"Alé alé alé o-o": inno al calcio e all'amore. Retrospettiva e censure


Abbiamo già parlato di "Alé alé alé o-o", cartone animato tratto da un manga e trasmesso da Italia 1 nella primavera del 1997.

In primo piano i quatto protagonisti: Jim, Cindy, Toshi e Kenji

La storia è quella di quattro liceali della scuola Kakegawa: Toshi, Jim, Kenji e Cindy. I primi tre sono calciatori della squadra che gioca con una splendida maglia bianca a inserti rosso-neri (evidente omaggio al Milan, una squadra amatissima in Giappone), la ragazza è invece la manager della squadra. Come detto, la storia si concentrerà sul triangolo amoroso tra Toshi, Jim e Cindy e inoltre quest'ultima sarà chiamata a una scelta: seguire la squadra fino in fondo al campionato nazionale o intraprendere la carriera da Idol? Sul campo la squadra insegue le vittorie nei vari campionati scolastici. L'evento clou sarà la tragica morte di Kubo, il vero fuoriclasse e il vero n.10 della storia: un addio inaspettato e tragico, per problemi al cuore, al termine di una partita nella quale aveva trascinato letteralmente i compagni alla vittoria. "Alé alé alé o-o" racconta anche il percorso calcistico di una squadra costretta a ripartire dopo la perdita del suo giocatore più forte. La fascia di capitano passa all'esperto Kamo. Il posto di Kubo viene preso da Dario, talentuoso studente di origine brasiliana, mentre l'eredità spirituale e la maglia n.10 passano sulle spalle di Toshi (che prima vestiva l'11). Una maglia "pesantissima" e per Toshi quello sarà un ulteriore momento di crescita. In "Alé alé alé o-o" i protagonisti affronteranno tante squadre e tanti giocatori, con i propri punti di forza e le proprie debolezze. Tanti più che è difficile dire quali siano i giocatori più forti. Ed è questo uno dei punti di forza del cartone animato. Lo stesso portiere Kenji, per quanto molto forte e talentuoso, è un "vero portiere": compie grandi parate, ma commette anche errori.

Il leggendario Kubo

La maglia del Kagegawa
L'annuncio della morte di Kubo da parte di Kamo (futuro capitano)
Kenji beffato da un tiro ad effetto


L'ADATTAMENTO ITALIANO. Molti nomi sono stati adattati, altri lasciati integralmente. Il liceo si chiama appunto Kakegawa. Kazuhiro diventa Jim, Kazumi diventa Cindy; ma Kenji, Kubo, Nitta, Kamo (il soprannome dal cognome Kamiya) sono i cognomi originali. Toshi in realtà è Toshihiko Tanaka. Molti nomi sono stati italianizzati, come Paco, Attilio, Arturo e Alberto. In pratica si genera una grande confusione: tutti sono chiamati per nome (anche dal telecronista), quando in realtà tutti sarebbero generalmente chiamati per cognome (come avviene d'altra parte nel manga Captain Tsubasa).

Kamo, nuovo capitano

CENSURE. Anche per "Alé alé alé o-o" Mediaset è intervenuta con le forbici della censura. Sono stati eliminati riferimenti agli alcolici e alle sbronze (in un episodio Jim si ubriaca, nel doppiaggio Mediaset invece si parla di un non imprecisato sonnifero messogli da Cindy nel bicchiere!).

In meritò a ciò, l'episodio 22 è stato fortemente censurato. Cindy beve per errore una bevanda alcolica, presa in un distributore automatico, e sembra addormentarsi. Non si capisce se Toshi, intento a sollevarla, sia effettivamente tentato da toccarle il seno. Cindy è comunque sveglia e "rimprovera" l'amico.




La sequenza "incriminata"

Toshi porta Cindy a casa sua e la ragazza trascorre la notte nella camera della sorella maggiore di lui, Natalia. Toshi al mattino la trova così: con il pigiama della sorella, troppo largo per lei.

La faccia di Natalia sullo sfondo!

Guardava l'anello

Peraltro questa censura produce un'incongruenza nella versione italiana: Cindy è prima in compagnia di Toshi, di sera, poi sembra che sia passata a prendere l'amico a casa (in realtà esce da casa sua). I fatti però vengono ricordati nell'episodio 24 (il disegno è inequivocabile..ahha!) e qui Mediaset non è intervenuta con la censura. Il dialogo italiano non lascia dubbi: davanti al disegno di Cindy, realizzato da Natalia, Toshi dice esplicitamente: "Natalia come pittrice è una schiappa, ma per fortuna conservo la mia dolce Cindy nella memoria".




