Baggio e Borgonovo show, Inter k.o.: le moviole dei sette gol


Nella 17esima giornata del campionato di Serie A 1988-89, la Fiorentina fermò la forte Inter di Trapattoni grazie alle prodezze dei suoi attaccanti: Stefano Borgonovo e Roberto Baggio.  Tra le fila dell'Inter giocava Nicola Berti, ex di turno.

Il primo gol di Serena
I neroazzurri presentarono il consueto schieramento con Serena e Diaz in attacco, supportati da Matthaus e da Bianchi, mentre la Fiorentina si presentò con un 4-4-2, con Mattei a rimpiazzare Carobbi sulla sinistra, l'asse Bosco-Salvatori a destra.


La partita si sbloccò al 14': dubbio contatto in area tra il libero viola Hysen e Serena, rigore trasformato con freddezza dallo specialista Matthaus.



Dopo una traversa di Baggio, al 34' i viola raggiunsero il pari: destro sporco di Borgonovo che divenne assist proprio per Roby, bravo a girare a rete e a beffare Zenga, preso in controtempo.


Al 52' Cucchi, ex di turno, fu protagonista di una pregevole azione personale. Il centrocampista entrò in area rientrando sul piede sinistro e beffò Zenga con una conclusione angolata.


L'Inter ebbe una grande reazione e in due minuti tornò in vantaggio. Al 55' Aldo Serena sfruttò una dormita in uscita di Landucci per infilare il 2-2 di testa.


Due minuti dopo la dormita fu della difesa viola, su un traversone di Ramon Diaz: Serena fece doppietta con un potente colpo di testa.


Trapattoni tolse un attaccante, Diaz, per inserire un difensore: il giovane Verdelli. Mossa non azzeccata. Al 73' ancora Cucchi entrò in area, il suo tiro di destro fu corretto in rete dall'implacabile Borgonovo.


All'84' il gol decisivo, nato da un clamoroso errore di Beppe Bergomi. Il corto retropassaggio del difensore fu intercettato da Borgonovo, che dribblò l'incolpevole Zenga, segnando la propria doppietta personale.

Foto e disegni di Paolo Sabellucci tratti dalla mia collezione personale del Guerin Sportivo

Commenti

  1. Di nuovo un applauso a Paolo Sabellucci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui era veramente nel pieno della sua maturità da disegnatore del Guerin. Molto belli!

      Elimina
  2. Disegni così...sarebbe da farci un quadretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che su quel numero del Guerin, questi gol e quelli di un'altra partita erano praticamente tutti in due facciate, come un poster. Spettacolare!

      Elimina
  3. Madonna, davvero Sabellucci era un mago nel rendere chiare tutte le azioni.
    Mi piace che i suoi disegni siano quasi modelli standard, in posa.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto bene l'essenza del suo disegno. Secondo me era molto dinamico. Quello di Paolo Samarelli è molto più raffinato, ma di quello di Sabellucci apprezzo molto questo aspetto.

      Elimina
  4. Bellissimi questi disegni.
    P.S. Non ricordavo che Baggio avesse giocato nell'inter.
    Sarà la solo macchia nella sua carriera? 😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'Inter fu fatto "fuori" da Lippi, eppure aveva ancora molto da dire!

      Elimina
  5. Buon Natale Ricky.
    PS forse è meglio se cambio squadra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sotu, contraccambio di cuore.
      Per il Napoli quest'anno va così.
      Il prossimo sarà molto importante. Non sarà facile riprendere il treno della Champions. Guarda il Milan come si è ridotto..

      Elimina
  6. A leggere certi nomi viene il groppone, comunque bella partita e bei disegni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nomi "cult" di un calcio "cult". Nel caso di Borgonovo, stringe davvero il cuore pensando al suo destino.

      Elimina
  7. La mitica B2... quanti ricordi...
    La Fiorentina mi piaceva tanto all'epoca (pur essendo il mio cuore rossonero) e mi piaceva vedere giocare insieme Roby Baggio e Stefano Borgonovo.
    Se penso alla terribile fine di Stefano mi viene un magone enorme 😔

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da tifosi milanisti abbiamo avuto la fortuna di vederli entrambi, anche se in anni diversi e con risultati diversi, in maglia rossonera.
      Fine terribile, davvero...

      Elimina
  8. Devo fare un corso da pagliaccio che fa i pupazzi coi palloncini e ricreare qualche moviola di Sabellucci 😄
    Ammazza che errore di Bergomi, sembra un tiro contro la propria porta più che un retropassaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel gol di Sosa dell'altro post il palloncinaggio mi sa che è al massimo :D
      E anche io ho avuto la tua sensazione sul tocco di Bergomi XD

      Elimina

Posta un commento