#Film: Il campione


Uscito nel 2019, "Il campione" è un film sul calcio, ma anche sulla vita. Riprendendo un modello utilizzato nelle commedie degli anni '80, vediamo vere azioni di partite della Serie A riprese in campo largo, poi le scene interpretate dagli attori con le vere divise delle squadre, con una cura dei dettagli sicuramente superiore all'Allenatore nel pallone e ai vari epigoni. E' sbagliato però pensare a "Il campione" come film esclusivamente dedicato al calcio, anche se traccia un impietoso ritratto dei divi pallonari del giorno d'oggi: viziati,  circondati da una corte dei miracoli che fa la bella vita praticamente sulle spalle del calciatore, nella fattispecie del film il giovanissimo talento della Roma Christian Ferro, interpretato da un bravissimo Andrea Carpenzano, molto spontaneo nella sua recitazione. Sotto però le montagne di soldi, luci della ribalta, social e macchine di lusso, c'è anche dell'umanità da riscoprire.


Nella fattispecie, sarà il suo professore Valerio (Stefano Accorsi) a far risplendere la parte più vera di Christian. Forse la "conversione" del calciatore viziato in studente determinato può sembrare scontata, un po' banale e retorica (come il corteggiamento a una ragazza di estradizione più bassa, con la consueta scena della cena stellata che viene abbandonata in luogo di un bel panino gigante), ma il percorso intrapreso da Christian non è così lineare. Inoltre c'è anche il percorso di maturazione del suo professore: e nel suo caso il calcio diventa semplicemente una metafora, perché non è facile trovare la forza di ripartire dalle più terribili delle sconfitte.

Valerio insegna a Christian la storia usando gli schemi, come nel calcio

Film quindi ben strutturato e arricchito dalla presenza di spalle molto efficaci: su tutti il procuratore interpretato magistralmente da Mario Sgueglia (Suburra, Rosy Abate). In un film sul calcio in effetti non potevano essere infatti trascurati "i comprimari": nel pallone infatti non servono solo i gol degli attaccanti e le giocate dei fantasisti, ma anche il prezioso lavoro dei terzini e dei mediani..

Mario Sgueglia difende il suo assistito

Commenti

  1. Riky, l'ho visto una settimana fa su SKY. A me è piaciuto molto. Forse il film e troppo tenero.
    Per me il cinismo va oltre i fatti narrati nel film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che tu l'abbia visto :)
      Condivido: è troppo tenero.
      Aggiusta facilmente le situazioni, nella realtà è diverso.
      Comunque una piacevole visione.

      Elimina
  2. Fa piacere sentir parlare bene di un film italiano. Se capiterà, lo vedrò. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace molto il cinema italiano. Certo, quello del passato, soprattutto quello di genere. Ma i film nuovi ogni tanto li guardo. Spesso rimango deluso, ma bene o male qualcosa da rimarcare lo trovo sempre. Questo, posso dire, mi ha convinto :)

      Elimina
  3. Sai che non sono cinefila ma quando leggo Stefano Accorsi un po' di curiosità mi viene sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che avete la stessa voce?
      Lo spero per te. Adoro la voce di Accorsi. Molto molto radiofonica.

      Elimina
    2. Magari Sara, magari :D
      Forse un po' nella cadenza :D

      Elimina
  4. Insomma, rischia un po' sul buonismo (specie nella questione dello studio).
    Sull'argomento calciatori e vizi, ricordo una stupendamente trash serie tv di Canale 5 che purtroppo non ha mai avuto un sequel: era il mio guilty pleasure dell'epoca.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahha la vorrei rivedere quella serie (anzi, vedere, ne vidi solo alcuni stralci)! Ho sposato un calciatore! C'era un attore che aveva fatto il calciatore anche in una produzione Rai dimenticata, con Enzo De Caro, regia del regista de L'allenatore nel pallone. Mi piaceva molto :D

      Elimina
    2. Enzo De Caro mi piace un sacco, sai??
      Ma com'è sta storia che assomigli ad Accorsi?? 😂😂😜

      Elimina
    3. Viva Ho sposato un calciatore! **

      Moz-

      Elimina
    4. Enzo De Caro in quella storia fa l'allenatore!
      Moz, sappi che se dovessi guardare Ho sposato un calciatore, sarai responsabile delle reazioni avverse :D

      Elimina
  5. L'ho evitato, ma solo perché credo di averne visti di meglio...che poi è italiano e della "Roma" non importa...forse...

    RispondiElimina
  6. Ciao Riccardo! A me questo film è proprio piaciuto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Mi fa piacere. Lo hanno dato anche una sera fa su Sky :)

      Elimina
  7. Risposte
    1. Coppa del Mondo FIFA 2002
      1 Al-Deayea, 2 Al-Jahani, 3 Tukar, 4 Zubromawi, 5 Harthi, 6 Al-Shehri, 7 Al-Shahrani, 8 Noor, 9 Al-Jaber, 10 Al-Shalhoub, 11 Al-Dosari, 12 Dokhi, 13 Sulaimani, 14 Khathran, 15 Al-Dosari, 16 Al-Owairan, 17 Al-Waked, 18 Al-Temyat, 19 Al-Ghamdi, 20 Al-Yami, 21 Zaid, 22 Al-Khojali, 23 Al-Thagafi, CT: Al-Johar

      Elimina
  8. Ma dove cazzo hai tirato fuori 'sto film? È roba girata tra amici, senza una distribuzione vera? Roba da YT (Accorsi ha partecipato anche coi Casa Surace 😅).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah nooo è un film "impacchettato bene". Da rrrromanista dagli un'occhiata!

      Elimina

Posta un commento