La faccia di Jim alla finestra!!

NON CENSURA. Nel cartone animato il portiere Kenji  ha una cotta, ricambiata, per Natalia, la già sorella maggiore di Toshi. E' già abbastanza significativa la relazione tra un adolescente e una ragazza più grande, ancor di più perché c'è una scena piuttosto esplicita. Nell'episodio 39, infatti, Natalia rimane a seno nudo, mentre si cambia, sotto gli occhi del ragazzo che è alle sue spalle. Lei però è davanti a uno specchio e quindi Kenji vede tutto. La scena è casta, ma tutto sommato ci ha sorpreso non vederla censurata da Mediaset.


Le prime tette fanno questo effetto

Nell'episodio 50 Kenji salva Natalia da un tentativo di stupro. In pratica prende una caterva di botte da alcuni malintenzionati, riuscendo però a salvare la sua amata. Fermato in commissariato, Kenji viene rilasciato mentre i compagni stanno giocando una partita. Arriva in tempo per parare un rigore e trascinare i suoi alla rimonta vincente. Natalia lo aiuta a vestirsi e lo bacia appassionatamente sotto gli occhi di compagni, avversari e tifosi sugli spalti (nessuno che si sconvolge della cosa, va beh). Questa è per me la scena chiave del cartone animato, perché unisce i due "motori" della vicenda: le imprese sportive e l'amore!









L'amore infatti è ciò che spinge i personaggi ad affrontare le sfide calcistiche, ma anche le sfide di ogni giorno. A migliorarsi e a lottare per gli obiettivi. Tutto riassunto splendidamente da questo verso della sigla di Cristina d'Avena, una delle sigle più belle mai scritte per un cartone animato

per segnare tu dovrai imparare
ad ascoltare il cuore con assiduità!
scoprirai che il goal più bello
nasce sempre dall’amore!

La sigla riassume un'altra importante lezione di vita che insegna lo sport

alè o-o non ti abbattere se fai un errore 
alè o-o ogni errore è in fondo una lezione 
l’importante è riprovare senza farne mai un dramma dai alè o-o! 
anche un gran campione può sbagliare il calcio di rigore!

Il calcio come metafora della vita: quante volte nella nostra vita abbiamo sbagliato un calcio di rigore?


Commenti

  1. Voto sì per il cartone animato in quanto aderente alla realtà.

    RispondiElimina
  2. E' così anche nella vita, come no. Tutti facciamo errori, anche gravi. Bisogna comunque avere il coraggio e la forza di ripartire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, questa canzone, a me ha fatto pensare istantaneamente a quest'altra:
      "Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore
      Non è mica da questi particolari
      Che si giudica un giocatore
      Un giocatore lo vedi dal coraggio
      Dall'altruismo e dalla fantasia.
      E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai
      Di giocatori tristi che non hanno vinto mai
      Ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro
      E adesso ridono dentro al bar".

      Però è di tutta un'altra classe ;) buona giornata.

      Elimina
    2. Esattamente, l'immagine del calcio di rigore è sicuramente presa dalla più famosa canzone di De Gregori :)

      Elimina
  3. Le care vecchie scenette sexy degli anime :D

    RispondiElimina
  4. Ah ecco, ora capisco perché ti piaceva così tanto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era di tutto dai, pallone, amore e scenette sexy :D

      Elimina
  5. Io per questo genere di cartone voto no xD Non per essere bacchettona o ipocrita ma dico io, c'è tanto tempo per crescere e fare/vedere cose da adulti, almeno per un po' i bambini lasciamoli nel mondo delle favole :D
    Tanto ora ci sono i telefoni che risolvono il problema xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde io sono cresciuta con Hamtaro e direi che si vede ahahahahaahah

      Elimina
    2. Ma sì: tieni conto che io ho visto questo cartone da studente delle medie.
      Per i bambini delle elementari meglio Holly e Benji e Palla al centro per Rudy (o al più La squadra del cuore).

      Elimina
  6. Era appunto una storia più realistica perché mostrava anche altro, oltre lo sport.
    Una scelta vincente.
    Non ricordo solo una cosa: quando muore Kubo, la Mediaset ha lasciato il termine morte morire ecc o ha usato altro?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che Kano abbia detto "Kubo è morto" :D

      Elimina
  7. Insomma più maturo di Holly in certi aspetti, anche quelli maggiorati. :-P

    RispondiElimina
  8. Ma dai. Censurare un povero ragazzo che FORSE tenta di sfiorare il seno.
    Per forza sei venuto su così. È colpa dei cartoni! 😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giapponesi inseriscono sempre questa cosa della palpata al seno. Sono fissati :D

      Elimina
  9. Ecco la mia recensione.

