Lecce Juventus e la perla di Zavarov (disegni dei gol)


Il 29 aprile del 1990 allo stadio Via del Mare la Juventus superò 3-2 il Lecce al termine di una divertente partita di fine stagione. La gara si disputò di sabato: la Juventus infatti il mercoledì successivo avrebbe affrontato la prima delle due finali di Coppa Uefa, avversaria la Fiorentina.

Conte al tiro contrastato da Dario Bonetti

I padroni di casa, nel bellissimo completo rosso Adidas con bordi gialli, si schierarono con il tridente offensivo formato da Vincze, Pasculli e Virdis. La Juventus rispose con lo schieramento a una sola punta, il mitico Totò Schillaci. A centrocampo, nel Lecce, con la maglia n.4 giocava Antonio Conte, futuro capitano bianconero.

Un duello Bruno-Benedetti

La gara si sbloccò alla mezz'ora, quando la difesa del Lecce si aprì centralmente, favorendo l'inserimento di Schillaci, implacabile nell'infilare di destro il portiere Terraneo. A inizio ripresa magia di Zavarov: il fantasista russo scartò due avversari, rientrando sul sinistro, e infilò il portiere, poi sostituito. A fine stagione infatti si dava spazio al secondo portiere. Fu così anche per Negretti, vice Terraneo.

Il gol di Pasculli

Il Lecce riaprì la partita con un colpo di testa di Pasculli su cross da calcio d'angolo, ma fu il terzino Garzya a ristabilire le distanze a favore della Juventus. Nel tentativo di passare il pallone a Negretti (all'epoca il portiere poteva ancora fermare i retropassaggi con le mani), Garzya inventò un pallonetto che lasciò di sasso l'estremo difensore salentino. Anche la difesa della Juventus in quel pomeriggio si mostrò piuttosto "allegra", consentendo a Vincze di presentarsi solo davanti a Tacconi e di batterlo, per il definitivo 2-3.

Il gol di Schillaci nella moviola di Paolo Sabellucci

La perla di Zavarov

Garzya supera il proprio portiere Negretti

Commenti

  1. Quando Sacchi allenava un grande Milan in un incontro con la Juve vinse facilmente.
    Un giornalista chiese al Mister: "Che ne pensa di Zavarov?" Sacchi rispose: " Non l'ho visto, ma che numero di maglia aveva?"
    Schillaci faceva gol da fuori area con tiri potentissimi. A distruggerlo ci pensarono Lentini e la signora Schillaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, a proposito di tiri potenti, ricordo lo splendido gol ai mondiali con l'Uruguay.
      Anche con il Verona in campionato, se ben ricordo, fece un gol splendido da fuori area.
      Oggi Schillaci gioca ancora a calcio nelle partite benefiche.

      Elimina
  2. Una delle poche perle di Zavarov fra l’altro 😆

    RispondiElimina
  3. Avevo sperato in un'altra partita, così avrei potuto dire io c'ero, ma va bene comunque, è una vittoria ugualmente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, nel Bazar tra vent'anni parlerò di Lecce Juventus di questa sera :)

      Elimina
  4. Sto cercando di capire perché questa partita sia stata "divertente". Al più sarà stata bella, no?
    Mi aspettavo qualche rocambolesca caduta in campo, o almeno un autorete. Ahaha
    Comunque Lorenzo fa di cognome Pasculli (come mio marito, ovviamente).
    Lo sapevi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente si usa nel calcio per le partite che non fanno ridere, ma che divertono, cioé sono ricche di azioni, con le squadre che giocano all'attacco :D
      Certo che lo so :), anche se il Pasculli qui era argentino!

      Elimina
    2. Caspita. Ti dico proprio tutto, allora. :P

      Elimina
    3. Il problema è che su nomi e cognomi ho grande memoria :D basta che tu mi dica un nome e un cognome una volta e io lo avrò già immagazzinato.
      Invece con i volti ho scarsa memoria fotografica :D

      Elimina
  5. ricordo schillaci all'inter. vorrei dimenticarlo, ma non ci riesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, l'Inter 1993-94, ad esempio: una delle peggiori della storia!

      Elimina
  6. Zavarov fu uno dei tanti centravanti pacco sbarcati in Italia..... Nemmeno il peggiore tra l’altro.... alla Juve ci si ricorda con maggior amarezza di un cero Ian Rush...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parlammo qualche giorno fa, di Ian Rush: un bel bidone, sì, in Italia.
      Zavarov era troppo discontinuo.

      Elimina
  7. Il post Platini fu terrificante per la Juventus.
    Zavarov comunque in patria era un'ira di Dio e fece bene anche in Coppa prima di arrivare alla Juve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti...poi erano gli ultimi intensi squilli del calcio russo (Europeo 1988), prima della grande crisi (e della scissione politica)

      Elimina
  8. Sabellucci in formissima qui, i palloncini sgonfi sono tra i migliori che abbia mai visto 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì qui era all'apice! Questi disegni mi hanno fatto innamorare del Guerin!

      Elimina

Posta un commento