Palladino "Rotondo", ma anche "Baluardo insuperabile".

L'INTER. I neroazzurri schieravano i grandi Facchetti e Mazzola, nonché Corso e Aldo Serena, quattro ex calciatori. Il doppio del Milan, però Serena non me lo ricordo, forse era acciaccato e non giocò. Proprio Corso, uno dei veterani, segnò su rigore uno dei tre gol interisti. Le altre reti portarono la firma di Luciano Ligabue e di Biagio Antonacci, due cantanti. Ma al momento della presentazione il cantante più applaudito, con un'ovazione, non fu né il Liga, né Antonacci, ma Stefano Belisari, cioé Elio di Elio e le Storie Tese, grande tifoso interista, in campo con la maglia n.7. Da segnalare tra le fila dell'Inter i due portieri: il comico Raoul Cremona, alias Mago Oronzo, e Luigi Schiavone, chitarrista molto bravo tra i pali (giocava nella Dinamo Rock e nella Nazionale Cantanti).

Il Milan: in alto da sinistra Di Francesco, Massaro, Mandi Mandi, Oppini, Smaila, Bisio, Galliani, Capelli, ?.
In basso da sinistra: ?, Fargetta, Cornacchione, Mogol, Damiani, ?, B-Nario.

Commenti

  1. Era il tempo delle storie tese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dopo il Sanremo del 1996 ebbero un boom di popolarità! Ah, Elio come calciatore era discreto.

      Elimina
    2. Ricordo che invece Faso è fanatico di Baseball, tanto è vero che è presidente di una squadra di serie inferiore e ogni tanto ci gioca pure... mi sembra che ogni tanto abbia giocato pure lo stesso Elio :)

      Elimina
    3. verissimo! Fabri è una macchina da aneddoti! :D

      Elimina
    4. Yess!! Gli Ares Milano 😃😃

      Elimina
    5. potrei tirare fuori una chicca dall'archivio della gazzetta :D

      Elimina
  2. Avevo dimenticato Mandi Mandi. Mi faceva sorridere. Chissà che fine ha fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei personaggi cult di Mai Dire Gol :D e aveva fatto pure la canzoncina che veniva trasmessa dalle radio!

      Elimina
    2. Ricordo che non so per che motivo ad un certo punto era in causa per Mediaset perché era stato licenziato, e quindi sono stati costretti a reintegrarlo a forza in trasmissione..e si vedeva purtroppo

      Elimina
    3. caspita, questo aneddoto non lo ricordavo..mi ricordo dei grossi problemi economici avuti!

      Elimina
    4. Fantastica! :D. Mi sembra di ricordare che l'avessi registrata dalla radio. O forse da una cassetta :D

      Elimina
  3. Non la ricordo, anche perché in tv non le facevano ancora vedere..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece la diedero! Su Rai Due :). Ricordo poco però (anche se alcuni dettagli bene: mi ricordo che i due portieri del Milan avevano la stessa divisa, ma di diverso colore, giallo Massaro e verde quel Palladino).

      Elimina
    2. Ah sì? Allora non l'ho vista di proposito probabilmente :D

      Elimina
    3. Ma infatti era una partita un po' nascosta nel palinsesto..Mediaset pubblicizzava più questo tipo di partite.

      Elimina
    4. Io ovviamente lessi gli articoli prepartita sulla Gazzetta..altrimenti non me ne sarei accorto!

      Elimina
  4. Il primo derby del cuore capitolino l'ho visto allo stadio... curva sud con mio padre e mio cugino, mentre altri compagni della nostra scuola erano andati nella nord (mavvaffanculo!). Subito dopo mi ha stancato, meglio la vera Roma!
    Quello d'autore non lo ricordo.
    Mandi Mandi... che mi hai riportato alla mente 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello d'autore è durato poco, un'edizione XD.
      Che anno era del derby del cuore? Ti ricordi?

      Elimina

Posta un commento