    "«Toshi, ti piace giocare a calcio, vero?»

    "Aoki densetsu - Shoot!" Trasmesso su Italia 1 nel 1997 col titolo Alé Alé Alé o - o tratto dall'omonimo manga di Tsukasa Ōshima, racconta la storia di Toshihiko Tanaka, un giovane studente giapponese col sogno di raggiungere il campionato scolastico nazionale dopo che alle medie, a causa di una rissa di un suo compagno di squadra Kenji Shiraishi, la squadra della loro scuola venne squalificata dal campionato. Passati alcuni anni e arrivati alle superiori, il sogno può continuare.
    Questo anime è narrato ottimamente; inoltre, grazie anche ai suoi splendidi personaggi, alle musiche suggestive e ai disegni tipicamente anni '90, riesce ad essere poetico e toccante...
    La storia si divide tra le varie partite del campionato scolastico e la vita comune di ragazzi adolescenti: tra scuola, amori, uscite con gli amici e speranza nei propri sogni. Graficamente delizioso con i classici colori accessi degli anni' 90, la musica lo accompagna rendendo ancora più struggente i momenti più importanti della storia. Alcune scene sono capaci di commuovere come raramente accade in questo tipo di anime. A rendere il tutto ancora più bello c'è il triangolo d'amore tra Toshi, Kazuhiro e Kazumi, la manager della squadra.
    Il calcio in questo anime viene raccontato in maniera semi-realistica senza particolari esagerazioni ma neppure in maniera reale al 100%.
    Poetico, toccante e commovente, "Aoki Densetsu Shoot" riesce con naturalezza e in maniera sorprendente a toccare le corde del cuore…"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima recensione amico mio! Condivido, graficamente è un cartone ben fatto, guarda il confronto tra i calciatori di Ale Ale Ale O O e quelli di Tsubasa...Le partite sono semi realistiche, anche se sì, ci sono delle azioni non proprio costruite realisticamente, a parte i soliti tiri bomba :D.
      Concordo sul poetico e commovente.
      Molto bello quest'anime, da riscoprire!

      Elimina
  10. "per segnare tu dovrai imparare
    ad ascoltare il cuore con assiduità!
    scoprirai che il goal più bello
    nasce sempre dall’amore!"


    Riky lo colgo come segnale l'Amore che trova sempre un post(o)di collocazione...ti ringrazio tanto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprendiamo da qua :)

      Ma cosa tiene in piedi un mosaico se non l'Amore ...che spinge attraverso il suo linguaggio...prendendo in prestito parole...forse nemmeno quelle sono un nostro possesso ma un esplosione di libertà che ci riconduce all 'Amore stesso!

      Speriamo davvero...che l'amore possa essere anche un faro!

      Elimina
  11. L'Amore come un faro mi piace molto...quel fascio di luce in grado di rapirti.

    Ti mostro un altro inno all'Amore di cui li ti avevo accennato...

    "e anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
    ma non avessi l’amore,
    sono come un bronzo che risuona
    o un cembalo che tintinna.
    E se avessi il dono della profezia
    e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza,
    e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne,
    ma non avessi l’amore,
    non sarei nulla.
    E se anche distribuissi tutte le mie sostanze
    e dessi il mio corpo per esser bruciato,
    ma non avessi l’amore,
    niente mi gioverebbe.
    L’amore è paziente,
    è benigno l’amore;
    non è invidioso l’amore,
    non si vanta,
    non si gonfia,
    non manca di rispetto,
    non cerca il suo interesse,
    non si adira,
    non tiene conto del male ricevuto,
    non gode dell’ingiustizia,
    ma si compiace della verità.
    Tutto copre,
    tutto crede,
    tutto spera,
    tutto sopporta.
    L’amore non avrà mai ".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere la pienezza della fede, ma senza l'amore non avere nulla..
      Non conoscevo questo passaggio..l'amore è davvero una forza indistruttibile..così risposi ieri a chi ha scritto su Facebook che "l'amore è fragile":

      "...ma l'amore è davvero fragile? Io credo che sia solo di apparente fragilità. Il vero amore è indistruttibile. Anche se non corrisposto. Purché sia appunto vero, puro, incontaminato".

      Elimina
    2. Mi fa molto riflettere questa tua risposta su Facebook ..come se conoscessi davvero il senso di quelle parole,sono dettate da una certezza interiore...di certo un po sperimentata e consapevolizzata.L'Amore non corrisposto ...chissà se sia davvero così oppure una sorta di amore privilegiato solo in chi sa amare in quel modo con una compiutezza sotto forme più elevate e sconosciutamente misteriose...Non consumato a livello fisico ma compiuto in una sfera eterna e mistica..

      Elimina
    3. L'amore non corrisposto è comunque un amore che riempie il cuore di chi ama..
      Lo fa stare meglio, pensare a quella persona..a volte si soffre, è vero, ma in generale è meglio la presenza di un sentimento d'affetto piuttosto che l'assenza! Ovviamente deve essere un amore puro..

      Elimina
    4. "Però voglio invitarti a reagire a questa situazione: se ci sono persone che ti sono vicine e che senti vicine, apri il tuo cuore. Non avere paura di metterti a nudo. Ne guadagnerai e ne guadagneranno loro. Perché quando una persona apre il suo cuore a un'altra (parlo di bene in generale, non di amore in senso stretto), anche l'altro lo farà e si creano quelle connessioni che rendono la nostra vita migliore"

      Dimmi qualcosa ti prego ,dimmi di più se riesci su queste tue parole...anche se a questo punto avrebbe senso tutto ,perfino il silenzio!


      Sappi che sono felice...felice che tu ci creda ...felice di aver trovato non certo per caso questo scritto...Non è che io senta di conoscerti ,ma di averti riconosciuto proprio grazie a quel senso profondo di connessioni.

      Elimina
    5. caspita, era un mio commento a Dama Bianca, un commento di molto tempo fa...

      E' così..mi sono allenato in questi anni ad aprire il cuore a persone che ho sentito vicine..adesso la parte più difficile..aprire il cuore in generale e farlo aprire..
      La mia presuntuosa missione sui social...😊

      Elimina
    6. Presuntuosa missione sui social...Dio riesci a stravolgere anche il senso di una parola come "presunzione" nel contesto di una frase ...una bella accezione...vera .Hai avuto sempre l'umiltà di non svelarti per tutti questi pregi...o forse lo hai fatto una sola volta e hai temuto di non essere creduto,invece eccoci qua,nei misteri della vita.

      Sai oggi ho letto un post e mi rendevo conto di quanto uno "psicopatico" riesca nel suo mal vivere ad unire le persone.PROVO un senso di tristezza per quella inconsapevolezza,ma ha un senso che queste persone esistano...chissà in che modo cercano l'Amore loro "gli psicopatici".Se ci schieriamo con il bene verso il bene ,quale azione virtuosa compiamo?...me lo chiedo sai e non è una critica a nessuno in particolare,è solo un mio modo di esternare quel sentire che non sempre è equilibrio...spesso tendo a scendere e a rimanere a fondo per un po,ma ti assicuro che non mi è mai mancato quell'appiglio per risalire.Grazie per la tua capacità autentica di ascolto...per come senti di essere...spero ti arrivino un po di onde in sottofondo,sono quelle che sto ascoltando adesso in riva al mare :)

      Elimina
    7. Anche a me ha fatto molto tristezza tutta la storia..spero possa davvero finire nel migliore dei modi..anche se non condivo la troppa enfasi alla storia (e in privato l'ho fatto presente..). Difficile dare una risposta ai tuoi interrogativi, mentre è certo che si debba schierarci con il bene verso il bene..
      Comunque L. ho un rammarico..perché tu sei riuscita a leggere i pregi e altri non ci riescono? Non ci riescono o non ci provano neppure?

      Elimina
    8. -Difficile dare una risposta ai tuoi interrogativi, mentre è certo che si debba schierarci con il bene verso il bene.

      Forse spesso si gioca troppo con le parole che possono non corrispondere davvero all'amore che vince sul male ,ma al male sul male proprio per quell'eccesso di enfasi .Rimanere in silenzio dando modo di ascolto a quella parte spirituale di noi che probabilmente vuole elevarsi ma non lo permettiamo ricadendo ripetutamente nello stesso errore... ?chissà!Mi metto spesso io in questa condizione,cercando di migliorare come ogni qualsiasi imperfetto essere umano ...ambire ad una discreta conoscenza spirituale interiore.

      Non ci riescono o non provano ad avvicinarsi a questi tuoi pregi?Non percepisco questo sinceramente...:)il tuo pregio più grande per me è tradurre ogni cosa con il linguaggio dell'Amore...Da qui poi la generazione di altri sotto ogni aspetto ,dal cartone ,al cinema ,allo sport ,alla musica.Tu sei connesso all 'Amore e devi esserne felice ...sei un ottimo esempio in rete e di certo anche fuori.Ecco te l'ho detto ,perché ci credo .Come faccio a crederci?Perché lo sento...ciao stai bene eh..

      Elimina
  12. "Io credo soprattutto in Gesù Cristo, il più grande rivoluzionario della storia. Credo fortemente nella rivoluzione dell'Amore che ha insegnato, anche se non è facile metterla in pratica. Non mi piace la ritualità delle religioni. Nel complesso io credo che le religioni siano comunque una via per dare risposte agli interrogativi della vita, soprattutto al dolore e alle esperienze negative. La fede per me è un valore. Poi ci sono buoni e cattivi sacerdoti. Le parole dei primi sono veramente un arricchimento anche per chi non è credente. E ovviamente la religione non deve diventare fanatismo".


    Queste righe,sai cosa sono per me ?Quel faro!

    Come se riconoscessi la provenienza ...se solo potessi avere una conferma a questo mio modo di sentire...se solo riuscissi a percepire bene non più la verità ormai rivelatasi sotto tante sfumature ...ma la fonte .

    Se scrivo questo sei in grado di capire e tradurre un po il tuo di sentire ... ti riesce
    comprendere ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara...
      la fonte...dovrebbe essere il mio cuore, no? O forse è quella stessa Fede, un po' nascosta? Chissà...
      Grazie per aver letto quel mio post...
      Spero di aver spento bene l'incendio..

      Elimina
    2. Come fonte "il tuo cuore"...certamente ! ...sono tue righe in cui parla la parte di te più profonda .Quello che intendevo è un modo di sentire mio inequivocabile con l'Amore come stessa fonte di quella altrui ...

      Si hai spento in modo eccellente l'inizio di un incendio...che prescinde da un discorso di Chiesa e di fede ,perché l'Amore è tra i più potenti messaggeri di bene e di pace.Grazie ,un abbraccio a te...

      Elimina
    3. Mi fa davvero piacere che tu mi dica questo..non volevo ferire nessuno..ma non era giusto parlare di quelle cose..

      Prescinde da un discorso di Chiesa e Fede..

      Proprio così..

      Elimina
    4. So che succede quando un fiume è in piena ,straripa e inonda ...invade e può anche arrecare danni .

      Mi dispiacerebbe tanto se io invado arrecando danni ...forse dovrei darne un preavviso ma mi dico sempre di riuscire a contenere quella forza ,invece travolge anche me sai ...travolge anche me ,scusami

      Elimina
    5. Non ti dovrai mai scusare..i tuoi interventi sono sempre una boccata d'aria pura! Anzi in questi giorni che ho poco tempo, hai lasciato una bella impronta indelebile, nei miei spazi! Un fiume di bellezza che non straripa, ma disseta le piante..cioé le persone!

      Elimina
    6. In questo caso dovrei dirti GRAZIE in maniera molto speciale e ovviamente di cuore.

      Quello scavare ...si è vero... è stato così ,sapevo che c'era dell 'oro puro : ))tutto straordinariamente merito del tuo essere ,e di quella dolce
      essenza che ti caratterizza .Mi hai reso spesso felice per questo.

      Spesso sento che siamo un po' "strumento",tipo un telescopio che ingrandisce piccoli punti luminosi contemplandoli in tutta la loro bellezza al momento che li avviciniamo a noi ...poi la sfida tra lo strumento e l'occhio nudo :coraggio cosa vedi non attraverso me? ...beh si con te la bellezza è quasi scontata ... ad occhio nudo non ci sono sconti , è una realtà terrena un po' più cruda.E per quanto non possiamo comprendere il perché del male possiamo sentire che ha un senso anche la sua esistenza
      ...ma l'Amore che ci rende strumento spesso raccoglie fasci di luce e ci illumina in quella traiettoria... chissà forse è quella la dimensione in cui ci ri-conosciamo!

      Un abbraccio strettissimo

      Elimina
    7. Dell'oro puro..addirittura :)... Sai cosa mi dispiace? Che le persone spesso non abbiano tempo di scavare... Vivono una vita fatta di superficialità, con una finta interiorità che è solo di facciata..il copiare citazioni e incollarle così, per darsi un tono..
      Comunque solo una nota, non è un punto di tristezza..
      Io adesso voglio essere un "cacciatore di bellezza", di qualunque tipo ❤

      Elimina

Posta un commento